Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Hamza Yousef comunica con gli oppositori prima del voto di sfiducia

Hamza Yousef comunica con gli oppositori prima del voto di sfiducia

Fonte immagine, Immagini Getty

  • autore, James Delaney
  • Ruolo, notizie della BBC

Il Primo Ministro deve affrontare una seria sfida a Holyrood dopo il crollo dell'accordo di condivisione del potere tra il governo SNP e i Verdi scozzesi.

Ma i conservatori scozzesi hanno subito respinto la sua richiesta, definendola “umiliante e imbarazzante”, mentre i laburisti scozzesi hanno definito “un atto di disperazione”.

Youssef ha anche affermato sabato che i disordini potrebbero portare a elezioni anticipate in Scozia.

Mentre era in tournée a Fife, ha nuovamente insistito di non avere intenzione di dimettersi.

Alla domanda se fosse possibile tenere un'elezione a Holyrood, ha detto Notizie dal cielo“Questo non può essere escluso.”

Le elezioni del Parlamento scozzese si tengono solitamente dopo un periodo fisso di cinque anni, con le prossime elezioni previste entro maggio 2026.

I disordini politici sono iniziati giovedì quando Youssef ha interrotto bruscamente l’accordo di condivisione del potere con i Verdi scozzesi, noto come Boat House Agreement, firmato dal suo predecessore Nicola Sturgeon nel 2021.

La decisione ha scatenato le rabbiose accuse del Partito dei Verdi, che ha poi dichiarato di voler sostenere la mozione di sfiducia nei confronti del Primo Ministro, avanzata dai conservatori scozzesi.

Venerdì i laburisti scozzesi hanno presentato una mozione di sfiducia separata, una mozione che includerebbe l’intero governo scozzese e non solo Youssef.

Ciò costringerebbe tutti i ministri a dimettersi se approvato, mentre la proposta dei conservatori non obbligherebbe Youssef a dimettersi se adottata.

Youssef ha chiesto un “contributo costruttivo” pur riconoscendo che permangono “sentimenti forti” nel periodo che precede le elezioni della prossima settimana.

“Ogni gruppo all’interno del Parlamento deve contribuire in modo costruttivo, e credo che il popolo scozzese voglia vedere i propri partiti politici lavorare insieme dove e quando possibile, per costruire consenso per il bene comune”, ha scritto.

“Riconosco i forti sentimenti riguardo al dibattito sulla fiducia che il nostro Parlamento terrà la prossima settimana.

“Nonostante ciò, scrivo a tutti i gruppi del partito di Holyrood per chiedere loro di incontrarmi la prossima settimana, in riunioni separate, per discutere le loro preoccupazioni e priorità, si spera in uno spirito costruttivo”.

Prezzo di supporto

Il Partito Nazionale Scozzese ha 63 membri nel Parlamento scozzese da 129 seggi e ora deve governare come governo di minoranza.

Se i Verdi voteranno con i Laburisti, i Conservatori e i Liberal Democratici scozzesi, Youssef avrà bisogno del sostegno del suo ex rivale alla leadership Ash Reagan per sopravvivere al voto di sfiducia.

Regan, un critico schietto dell'accordo di Bute House e della posizione del governo scozzese sui diritti dei transgender, ha disertato dall'SNP al partito ALBA lo scorso ottobre.

All’epoca, Youssef descrisse la sua partenza dall’SNP come “nessuna grande perdita”.

Alba, fondata dall'ex primo ministro Alex Salmond, ha detto che il suo comitato esecutivo nazionale si incontrerà nel fine settimana per discutere le questioni su cui Regan cercherà “azione” prima dei negoziati.

Dopo aver ricevuto la lettera dal Primo Ministro, il leader conservatore scozzese Douglas Ross ha descritto la lettera come “offensiva e imbarazzante”.

Ha accusato il Partito nazionale scozzese e il Partito dei Verdi di “cattiva gestione” dei servizi pubblici in Scozia durante l'accordo e ha invitato Youssef a dimettersi.

In una risposta rilasciata sabato, il signor Ross ha scritto: “Il suo [Mr Yousaf’s] Il tardivo abbandono dell’accordo Boathouse con il tossico Partito dei Verdi – che aveva sostenuto solo due giorni prima di decidere finalmente di ritirarlo – non cancella l’enorme danno che ha causato.

Humza Yousaf ora parla di fornire “benefici significativi alle persone, alle comunità e alle imprese in tutto il Paese” e vuole solo discutere di “preoccupazioni e priorità” ora che il suo lavoro è in gioco.

Ha aggiunto: “È la sua miserabile incapacità di dare priorità a queste questioni che ha portato ad una totale mancanza di fiducia nella sua leadership in Parlamento”.

Chiamata a dimettersi

Ross ha aggiunto: “Ora deve accettare che il suo tempo al potere è finito e finalmente dimettersi da Primo Ministro”.

Nel frattempo, il vice leader laburista scozzese Jackie Baillie ha scherzato dicendo che la lettera di Youssef è stata la prima che il partito ha ricevuto dall'SNP “in circa un decennio”.

Lo ha descritto come un “atto disperato” e ha chiesto elezioni anticipate.

“Considereremo il messaggio e siamo pronti a lavorare in modo costruttivo con chiunque”, ha affermato.

Kate Forbes esorta alla lealtà

Commenta la foto, Kate Forbes ha esortato i parlamentari indipendentisti a sostenere Youssef

Kate Forbes, un’altra ex contendente alla leadership dell’SNP, ha esortato i membri dell’SNP a schierarsi dietro Youssef prima del voto di fiducia.

La signora Forbes, che è arrivata seconda nella competizione, ha detto che “tutti coloro che hanno a cuore la Scozia” dovrebbero sostenere Youssef.

Scrivere dentro la nazionale“Il modo in cui siamo finiti qui dovrebbe essere motivo di imbarazzo per ogni parlamentare di ogni partito”, ha detto.

Ha affermato che l’abbandono degli obiettivi “eccessivamente ambiziosi” sul cambiamento climatico avrebbe dovuto portare “i partner di governo a sedersi per concordare un piano pratico per raggiungere questi obiettivi”.

“È facile essere fedeli a un partito quando i tempi sono buoni e il partito è in vantaggio nei sondaggi”, ha scritto nella sua rubrica per il giornale.

“Ma scopri cos’è la vera leadership – e cos’è la vera lealtà – quando i tempi sono più difficili ed è per questo che sosterrò l’SNP e il Primo Ministro nella battaglia della prossima settimana e esorto tutti nel nostro partito e tutti coloro che hanno a cuore La Scozia farà lo stesso”.

Spiegazione video, Il voto di fiducia dimostra la “volontà del Parlamento” – Mackie

L'ex segretario agli affari del SNP Ivan McKee ha detto che Youssef sarebbe probabilmente costretto a dimettersi se perdesse il voto guidato dai conservatori, nonostante non vi sia alcun obbligo legale in tal senso.

Ha detto al programma Good Morning Scotland della BBC: “Non credo che ci siano dubbi al riguardo.

Ha aggiunto: “Il voto di fiducia, anche se non giuridicamente vincolante, sarà una chiara indicazione della volontà del Parlamento”.

Ha aggiunto: “Se perdi il voto di sfiducia, è chiaro che non hai la fiducia del Parlamento”.

“Ma penso che, come ho detto, il Primo Ministro stia usando le sue capacità politiche per negoziare per assicurarsi di non perdere”.

Patrick Harvey, co-leader dei Verdi scozzesi, ha detto venerdì all'agenzia di stampa PA che è “abbastanza chiaro” che Youssef non è stato in grado di unire il Parlamento scozzese.

Ha detto: “Non ha ancora fornito alcuna chiarezza sul motivo per cui ha fatto un cambiamento così drammatico e ha violato la promessa in base alla quale è stato eletto Primo Ministro”.

“Quindi è molto difficile capire come si possa avere una conversazione che porti a un risultato costruttivo basato sulla mancanza di fiducia.”

Spiegazione video, Un parlamentare verde scozzese si è arrabbiato in diretta radiofonica dopo che l'accordo di Bute House è stato annullato

In un'intervista radiofonica di venerdì, la deputata verde Gillian MacKay ha pianto descrivendo quanto fosse “sconvolta” dalla risoluzione dell'accordo.

Ha detto al programma Drivetime della BBC Radio Scotland che aveva amici nel governo che erano anche loro “feriti” dalla rottura dei rapporti.

“Abbiamo trascorso due anni e mezzo buoni lavorando insieme”, ha detto.

“È davvero triste che tutto sia stato annullato da una persona.”

Youssef ha annullato la sua presenza a Glasgow venerdì, ma in seguito ha annunciato la prima politica del governo di minoranza su un complesso residenziale a Dundee.

Ha promesso un aumento di 80 milioni di sterline nel settore degli alloggi a prezzi accessibili in due anni, portando il budget per l’offerta di alloggi a prezzi accessibili a 600 milioni di sterline nel 2024/25.

È rimasto fermamente convinto di essere “pienamente intenzionato” a ottenere voti di fiducia.

Ha anche detto che avrebbe “assolutamente” guidato l'SNP nelle elezioni generali e nelle elezioni di Holyrood del 2026.