Luglio 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Perché la grande divisione di auto elettriche di Ford potrebbe diventare ancora più grande in futuro

Perché la grande divisione di auto elettriche di Ford potrebbe diventare ancora più grande in futuro

I partecipanti guardano il camioncino Ford F-150 Lightning completamente elettrico al Washington Auto Show di Washington martedì 25 gennaio 2022.

Bill Clark | CQ-Roll Call, Inc. | Getty Images

Nel più grande affare che ho fatto da molto tempo, Ford Motor Company La scorsa settimana ha deciso di separare la sua attività di auto elettriche dalla sua tradizionale attività di auto, ma notevolmente, non si è separata dal business di auto elettriche alla ricerca di valutazioni calde delle azioni che hanno seguito il leader delle auto elettriche Tesla E a intermittenza, i follower apprezzano rapidamente Riviano E il Gruppo Lucidoi cui prezzi delle azioni hanno sofferto di recente.

azienda Wall Street si è incontrata a metà Nel suo piano di ristrutturazione, che è ancora importante, gli analisti sono stati indiretti Positivo per la decisione.

Il co-fondatore di DataTrek Nick Colas, un ex banchiere automobilistico di Wall Street che da tempo afferma che le compagnie automobilistiche dovranno convincere la strada che tali spin-off non dovrebbero essere fatti prima o poi, ha definito la mossa di Ford un “interessante riorganizzazione.”

Ha detto: “Le aziende automobilistiche non confondono spesso i loro rapporti/grafici organizzativi in ​​modo drammatico e queste mosse sono sempre rischiose in termini di produttività. Tuttavia, consentono una responsabilità di gestione più chiara e questa è sempre una buona cosa nel lunga corsa.” .

Il messaggio del management Ford è che il business delle auto elettriche, nonostante le forti vendite dell’acclamata Mustang Mach-E, non è pronto per la prima serata. Ford ha scelto la strada più sicura per mantenere più a lungo la sua promettente attività di avvio collegata alla sua redditizia nave madre. Ciò consente all’unità EV, chiamata Ford Model e, e ad altri sforzi tecnologici, di investire fino a $ 50 miliardi principalmente nel flusso di cassa della Ford esistente, che sarà chiamata Ford Blue. Quel flusso di cassa è stato di $ 40 miliardi negli ultimi due anni, il che significa che Model E non dovrà rivolgersi ai mercati obbligazionari o azionari per finanziare l’espansione.

Allo stesso tempo, Ford potrebbe essere in grado di annullare una parte del forte sconto a cui vengono scambiate le sue azioni rispetto ai giochi EV puri. Il compromesso scelto da Ford era di mantenere la propria attività coerente, ma di riportare i risultati separatamente a partire dal prossimo anno in modo che Wall Street potesse iniziare a valutare e valutare in modo indipendente la crescita del business delle auto elettriche.

girare guado

lavorerai? Per ora, la risposta è probabilmente sì.

“Adoriamo la mossa e pensiamo che sia stata guidata dalla frustrazione”, ha affermato Garrett Nelson, analista di CFRA Research. Guado [price-to-earnings ratio] Negoziazione di azioni a una cifra alta, una piccola frazione di Tesla, [dropping this year] Anche se è diventato il secondo venditore di veicoli elettrici e crescerà ancora più velocemente quando i pick-up F-150 Lightning saranno spediti in pochi mesi”.

I dirigenti Ford hanno sottolineato sia i vantaggi operativi che finanziari che il collegamento delle aziende darebbe. Farley si è concentrata sulla capacità della società combinata di finanziare la sua strategia di crescita senza accesso ai mercati dei capitali, mentre i soci hanno dettagliato in una conferenza stampa i piani per condividere i costi tra le attività dei veicoli a benzina e elettrici, tagliare i costi nell’unità tradizionale e ottenere entrambi i lati del affari che lavorano insieme Per aumentare la redditività più velocemente di quanto potrebbero fare da soli.

“Se lo giriamo, stiamo davvero rischiando quella leva”, ha detto Farley. “Non ha senso. La leva è il punto e noi abbiamo il capitale”.

Il fulcro del piano è tagliare fino a 3 miliardi di dollari di costi annuali entro il 2026, con obiettivi chiave tra cui il budget pubblicitario di Ford – stimato a 1,8 miliardi di dollari nel 2020 dalla sola spesa statunitense Statista – e garanzie sui costi di 4 miliardi di dollari. Galhotra ha detto che sarà affrontato migliorando la qualità dei veicoli Ford.

Nelson ha affermato che è probabile che la società cercherà anche al di fuori degli Stati Uniti diversi tagli ai costi, indicando la perdita di operazioni in Europa e in alcune parti dell’Asia.

La nuova crescita sarà probabilmente guidata dall’arrivo di nuovi veicoli elettrici, in particolare l’F-150 Lightning, che Ford ha per Segnalati 250.000 preordini Sta lavorando per aumentare la produzione in anticipo per la spedizione quest’anno. Ford ha raggiunto questo obiettivo pur offrendo solo la versione elettrica del suo pick-up leader di mercato in un unico corpo, rispetto alle diverse cabine di diversi livelli di lusso nei tradizionali F-150 a benzina.

La società ha detto che si aspetta di ottenerlo Un terzo delle vendite di auto saranno auto elettriche entro il 2026 Circa 2 milioni di auto. Ha venduto circa 726.000 F-150 negli Stati Uniti l’anno scorso.

Ma c’è ancora motivo di sospettare che le vere differenze potrebbero verificarsi prima.

I discorsi separati sui veicoli elettrici non andranno via

Tutto ciò potrebbe, infatti, posizionare meglio Ford per fare il resto dell’accordo ed eliminare un’intera unità Ford E entro il 2024, ha affermato Dan Ives, analista di Wedbush.Gli interruttori continueranno ad espandere le vendite della Mustang Mach elettrica -E, che ha venduto più di 27.000 unità nel 2021, quasi la metà del numero di Mustang a benzina e un seguito alla promessa iniziale del jet elettrico F-150 e un veicolo commerciale elettrico online per le piccole imprese, con altri modelli aggiunti man mano che l’azienda cresce.

“Entro 12-18 mesi, dato il successo dell’F-150, gli investitori vorranno vederli raccogliere capitali e raddoppiare”, ha affermato Ives. “Quando inizieranno a segnalare le vendite di unità, in modo da poter vedere la domanda nel settore delle auto elettriche, saremo in grado di valutarla. Alla fine è il primo passo verso una propaggine del settore delle auto elettriche”, ha aggiunto Ives.

Le questioni fondamentali che il management di Ford deve affrontare si estendono oltre il settore automobilistico. Nell’energia, dove le imprese ad alta intensità di carbonio sono minacciate dalle rinnovabili, gli operatori storici sono minacciati Sotto attacco da parte degli attivisti per considerare gli effetti collaterali. Shell ha affrontato una campagna attiva e il suo CEO ha risposto che gli investitori non sono riusciti a comprendere l’importanza dell’attuale modello di generazione di cassa per gli investimenti futuri nelle energie rinnovabili. E l’anno scorso ha dimostrato di essere così Momento di punta nella ristrutturazione aziendale di aziende famose, tra cui GE e Johnson & Johnson.

Emily Feldman, professoressa di management presso la Wharton School, University of Pennsylvania, specializzata in ristrutturazioni e dismissioni aziendali, afferma che Ford e altre società automobilistiche che potrebbero seguire il suo approccio non stanno emettendo quella che è probabilmente l’ultima parola sulla struttura dell’azienda, culminando in una rottura completa.

“Oggi, c’è ancora valore nel business Ford di auto elettriche convenzionali e veicoli che rimane integrato, a causa del flusso di cassa o di altre dipendenze operative. Ad un certo punto in futuro, però (forse una volta che la tecnologia dei veicoli elettrici si svilupperà ulteriormente), il calcolo cambierà…”

La storia del mercato è piena di esempi in cui il valore della separazione alla fine ha superato il valore dell’integrazione e poi si sono verificate astrazioni.

“Situazioni si sono ripetute molte volte in tutti i settori e periodi di tempo, sia che si tratti di aziende con attività tecnologiche vecchie e nuove, società con società mature e altro, o società con attività di materie prime e prodotti finiti”, ha affermato Feldman. “Sospetto che alla fine accadrà lo stesso a società come Ford, GM nel settore automobilistico, Shell e altre società energetiche che hanno un’attività di energia verde rispetto a quella marrone”.

Adam Jonas, analista di Morgan Stanley, ha affermato che altre case automobilistiche come General Motors e Volkswagen staranno a guardare per vedere se possono fare mosse simili. Ma Jonas, che non consiglia le azioni Ford, ha affermato che fare affidamento sul flusso di cassa per l’attività esistente è un costo esorbitante del capitale investito nel settore delle auto elettriche ad alto rischio.

E secondo Colas, i confronti tra Ford e altre case automobilistiche vanno solo così lontano.

La famiglia Ford, guardando oltre le spalle del consiglio di amministrazione e concentrandosi sulla conservazione dell’icona Ford “blu” attraverso tutte le probabilità – ha notato che era l’unico dei loro coetanei a non essere mai fallito – aveva una storia di quello che ha descritto come “decisioni più ponderate su” la prossima fermata. Vogliono che sopravviva per i prossimi cento anni”.

“La Ford ha preso molte buone decisioni di recente, e questa è una di queste”, ha detto Ives.

Quando una vera Ford EV ha più senso

Quando potrebbe essere nelle carte lo spettacolo ufficiale dei veicoli elettrici per single? Può essere meno dettato da un programma predeterminato del ciclo economico e dal momento in cui si verifica una recessione.

Il finanziamento dei veicoli elettrici dipende attualmente dal mercato degli autocarri negli Stati Uniti e Ford potrebbe continuare ad avere quei termini per alcuni anni a venire, con i contanti dei veicoli convenzionali che consentono a Ford di raggiungere tutti i suoi obiettivi. Se si verifica una recessione, ha detto Colas, “non saranno in grado di avvicinarsi ad essa”. “Le auto hanno un profilo di profitto ciclico e quei flussi di cassa sono spariti, e hai ancora 5 miliardi di dollari all’anno in investimenti in auto elettriche che devi fare. Dove li otterrai quando vendi meno di quattro milioni di auto?”

La sua visione del settore automobilistico basata sul suo tempo come banchiere: le compagnie automobilistiche tendono a fare la cosa giusta quando hanno le spalle al muro finanziariamente, in un’economia debole. “Ogni altra parte del ciclo sono esitanti. Vogliono mantenere la massa critica”, ha detto Colas.

Uno spin-off Ford EV non guadagnerà necessariamente un rating Tesla poiché la maggior parte dei profitti nei prossimi otto anni risiede ancora nelle tradizionali vendite di F150. Ma l’ambiente attuale rende Ford ancora più brava nel separare i veicoli elettrici quando ha bisogno di capitale e nel fornire un minimo di capitale azionario quando colpirà la prossima recessione. “Crei un optional e non devi fare nulla”, ha detto Colas. “Ci sarà sempre un mercato per l’IPO Ford EV”, ha aggiunto.

L’analisi e la decisione del flusso di cassa di Ford mostrano una forza potente che la ricerca di Feldman sulla strategia dell’azienda ha confermato: l’inerzia che circonda i sottoprodotti e le dismissioni.

La mentalità è qualcosa del tipo: “Sappiamo che alla fine dovremo separarci, ma il flusso di cassa è troppo utile in questo momento/ L’interconnessione è troppo complessa per rilassarsi in questo momento/[insert other explanation here], quindi restiamo con gli affari”. Ha detto: “Forse questo ragionamento ora vale per Ford. Ma questa mentalità illustra come e perché alcune aziende potrebbero mantenere alcuni affari per molto tempo quando invece le dismissioni sono giustificate”.

READ  Il veterano di Crypto Hedge Fund Mark Yusko si aspetta che la "primavera" di Bitcoin darà il via al movimento BTC — Ecco la sua cronologia