Maggio 30, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

È morto Daniel Kahneman: economista comportamentale vincitore del Premio Nobel

È morto Daniel Kahneman: economista comportamentale vincitore del Premio Nobel

Fonte immagine, Immagini Getty

È morto all’età di 90 anni lo psicologo e premio Nobel Daniel Kahneman.

Divenne sinonimo di economia comportamentale, anche se non aveva mai seguito un corso di economia.

Kahneman ha scritto il suo libro più venduto Thinking, Fast and Slow. Ha sfatato l’idea che le persone siano esseri razionali che agiscono per interesse personale – agiscono secondo l’istinto, ha detto.

La sua morte è stata annunciata dall'Università di Princeton, dove lavorava dal 1993.

“Danny era un gigante nel campo, una stella di Princeton, un uomo brillante e un grande collega e amico”, ha detto il professor Eldar Shafir.

“Molti ambiti delle scienze sociali non sono più stati gli stessi da quando è arrivato sulla scena. Ci mancherà moltissimo.”

Kahneman è nato a Tel Aviv, in Israele, nel 1934, e ha trascorso gran parte dei suoi primi anni nella Francia occupata dai nazisti, dove suo padre lavorava come capo della ricerca in una fabbrica chimica.

La famiglia si trasferì in quella che allora era la Palestina sotto il dominio britannico nel 1948, poco prima della fondazione dello Stato di Israele.

Kahneman si laureò all'Università Ebraica di Gerusalemme nel 1954, poi si recò negli Stati Uniti quattro anni dopo per iniziare gli studi di dottorato in psicologia presso l'Università della California, Berkeley.

Kahneman tornò a Gerusalemme nel 1961 per iniziare la sua carriera accademica come docente di psicologia, dove incontrò Amos Tversky, lo psicologo cognitivo con il quale vinse il Premio Nobel per le scienze economiche nel 2002.

Il libro spiega la psicologia del processo decisionale. Identifica due sistemi che guidano il modo in cui gli esseri umani pensano e fanno le scelte: il sistema veloce, intuitivo ed emotivo – e il sistema più lento, più deliberativo e più logico.

Il libro sostiene che, nella maggior parte dei casi, è la nostra mente veloce e intuitiva ad avere il controllo, prendendosi carico delle decisioni che prendiamo ogni giorno – piuttosto che la parte deliberativa e logica della nostra mente – ed è qui che possono insinuarsi gli errori.