Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

FKA Twigs utilizza l'intelligenza artificiale per creare un'immagine falsa di se stessa

FKA Twigs utilizza l'intelligenza artificiale per creare un'immagine falsa di se stessa

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, Martedì FKA Twigs ha testimoniato davanti a una commissione del Senato degli Stati Uniti

  • autore, Ian Young
  • Ruolo, Reporter di spettacolo e arte

FKA Twigs ha rivelato di aver utilizzato l'intelligenza artificiale per creare un'immagine falsa di se stessa mentre interagiva con fan e giornalisti in modo da potersi concentrare sulla sua musica.

Martedì la cantante, ballerina e attrice britannica ha dichiarato alla sottocommissione giudiziaria del Senato degli Stati Uniti che le celebrità e gli artisti dovrebbero controllare il modo in cui l'intelligenza artificiale utilizza le loro voci, il loro aspetto e la loro personalità.

“L'anno scorso ho sviluppato la mia versione di un deepfake che non solo si allena sulla mia personalità, ma può anche usare il tono esatto della mia voce per parlare molte lingue”, ha detto.

“Queste e tecnologie simili sono strumenti estremamente preziosi. Tuttavia, tutto questo è sotto il mio controllo e posso dare o negare il consenso in modo significativo.”

“Ciò che è inaccettabile è che la mia arte e la mia identità vengano sequestrate da terzi e sfruttate falsamente per guadagno privato senza il mio consenso a causa della mancanza di un adeguato controllo legislativo”.

Ha aggiunto che la sua versione digitale sarà in grado di comunicare in francese, coreano e giapponese.

“Significa che anche con il mio prossimo album, potrò davvero spiegare in profondità di cosa si tratta a livello creativo”, ha detto.

“Ciò significa che se si tratta di qualcosa di semplice che non richiede davvero il mio cuore, posso scrivere una frase e darla alle persone per promuovere un'opera ed è innocua, ma alla fine posso dedicare più tempo a creare qualcosa di veramente significativo ai miei fan.”

In ulteriore prova scrittaI suoi “rami AI” verranno implementati entro la fine dell’anno “per espandere la mia portata e gestire le mie interazioni online sui social media, mentre continuo a concentrarmi sulla mia arte dalla comodità e dal conforto del mio studio”, ha affermato.

La star ha sostenuto che ad altre persone non dovrebbe essere consentito di utilizzare la voce di un artista e altre funzionalità senza il loro consenso, affermando che “la carriera e il sostentamento dei creatori sono a rischio” se non esiste una legislazione che regola l'uso dell'intelligenza artificiale.

“Ci sono canzoni su Internet – ho collaborato con lei e altri artisti – che non ho prodotto”, ha detto al comitato.

“Mi fa sentire vulnerabile. Prima di tutto, come artista, la cosa che amo di quello che faccio è che sono molto meticoloso. Mi prendo il mio tempo con le cose e sono molto orgoglioso del mio lavoro.”

“Quindi il fatto che qualcuno potesse prendere la mia voce, cambiare i testi, cambiare il messaggio, o magari lavorare con un artista con cui non volevo lavorare, o magari lavorare con un artista con cui volevo lavorare e ora il la sorpresa è rovinata”. “Mi lascia davvero molto letargico e molto debole.”

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, Jess Glynn e altre 200 star hanno firmato ad aprile una lettera aperta sull’uso dell’intelligenza artificiale

All’inizio di aprile, Jess Glynn, Mumford & Sons, Sam Smith e Zayn Malik sono stati tra gli artisti britannici che hanno firmato una lettera aperta internazionale chiedendo maggiori protezioni contro “l’uso predatorio dell’intelligenza artificiale per rubare le voci degli artisti e dei loro simili”.

Mercoledì, un gruppo di parlamentari britannici ha pubblicato un rapporto in cui suggerisce che musicisti e altre celebrità dovrebbero essere protetti da una legge che vieta i deepfake generati dall’intelligenza artificiale nel Regno Unito.

Il Gruppo parlamentare multipartitico sulla musica ha affermato che dovrebbe esserci una legislazione che includa uno “diritto personale specifico per proteggere i creatori e gli artisti dall'appropriazione indebita e dalla falsa approvazione”.

Tale legge dovrebbe includere anche altre misure per proteggere i musicisti dal rischio che l’intelligenza artificiale diventi “distruttiva per i mezzi di sussistenza dei creatori”, hanno affermato i parlamentari in un rapporto pubblicato mercoledì.

Il presidente del gruppo trasversale, il deputato laburista Kevin Brennan, ha affermato che i politici devono “affrontare il rischio che gli sviluppi incontrollati dell’intelligenza artificiale potrebbero comportare per i musicisti e le compagnie musicali nel Regno Unito”.

Ha aggiunto che il potere dell’intelligenza artificiale può anche essere una forza positiva “per aiutare i musicisti a innovare e ispirare nuova creatività umana”.

“A nostro rischio e pericolo, stiamo ignorando la necessità di coltivare politiche che raccolgano i benefici dell’intelligenza artificiale e aiutino a scongiurare le minacce che pone”, ha affermato Brennan.

“La nostra intuizione fondamentale dovrebbe sempre essere che l’intelligenza artificiale può essere un ottimo servitore ma un cattivo padrone”.

“Fiducia e trasparenza sono vitali per questo approccio congiunto. Stiamo lavorando a stretto contatto con le parti interessate e forniremo un ulteriore aggiornamento a tempo debito.