Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Sierra Space svela lo spazioplano Dream Chaser completamente integrato nel corso della campagna di test – Spaceflight Now

Sierra Space svela lo spazioplano Dream Chaser completamente integrato nel corso della campagna di test – Spaceflight Now

Per la prima volta, Sierra Space ha collegato il suo spazioplano Dream Chaser al modulo Shooting Star durante i test su tavola vibrante presso l'Armstrong Test Facility della NASA in Ohio. Immagine: Adam Bernstein/Space Flight Now

Un aereo spaziale in orbita è un passo avanti verso il ritorno sulla Stazione Spaziale Internazionale. Nell'ambito di una campagna di test in corso, Sierra Space ha collegato per la prima volta il suo spazioplano Dream Chaser al modulo Shooting Star presso il Neil Armstrong Test Facility della NASA a Sandusky, Ohio.

Lo spazioplano sarà il terzo e ultimo veicolo spaziale cargo incaricato dalla NASA di trasportare forniture ed esperimenti scientifici alla Stazione Spaziale Internazionale come parte del Commercial Resupply Services Contact 2 (CRS-2). Nel 2016, Northrop Grumman, Sierra Space e SpaceX si sono aggiudicati diversi voli in base all’accordo, che ha un valore massimo di 14 miliardi di dollari.

“Dà a tutti noi di Sierra Space un grande senso di orgoglio e una profonda riflessione sull'importanza di ciò che facciamo veramente”, ha affermato Tom Weiss, CEO di Sierra Space. “Il lavoro che stiamo svolgendo cambierà tutto e stabilirà nuovi passi per la prossima generazione”.

L'azienda ha dovuto affrontare diversi anni di ritardi nello sviluppo per portare Dream Chaser a questo punto. Ma recentemente, lo spazioplano, soprannominato Tenacity, ha iniziato la fase finale di test prima di essere spedito in Florida per il lancio.

“Veniamo da anni di sviluppo, anni di duro lavoro e anni di risoluzione di sfide ingegneristiche davvero difficili che derivano dalla rivoluzione del modo in cui facciamo le cose”, ha affermato Weiss. “E siamo davvero entusiasti di entrare quest'anno nelle operazioni orbitali della NASA. È un anno in cui cambiamo il modo in cui colleghiamo la Terra e lo spazio.”

Attualmente, Tenacity e il suo modulo Shooting Star sono posizionati su un tavolo vibrante all'interno dell'impianto di vibrazione meccanica della NASA presso l'ATF. Jimmy Kenyon, direttore del Glenn Research Center della NASA nella vicina Cleveland, Ohio, ha descritto il sistema come “il sistema vibrante per veicoli spaziali più grande e con la più alta capacità al mondo”.

READ  SpaceX Falcon 9 O3b MPower 5/6

“Questa struttura ospitava ed era responsabile dei test di missione critici della navicella spaziale Orion e di altri veicoli, permettendoci di comprendere il duro ambiente di volo prima che andassero effettivamente sulla piattaforma di lancio”, ha detto Kenyon.

Dall'inizio di gennaio il Dream Chaser è stato sottoposto a numerosi test di vibrazione, sia in orizzontale che in verticale, simulando le vibrazioni causate dal lancio e dall'atterraggio. Un portavoce di Sierra Space ha affermato che questa fase di test dovrebbe concludersi nei prossimi due giorni.

Verrà quindi trasportato alla Space Propulsion Facility dove sarà sottoposto a test in ambienti che simulano i rigori dell'essere in orbita.

“Installeremo il veicolo presso la struttura e ridurremo la pressione e la temperatura alle pressioni e alle temperature molto basse che il veicolo spaziale sperimenterà quando entrerà in orbita”, ha detto Kenyon. “Quindi, utilizzeremo un elemento riscaldante dinamico per camminare e simulare l'ambiente di riscaldamento che il veicolo spaziale sperimenterà a causa del sole e del riscaldamento solare mentre è in orbita.”

Non esiste una tempistica prestabilita per quanto tempo richiederà la prossima fase di test, ma Kenyon ha affermato che il piano è quello di poter spedire Dream Chaser e il suo modulo Shooting Star al Kennedy Space Center in Florida per il lancio nella prima metà del 2019.

Ritorno degli spaziali orbitali

Il volo Dream Chaser Tenacity sarà la prima di sette missioni cargo commissionate da Sierra Space verso la Stazione Spaziale Internazionale. Giovedì, Weiss ha detto che Tenacity verrà utilizzato per effettuare i primi quattro voli mentre lavorano per portare il loro prossimo spazioplano, soprannominato “Reverence”.

“Il Dream Chaser è stato progettato da zero, per essere altamente riutilizzabile, altamente affidabile e focalizzato sulla conversione rapida di un veicolo”, ha affermato Weiss. “Impareremo molto tra la missione uno e la seconda, e stiamo ancora imparando quando arriveremo alla missione tre e quattro, ma a lungo termine, questo è Il nostro obiettivo è trasformare l'auto, farla volare, farla funzionare di nuovo e servire i clienti.

READ  I batteri possono utilizzare i rifiuti di plastica come fonte di cibo e non è così buono come sembra: ScienceAlert

Weiss ha detto che il veicolo è progettato per 15 missioni, ma crede che sarà in grado di andare oltre.

Il nome del primo spazioplano Dream Chaser di Sierra Space, Tenacity, è inciso su parte dello scafo vicino ad alcune piastrelle dello scudo termico. Immagine: Adam Bernstein/Space Flight Now

Dopo questa prima missione, la NASA dovrà tracciare i voli cargo tra la Cygnus di Northrop Grumman, la Cargo Dragon di SpaceX e la Dream Chaser. Phil Dempsey, direttore tecnico dell'International Space Station Vehicle Office della NASA, ha affermato che non è stata ancora stabilita una cadenza mensile per questi voli.

“Non stiamo pianificando più di tanto la nostra cadenza effettiva. Quello che stiamo facendo è dare un'occhiata alla capacità complessiva di cui abbiamo bisogno. E quindi, se guardi oggi, abbiamo missioni procurate fino al 2026 da tutti e tre i fornitori “, ha detto Dempsey. “Mentre andiamo avanti, mentre cerchiamo di completare il resto del contratto, daremo uno sguardo alle capacità e alle esigenze della ISS e lo determineremo.”

Una delle caratteristiche uniche del Dream Chaser, rispetto al Dragon o al Cygnus, è la sua capacità di atterrare su piste commerciali in aeroporti diversi da quelli del Kennedy Space Center o della Vandenberg Space Force Base. Per ora, si concentreranno sull'atterraggio in queste due posizioni chiave per soddisfare meglio i compiti CRS, ma altre opportunità entreranno nel mix man mano che il veicolo maturerà, ha detto Vice per ora.

“Siamo un'azienda focalizzata nel servire un miliardo di persone. Non siamo un'azienda focalizzata su mercati di nicchia. E così, il Dream Chaser è stato progettato per essere in grado di atterrare sulle piste e sfruttare l'infrastruttura globale, la quantità di capitale che è stata costruito, per costruire piste che possano ospitare un 737.” O l'A320 NEO, quella è stata una pietra miliare nel design per noi e siamo stati in grado di trarne vantaggio”, ha detto Weiss.

READ  Il telescopio spaziale Hubble della NASA trova una finestra sull'universo primordiale

“Il motivo per cui abbiamo dedicato così tanti anni allo sviluppo di perossido di idrogeno e cherosene raffinato RP-1 all’avanguardia è quello di assicurarci di avere questo tipo di carburante che non contenga materiali pericolosi, ovvero materiali altamente degradabili”. Ha aggiunto. “Quindi, ci ha permesso di pensare a come collocare Dream Chasers nei centri di tutto il mondo.”

Vice ha riferito che stanno discutendo con il Giappone in modo da poter lanciare e far atterrare Dream Chasers in quel paese. Stanno anche cercando altre opportunità in tutto il mondo.

Tom Marshburn, ex astronauta della NASA e attuale direttore medico della Sierra Space, ha detto di essere geloso degli astronauti della Crew-8 e della Soyuz MS-25 che saluteranno la Dream Chaser quando arriverà alla Stazione Spaziale Internazionale per la prima volta. Ha volato in due missioni dello Space Shuttle e nel Crew-3 prima di ritirarsi dal corpo degli astronauti l'anno scorso.

“Questa forma di navetta è molto iconica e saranno molto felici di vederla arrivare di nuovo alla stazione spaziale: l'arrivo di un veicolo alato e di un corpo sollevabile”, ha detto Marshburn. “Sono un po’ invidioso [of] Vederla. Spero di essere lì una volta che arriverà nello spazio, ma allo stesso tempo, come abbiamo detto, c'è un enorme senso di umiltà nel vedere cosa è stato realizzato quando così tante grandi menti si uniscono per costruire qualcosa di simile.

Tom Marshburn, ex astronauta della NASA e attuale ufficiale medico capo della Sierra Space, parla dello sviluppo e dell'impatto dello spazioplano Dream Chaser presso l'Armstrong Test Facility della NASA giovedì 1 febbraio 2024. Foto: Adam Bernstein/Spaceflight Now