Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La neutralità della rete è stata ripristinata dopo che la Federal Communications Commission (FCC) ha votato per regolamentare i fornitori di servizi Internet

La neutralità della rete è stata ripristinata dopo che la Federal Communications Commission (FCC) ha votato per regolamentare i fornitori di servizi Internet

SAN FRANCISCO (AP) – La Federal Trade Commission ha votato giovedì per ripristinare le regole di “neutralità della rete” che impediscono ai fornitori di servizi Internet a banda larga come Comcast e Verizon di favorire alcuni siti e app rispetto ad altri.

Questo passaggio ripristina efficacemente a Sistema di neutralità della rete La commissione è stata emanata per la prima volta nel 2015 durante l’amministrazione Obama. Nel 2017, sotto l’allora presidente Donald Trump, ha creato la Federal Communications Commission (FCC). Ha abolito quelle regole.

Il provvedimento è passato giovedì con un voto di 3-2 secondo le linee del partito, con i commissari democratici favorevoli e i repubblicani contrari.

La neutralità della rete richiede che gli ISP trattino tutto il traffico allo stesso modo, eliminando qualsiasi incentivo che potrebbero avere per favorire i partner commerciali o svantaggiare i concorrenti. Conoscenza generale del gruppo di interesse pubblico Descrivi La neutralità della rete è “il principio secondo cui l’azienda che ti connette a Internet non può controllare ciò che fai su Internet”.

Le regole vietano, ad esempio, pratiche che limitano o bloccano determinati siti o app o che riservano velocità più elevate a servizi o clienti disposti a pagare di più per averli.

“In un mondo post-pandemia, sappiamo che la banda larga è una necessità, non un lusso”, ha affermato la presidente della FCC Jessica Rosenworcel in una dichiarazione prima del voto.

Sebbene siano trascorsi quasi sette anni da quando la FCC ha abrogato le precedenti regole sulla neutralità della rete, il loro ripristino non dovrebbe cambiare in modo significativo l’esperienza online degli utenti. John Bergmeier, direttore legale di Public Knowledge, attribuisce questo ai molti stati che hanno approvato le proprie misure di neutralità della rete prima del 2015, che sono rimaste tutte in vigore quando la FCC ha invertito la rotta due anni dopo l'elezione di Trump.

READ  Le borse europee prolungano la loro ripresa dalla linea perdente: i mercati girano

“Alcuni dei peggiori abusi mai commessi da (fornitori di servizi Internet) sono stati controllati attraverso la censura a livello statale”, ha affermato Bergmeier.

Stati come la California sono andati oltre rispetto alla FCC, ad esempio vietando una pratica chiamata “rating zero”. In questo caso, ad esempio, un fornitore di servizi di telefonia mobile può stipulare un accordo commerciale per indirizzare gli utenti verso un particolare servizio di streaming rinunciando a eventuali costi per i dati associati. Altri stati con forti regole di neutralità includono Colorado, Maine, Oregon, Vermont e Washington, secondo Bergmeier.

L'industria delle telecomunicazioni si è opposta, come ha già fatto in passato, alla reintroduzione delle norme federali, definendola un esempio di inutile interferenza del governo nelle decisioni aziendali.