Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Blinken esorta Israele a non attaccare Rafah, risoluzione ONU per il cessate il fuoco respinta: NPR

Blinken esorta Israele a non attaccare Rafah, risoluzione ONU per il cessate il fuoco respinta: NPR

Il segretario di Stato americano Antony Blinken arriva venerdì a Tel Aviv, in Israele.

Evelyn Hochstein/AP


Nascondi didascalia

Attiva/disattiva didascalia

Evelyn Hochstein/AP

Il segretario di Stato americano Antony Blinken arriva venerdì a Tel Aviv, in Israele.

Evelyn Hochstein/AP

TEL AVIV, Israele – Venerdì il segretario di Stato americano Antony Blinken ha esortato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a non lanciare un attacco a Rafah, nella tappa finale del suo tour regionale per spingere per un cessate il fuoco a Gaza.

Quest'ultima tappa è stata la sesta visita di Blinken nella regione dagli attacchi di Hamas contro Israele del 7 ottobre, che secondo lui uccisero circa 1.200 persone e scatenò la campagna militare israeliana nella Striscia di Gaza. Il Ministero della Sanità di Gaza ha dichiarato venerdì che il bilancio delle vittime di quella campagna ha superato le 32.000 persone.

Ciò è avvenuto in un momento in cui Netanyahu sta valutando la possibilità di lanciare ulteriori operazioni militari a Rafah, e mentre continuano i colloqui per il cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi tra le autorità israeliane e Hamas a Doha, in Qatar.

Washington ha avvertito di un simile attacco israeliano alla città meridionale di Gaza, dove più di un milione di palestinesi sfollati si sono rifugiati dopo mesi di combattimenti.

“Rischia di uccidere più civili. Rischia di creare un caos maggiore nella fornitura di aiuti umanitari. Rischia di isolare ulteriormente Israele nel mondo e di mettere a repentaglio la sua sicurezza e la sua posizione a lungo termine”, ha detto Blinken dopo il suo incontro con il leader israeliano e la sua guerra. mobiletto. .

Ma Netanyahu ha detto che Israele è pronto ad entrare a Rafah con o senza il sostegno americano.

“Ho anche detto che non avevamo modo di sconfiggere Hamas senza entrare a Rafah ed eliminare il resto delle brigate presenti. Gli ho detto che speravo che lo avremmo fatto con il sostegno degli Stati Uniti, ma che se fosse stato necessario, lo avremmo fatto. fallo.” “Lo faremo da soli”, ha detto Netanyahu in una nota.

La visita è coincisa con il voto di venerdì mattina del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che ha portato ad una nuova risoluzione fallita sulla guerra tra Israele e Hamas.

Gli Stati Uniti hanno proposto un linguaggio che richiede un cessate il fuoco immediato e prolungato legato al rilascio degli ostaggi – la prima volta che gli Stati Uniti hanno proposto un linguaggio del genere. Russia e Cina hanno usato il loro potere di veto per respingere la decisione, arrivata con una maggioranza di 11 voti favorevoli, 3 contrari e un'astensione.

Gli Stati Uniti hanno utilizzato il loro potere di veto contro le precedenti decisioni riguardanti la guerra tra Israele e Hamas nella Striscia di Gaza e hanno respinto le richieste di un cessate il fuoco immediato.

Linda Thomas-Greenfield, ambasciatrice americana presso le Nazioni Unite, ha criticato Mosca e Pechino per aver usato il loro potere di veto.

READ  Funerali di Stato per la Regina Elisabetta II all'Abbazia di Westminster

Ha aggiunto: “Russia e Cina si rifiutano di condannare Hamas per aver bruciato vive persone, per aver sparato a civili innocenti durante un concerto, per aver violentato donne e ragazze e per aver tenuto in ostaggio centinaia di persone”.

Prima della sua sosta in Israele, Blinken è apparso altrove in Medio Oriente, compreso l’Egitto, dove ha incontrato il presidente Abdel Fattah al-Sisi per colloqui su un possibile cessate il fuoco a Gaza.

Riguardo a questi colloqui, Blinken ha detto: “C’è ancora un lavoro difficile per arrivarci, ma credo ancora che sia possibile”.

James Hyder di NPR ha contribuito a questo rapporto.