Luglio 1, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Reti di Hong Kong – Insegnanti di inglese stranieri – Costretti a giurare fedeltà | Hong Kong

Insegnanti di inglese stranieri che lavorano presso Hong Kong Le scuole pubbliche dovranno prestare giuramento di fedeltà alla città, hanno ordinato i funzionari, poiché crescono le preoccupazioni sulla capacità del territorio di trattenere gli insegnanti di fronte alle crescenti restrizioni.

L’Ufficio per l’istruzione di Hong Kong ha dichiarato sabato che gli insegnanti madrelingua inglese (NET) e i consulenti che lavorano nelle scuole gestite dal governo devono firmare una dichiarazione entro il 21 giugno per continuare a operare.

Dal 2020, Hong Kong applica obblighi di giuramento a un numero crescente di posti di lavoro, in particolare quelli nel settore pubblico, come modo per soddisfare le richieste di lealtà del governo cinese.

Le reti devono dichiarare che saranno fedeli a Hong Kong e si atterranno alla Legge fondamentale – il testo costituzionale della città – oltre ad essere responsabili nei confronti del governo.

Le autorità hanno affermato che “negligenza, rifiuto o mancata firma” della dichiarazione comporterebbe la risoluzione del contratto.

Un portavoce del governo ha affermato che la nuova dichiarazione “proteggerà e promuoverà ulteriormente i valori fondamentali che tutti i dipendenti del governo devono sostenere” e garantirebbe una governance efficace.

I netizen vengono generalmente assunti con contratti rinnovabili di due anni, con stipendi mensili che partono da circa HK $ 32.000 (US $ 4.100 / £ 3.300) e possono arrivare fino a HK $ 74.000.

Hong Kong ha introdotto .NET nel 1997 per migliorare le competenze linguistiche degli studenti e il networking è diventato gradualmente una caratteristica standard nelle scuole primarie e secondarie.

Oltre agli stipendi che battono il mercato, le reti Internet ricevono bonus governativi e altri incentivi per garantire la loro fidelizzazione, che è stato un problema crescente negli ultimi anni.

Ad aprile, il governo ha riferito che il 13% delle reti di social media delle scuole secondarie ha lasciato nell’anno scolastico 2020-21, il numero più alto in cinque anni.

Tuttavia, i funzionari hanno affermato che i tassi di ritenzione e abbandono delle reti erano “in gran parte stabili”.

Il capo dell’istruzione della città, Kevin Young, ha negato che un numero crescente di reti online sia andato via a causa della dura strategia di Hong Kong per non diffondere il coronavirus.

“Non ci sono motivi sostanziali per attribuire la partenza dei netizen, la loro decisione o meno di venire a insegnare a Hong Kong alle nostre misure di quarantena obbligatorie”, ha detto ai legislatori ad aprile.

Alcuni insegnanti hanno espresso preoccupazione per il clima politico della città, poiché Pechino rimodella Hong Kong nella sua immagine autoritaria.

La clausola di fedeltà è stata imposta per la prima volta ai dipendenti pubblici nell’ottobre 2020, poi estesa ai dipendenti pubblici a contratto sette mesi dopo.

“L’educazione alla sicurezza nazionale” è diventata una priorità nelle scuole e alcuni insegnanti hanno affermato che ora stanno evitando argomenti delicati come la repressione di Tienanmen del 1989.

READ  Ultime notizie sulla Russia e la guerra in Ucraina