Maggio 20, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Burberry si unisce all’esodo dei marchi di lusso dalla Russia | gruppo Burberry

Burberry è diventato l’ultimo marchio di lusso a chiudere temporaneamente i suoi negozi in Russia dopo l’invasione di Mosca della vicina Ucraina, dopo simili mosse nei giorni scorsi da Louis Vuitton, Hermès, Kring, Chanel e Prada.

Il marchio di moda inglese ha tre negozi nel Paese, di cui uno gestito dal franchisor e l’altro sulla famosa Piazza Rossa di Mosca. Aveva già annunciato la scorsa settimana che avrebbe interrotto le consegne ai punti vendita, ma ha confermato questo fine settimana che per ora li avrebbe chiusi.

La sua decisione di sospendere le spedizioni nel Paese “a causa di difficoltà operative” aveva già portato alla chiusura delle sue operazioni online in tutto il Paese. Il sito russo di Burberry era ancora attivo e funzionante a partire da domenica sera, anche se gli ordini internazionali saranno probabilmente ulteriormente interrotti da Visa e Mastercard. Decisione di ritiro Lo stato, con il conseguente divieto della maggior parte delle transazioni estere.

I marchi di lusso sono stati esentati dall’ultimo round di sanzioni dell’UE, il che significa che Francia e Italia possono continuare a esportare beni di lusso in Russia senza alcuna ripercussione legale.

Tuttavia, fare affari ed evadere gli ordini nella regione sta diventando sempre più difficile a causa delle restrizioni sui pagamenti e sulle transazioni.

Venerdì, LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton, proprietario di marchi tra cui Christian Dior, Givenchy e Bulgari, ha dichiarato che chiuderà i suoi 124 negozi in Russia da domenica, mentre Kering, che possiede Gucci e Saint Laurent, ha confermato che chiuderà due negozi in Russia . nazione.

“A causa delle nostre crescenti preoccupazioni per la situazione attuale, la crescente incertezza e complessità dell’attività, Chanel ha deciso di interrompere temporaneamente la sua attività in Russia”, ha scritto Chanel su LinkedIn.

READ  Le azioni inciampano sui nuovi timori di crescita, il dollaro continua a salire Di Reuters

Prada ha confermato sabato che seguirà l’esempio, dicendo: “La nostra preoccupazione principale è che tutti i colleghi e le loro famiglie siano colpiti dalla tragedia in UcrainaContinueremo a sostenerli”.

Giorgio Armani Affronta direttamente la guerra In passerella, con la sfilata milanese della scorsa settimana tenuta in silenzio in solidarietà con l’Ucraina. Tuttavia, la società deve ancora confermare se ha chiuso o cessato le attività in Russia in linea con alcuni dei suoi concorrenti.

I maggiori rischi operativi e reputazionali del trading nel mercato russo, così come il rischio di un ampliamento delle sanzioni, hanno pesato pesantemente sui titoli del segmento del lusso.

Le azioni Burberry sono scese di oltre il 20% dal 23 febbraio, il giorno prima che la Russia invadesse ufficialmente l’Ucraina. Il prezzo delle sue azioni è sceso da 20,63 sterline a 16,41 sterline.

Le azioni di LVMH hanno perso circa il 13% del loro valore nello stesso periodo, scendendo da € 6,65 (£ 5,50) a € 5,77.