Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un calzolaio malese si scusa per aver indossato i tacchi alti con un logo che secondo alcuni somiglia a una scritta araba in ricordo di Dio

Un calzolaio malese si scusa per aver indossato i tacchi alti con un logo che secondo alcuni somiglia a una scritta araba in ricordo di Dio

KUALA LUMPUR, Malesia (AP) – Un'azienda calzaturiera malese si è scusata e ha smesso di vendere alcune delle sue scarpe dopo che alcuni musulmani hanno detto che il logo somigliava alla scrittura araba della parola Dio.

Vern's Holdings ha affermato che il logo sulle suole di alcune delle sue scarpe con i tacchi alti raffigura una silhouette con tacco a spillo con un avvolgimento a spirale alla caviglia. Tuttavia, ha riconosciuto che le carenze progettuali potrebbero aver portato a un’errata interpretazione del logo. Ha affermato di essersi mossa immediatamente per interrompere la vendita delle scarpe e rimborsare i clienti che le hanno acquistate.

“Non abbiamo assolutamente alcuna intenzione di progettare un logo che miri a denigrare o insultare qualsiasi religione o credo”, ha detto Verne nella dichiarazione pubblicata sui social media. “La direzione vorrebbe scusarsi umilmente e chiedere perdono. Speriamo nella misericordia in modo da poter correggere questo torto.

Questa controversia è arrivata dopo lo scandalo del mese scorso sui calzini con stampata la parola “Allah” sugli scaffali di una grande catena di supermercati malese. I proprietari di KK Mart e i rappresentanti di uno dei suoi fornitori sono stati incriminati il ​​26 marzo Offendere i sentimenti religiosi I musulmani e alcuni negozi sono stati colpiti da piccole bombe incendiarie. Non sono stati segnalati feriti.

La religione è a Una questione delicata in MalesiaI musulmani costituiscono i due terzi della popolazione di 34 milioni di abitanti, con significative minoranze etniche cinesi e indiane. “Allah”, la parola araba per Dio, è sacra per i musulmani malesi e molti hanno trovato offensivo associare la parola ai piedi.

La questione è stata rivelata dopo che post critici sui social media hanno evidenziato la somiglianza del logo. Le autorità religiose e la polizia hanno detto che stavano indagando sulla questione dopo aver ricevuto denunce da parte del pubblico.

READ  L'attacco missilistico russo uccide almeno 22 persone nel giorno dell'Indipendenza

Nel frattempo, permangono le tensioni sulla questione precedente. KK Mart Group, la seconda catena di supermercati del paese, ha affermato che il fornitore ha inviato merci che la società non aveva accettato di immagazzinare. Il fondatore della società di fornitura ha detto che i calzini sono stati importati dalla Cina come parte di una grande spedizione e si è scusato per essere stato negligente nel controllarli.

Il leader dell'ala giovanile del Partito nazionalista malese nel governo malese ha esercitato pressioni per il boicottaggio della catena ed è indagato per sedizione per un post sui social media in cui appare con in mano una spada. I critici affermano che il partito sta cercando di attirare il sostegno dell'etnia malese dopo le pesanti perdite subite nelle recenti elezioni generali.