Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un giornalista della rivista Forbes è stato messo agli arresti domiciliari con l'accusa di aver diffuso notizie false sull'esercito russo

Un giornalista della rivista Forbes è stato messo agli arresti domiciliari con l'accusa di aver diffuso notizie false sull'esercito russo

Agenzia Narciso Contreras/Anadolu tramite Getty Images

Soldati ucraini ispezionano i rottami di veicoli militari russi nella città di Bucha, alla periferia di Kiev, l'8 aprile 2022, dopo il ritiro delle forze russe.



CNN

Un tribunale russo ha messo agli arresti domiciliari il giornalista di Forbes Sergei Mingazov dopo essere stato detenuto con l'accusa di aver diffuso notizie false sulle forze armate russe, ha riferito l'agenzia di stampa russa RIA Novosti.

Forbes Russia afferma che il suo giornalista sarà messo agli arresti domiciliari per almeno due mesi in attesa del processo dopo il suo arresto venerdì.

“Il giornalista Forbes Mingazov, arrestato per aver pubblicato notizie false sulle forze armate russe, è stato messo agli arresti domiciliari”, ha riferito sabato l'agenzia di stampa RIA.

L'avvocato di Mingazov, Konstantin Poupon, ha detto venerdì che il giornalista è stato arrestato per “aver ripubblicato un post sugli eventi di Bucha (Ucraina)” su Telegram.

Il canale Telegram di Mingazov aveva 476 iscritti al momento della pubblicazione di questo articolo. Sembra che abbia ritwittato storie sull'esercito russo Presumibilmente commettere atrocità A Bucha, vicino alla capitale ucraina Kiev, da altri media come BBC Russian Outlet e Radio Freedom.

Mingazov è accusato di aver diffuso “informazioni deliberatamente false” sulle forze armate russe “con il pretesto” di rapporti attendibili, ha detto Poupon.

Le forze ucraine hanno liberato la città di Bucha alla fine di marzo 2022, dopo averla occupata all’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio dello stesso anno. Secondo la Procura generale ucraina, l'esercito russo ha commesso migliaia di crimini di guerra nella regione di Bucha, con centinaia di civili uccisi nella città. Il Cremlino ha negato qualsiasi coinvolgimento nelle uccisioni di massa e ha ripetuto affermazioni infondate secondo cui le foto dei corpi civili erano false.

READ  La successione di Carlo solleva richieste di riparazione ai Caraibi, rimuovendo il re dal capo di stato

Poupon ha detto a Forbes Russia che gli arresti domiciliari di Mingazov sono stati imposti “come misura precauzionale”. In Russia, le misure preventive vengono adottate prima del processo e comprendono la custodia cautelare, il rilascio su cauzione o gli arresti domiciliari.

Poupon ha anche detto a Forbes Russia che la corte ha vietato a Mingazov di utilizzare Internet e ha imposto restrizioni alle sue comunicazioni con persone diverse dai suoi parenti, investigatori, avvocati e professionisti medici.

Sabato, il comitato investigativo della regione di Khabarovsk ha dichiarato, senza nominare Mingazov, di aver scelto gli arresti domiciliari “come misura preventiva”, dopo che un uomo era stato accusato di aver diffuso in pubblico false informazioni sulle forze armate russe.

La commissione d’inchiesta ha affermato che “nell’aprile 2022, un uomo, motivato da odio politico, ha pubblicato un post su un canale di notizie da lui gestito, con l’intenzione di essere visto da un numero illimitato di persone”.

E continuava: “Conteneva, con il pretesto di essere attendibile, informazioni deliberatamente false riguardo… alle Forze Armate della Federazione Russa”.

La Russia ha intrapreso un giro di vite nei confronti dei giornalisti sin dall’invasione dell’Ucraina nel febbraio 2022. Diversi giornalisti di spicco sono stati arrestati, tra cui il direttore di Radio Free Europe/Radio Liberty. Anche Kurmasheva e corrispondente del Wall Street Journal Ivan Gershkovich.

I tribunali hanno anche ordinato la detenzione in contumacia di numerosi giornalisti per aver criticato lo Stato, tra cui Alexander Nevzorov, Dmitry Gordon e Marina Ovsyannikova.

Konstantin Gabov, un giornalista russo che lavora come produttore per l'agenzia di stampa Reuters, è stato arrestato e accusato di “estremismo”, ha detto sabato un servizio stampa del tribunale distrettuale russo.

READ  Crisi migranti in Europa: l'Italia si muove per soccorrere 1.200 persone sui barconi

Il servizio stampa del tribunale distrettuale di Basmanny ha affermato che Gabov ha contribuito a produrre contenuti per un canale YouTube collegato al defunto leader dell'opposizione Alexei Navalny chiamato “NavalnyLIVE”.

La corte ha affermato che Gabov ha partecipato alla “preparazione di materiale fotografico e video” per il canale YouTube e rimarrà in detenzione per almeno due mesi, fino al 27 giugno.

Le autorità russe hanno classificato Navalny e le sue organizzazioni come “estremisti”, il che significa che chiunque sia associato al suo gruppo corre rischi legali.

La CNN ha contattato Reuters per un commento.