Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’ex ambasciatore statunitense in Bolivia, Manuel Rocha, è stato accusato per decenni di spionaggio a favore di Cuba

L’ex ambasciatore statunitense in Bolivia, Manuel Rocha, è stato accusato per decenni di spionaggio a favore di Cuba

Washington – Un ex diplomatico statunitense di alto livello che recentemente ha servito come ambasciatore americano in Bolivia È stato arrestato venerdì Secondo i documenti del tribunale, è stato accusato di aver prestato servizio come agente straniero per Cuba.

A partire dal 1981 e fino ai giorni nostri, Victor Manuel Rocha – un cittadino statunitense naturalizzato nato a Cuba e attualmente residente a Miami – avrebbe spiato per conto dell’agenzia di intelligence della nazione insulare, riferendosi agli Stati Uniti come al “nemico”. e sostenere la missione segreta di raccolta di informazioni di Cuba, secondo i pubblici ministeri.

Anche se l’accusa non fornisce dettagli sulle informazioni che secondo i pubblici ministeri Rocha avrebbe condiviso con i cubani durante i decenni in cui è stato accusato di aver lavorato con loro, i documenti dell’accusa descrivono una relazione continuativa da lui coltivata con gli assistenti cubani.

I documenti dell’accusa hanno rivelato che, lavorando con cospiratori anonimi all’interno della comunità dell’intelligence cubana, Rocha “ha accettato di servire e di fatto ha servito come agente segreto per il governo cubano”.

In primo luogo, come funzionario politico presso l’ambasciata degli Stati Uniti nella Repubblica Dominicana, Rocha ha ricoperto vari incarichi diplomatici nella regione, tra cui la posizione di direttore degli affari interamericani presso il Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. I pubblici ministeri affermano che questo ruolo gli ha conferito una responsabilità speciale riguardo alla politica cubana.

Gli investigatori hanno affermato che Rocha aveva accesso a informazioni sensibili come dipendente del Dipartimento di Stato, ha firmato accordi di non divulgazione e gli è stato richiesto di “confermare la sua lealtà agli Stati Uniti e nessuna attività segreta per conto di alcuna nazione straniera”.

Dal 2006 al 2012, Rocha è stato consigliere del comandante del comando congiunto delle forze armate statunitensi nella regione, che includeva Cuba.

Prove non specificate provenienti dalle indagini, insieme a numerosi incontri negli ultimi anni tra Rocha e un agente dell’FBI sotto copertura, hanno spinto i pubblici ministeri a sporgere denuncia, dicono i documenti del tribunale.

Nel corso di tre incontri nel 2022 e nel 2023, gli investigatori sostengono che Rocha abbia discusso della sua collaborazione decennale con l’intelligence cubana, dicendo all’agente sotto copertura durante il loro primo incontro fuori da una chiesa di Miami: “La mia prima priorità era… qualsiasi azione di Washington ciò metterebbe a repentaglio la vita di “Guidare verso il pericolo… la rivoluzione stessa”.

“Devo proteggere ciò che abbiamo fatto perché ciò che abbiamo fatto… è il cemento che ha cementato gli ultimi 40 anni”, avrebbe detto Rocha all’agente sotto copertura durante il loro secondo incontro. “Quello che abbiamo fatto… .è enorme… …molto più che semplici big slam.” “

Questa foto fornita dal Dipartimento di Giustizia e inclusa nella dichiarazione giurata a sostegno di una denuncia penale mostra Manuel Rocha durante un incontro con un impiegato dell’FBI sotto copertura.

Ministero della Giustizia/AFP


Nel giugno 2023, durante il loro ultimo incontro, l’agente sotto copertura chiese a Rocha se fosse “ancora con noi”.

“Sono arrabbiato. Sono arrabbiato… È come mettere in discussione la mia mascolinità”, ha risposto Rocha.

Rocha dovrebbe comparire davanti alla corte federale per la sua prima apparizione lunedì pomeriggio a Miami.

“Questa azione espone una delle infiltrazioni di più vasta portata e di lunga durata da parte di un agente straniero nel governo degli Stati Uniti”, ha detto il procuratore generale Merrick Garland durante un evento lunedì.

L’ambasciata cubana non ha risposto ad una richiesta di commento, e l’avvocato di Rocha non ha risposto immediatamente ad una richiesta di commento.

Rocha ha fatto la sua prima apparizione in tribunale lunedì e sarà chiamato in giudizio alla fine di questo mese.

Le accuse contro Rocha arrivano quasi un anno dopo che un’altra spia cubana è stata rilasciata dal carcere dopo più di 20 anni dietro le sbarre. Ana Montes, ex analista della Defense Intelligence Agency, ha spiato per Cuba per 17 anni, rivelando le identità degli ufficiali segreti dei servizi segreti statunitensi e le sue capacità di raccolta di informazioni altamente sensibili, fino al suo arresto nel 2001.

READ  Xi Jinping affronta la sfida più dura per il governo mentre la rabbia di Covid scatena proteste di massa