Febbraio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un numero record di lobbisti dei combustibili fossili partecipa ai colloqui sul clima delle Nazioni Unite

Un numero record di lobbisti dei combustibili fossili partecipa ai colloqui sul clima delle Nazioni Unite

  • Un rapporto pubblicato martedì dalla coalizione Kick Big Polluters Out ha rilevato che almeno 2.456 lobbisti dei combustibili fossili si erano registrati per partecipare al vertice di due settimane.
  • Gli attivisti affermano che il numero di lobbisti dei combustibili fossili presenti ai colloqui è “oltre ogni giustificazione” e suggerisce che le industrie inquinanti stanno cercando di portare avanti l’agenda dei combustibili fossili a scapito delle comunità in prima linea.
  • Tuttavia, altri, tra cui l’ex segretario americano all’Energia Ernest Moniz, sostengono che la partecipazione delle principali compagnie petrolifere alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) dovrebbe essere accolta con favore.

Un uomo in vestaglia passa davanti alle bandiere dei paesi partecipanti alla conferenza sul clima COP28 della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici il giorno prima della sua apertura ufficiale il 29 novembre 2023 a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti.

Sean Gallup | Notizie Getty Images | Immagini Getty

Dubai, Emirati Arabi Uniti – Si stima che quasi 2.500 lobbisti dei combustibili fossili abbiano avuto accesso alla conferenza sul clima COP28 negli Emirati Arabi Uniti, secondo un’analisi condotta da gruppi di pressione, riflettendo un forte aumento rispetto allo scorso anno.

Un rapporto pubblicato martedì dalla coalizione Kick Big Polluters Out ha rilevato che almeno 2.456 lobbisti dei combustibili fossili si erano registrati per partecipare al vertice di due settimane. Questo è più di quello delle delegazioni di quasi tutti gli altri paesi, ad eccezione del Brasile (3.081) e della COP28 che ospita gli Emirati Arabi Uniti (4.409), afferma l’analisi.

I risultati arrivano a metà strada della COP28, con la lotta per il futuro dei combustibili fossili al centro della scena.

READ  Incidente sul lago Victoria: aereo di linea commerciale affonda nel lago in Tanzania

Gli attivisti affermano che il numero di lobbisti dei combustibili fossili presenti ai colloqui è “oltre ogni giustificazione” e suggerisce che le industrie inquinanti stanno cercando di portare avanti l’agenda dei combustibili fossili a scapito delle comunità in prima linea.

Tuttavia, altri, tra cui l’ex segretario americano all’Energia Ernest Moniz, hanno affermato che la partecipazione delle principali compagnie petrolifere alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) dovrebbe essere accolta con favore.

Agenzia internazionale per l’energia Egli ha detto In vista dei colloqui, l’industria del petrolio e del gas si trova ad affrontare un “momento della verità” sul suo ruolo nel sistema energetico globale e sul peggioramento della crisi climatica.

Un portavoce della COP28 non è stato immediatamente disponibile per un commento quando è stato contattato dalla CNBC.

“Il 2023 è stato un anno come nessun altro. Temperature record, livelli record di emissioni e ora stiamo assistendo a una presenza record dei principali inquinatori ai colloqui sul clima delle Nazioni Unite”, ha affermato Mohamed Lamin Saedikhan, responsabile del movimento Power Building presso l’International Climate Action. Rete. Rete globale di organizzazioni della società civile.

“La finestra per preservare un pianeta abitabile si sta rapidamente chiudendo. Allo stesso tempo, un numero sempre maggiore di grandi inquinatori viene autorizzato a vagare intorno a questo picco, cosa che le comunità in prima linea non possono permettersi di fallire di nuovo”, hanno aggiunto.

L’aumento del numero di lobbisti dei combustibili fossili che partecipano ai colloqui sul clima delle Nazioni Unite fa seguito a un crescente appello da parte di funzionari governativi, dipartimenti delle Nazioni Unite e gruppi della società civile a rimuovere gli inquinatori dai colloqui.

READ  Sei morti in un attacco missilistico russo nella città natale del presidente ucraino

Per molti ai colloqui delle Nazioni Unite, che si terranno a Dubai fino al 12 dicembre, la COP28 potrà essere riconosciuta come un successo solo se porterà a un accordo per eliminare gradualmente tutti i combustibili fossili, la cui combustione è essenziale. Il principale motore della crisi climatica.

E non tutti sono d’accordo con le richieste di eliminazione graduale. La Russia ha Egli ha detto Si opporrà all’uso di questo linguaggio nell’accordo finale, mentre lo hanno fatto gli Emirati Arabi Uniti, che ospitano la COP28 ha sottolineato La sua preferenza per la riduzione graduale.

La formulazione dell’accordo finale sarà attentamente monitorata. Un impegno di “eliminazione graduale” richiederebbe probabilmente un allontanamento dai combustibili fossili fino all’eliminazione del loro utilizzo, mentre un “abbandono graduale” potrebbe segnalare una riduzione del loro utilizzo, ma non la fine assoluta.

Si discute anche se l’accordo debba concentrarsi sui combustibili fossili “diluiti”, che vengono catturati e immagazzinati con tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio. I combustibili fossili sono “senza sosta”. Abbastanza comprensibile Da produrre e utilizzare senza riduzioni significative della quantità di gas serra emessi.

Giovedì, in un inizio senza precedenti dei lavori, i delegati della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) hanno sigillato i dettagli di un accordo storico per aiutare i paesi più vulnerabili del mondo a pagare per gli impatti dei disastri climatici.

Da allora, una serie di annunci della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) hanno cercato di aiutare a decarbonizzare il settore energetico, con quasi 120 governi che si sono impegnati sabato a triplicare la capacità di energia rinnovabile entro il 2030.

READ  Esclusivo: UE vicina a un accordo transattivo per disinnescare il confronto con la Russia su Kaliningrad