Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Tyrese Maxey ha salvato la stagione dei Sixers con una delle prestazioni ai playoff più dure di sempre

Tyrese Maxey ha salvato la stagione dei Sixers con una delle prestazioni ai playoff più dure di sempre

NEW YORK – Therese Maxey poteva sentire la fossa nel suo stomaco ringhiare, crescere e approfondirsi. Sapeva quanto era grave, quanto stava per peggiorare. Poteva quasi allungare la mano e toccare gli incubi, quelli di cui non riusciva a liberarsi, quelli che avrebbe dovuto affrontare per settimane. Forse mesi. Forse più a lungo.

Quando sei il tipo di ragazzo che supera ogni test, ogni errore ti ferisce nel profondo, e lì sedeva Maxie, a mezzo minuto dalla fine della riga, perso tra le fessure della penna rossa. Filadelfia era sotto di sei punti nel quarto quarto di Gara 5: solo 28,9 secondi separano i Knicks dall'avanzare al secondo turno dei playoff NBA 2024, e i Sixers si separano da un'altra deludente uscita post-stagionale per coronare una stagione iniziata in questo modo . Speranze alte e luminose.

Come ha fatto nelle prime quattro partite di questa serie del turno di apertura, Maxey, nel complesso, è stato eccezionale: 34 punti al tiro 14 su 24, otto assist contro due palle perse e il motore offensivo di cui i Sixers avevano bisogno era quello di Joel Embiid. arretrato di disturbi – dolore al ginocchio. Un piede sinistro riparato chirurgicamente, emicranie e paralisi di Bell – che hanno tolto il dolore all'MVP dei tiri.

Ma Maxey non stava pensando a nessuna di quelle marche, a nessuno di quei dieci centesimi, a nessuno di quei rapidi zigzag attraverso uno strato dopo l'altro della difesa perimetrale dei Knicks. Tutto ciò a cui riusciva a pensare erano le persone che gli avevano fatto del male.

“Voglio dire, io… sono un ragazzo felice, ma odio assolutamente perdere”, ha detto Maxie. “Soprattutto quando sei in certi momenti, ad esempio ho sbagliato tre tiri liberi, tiri liberi critici e poi ho girato la palla tardi. Sai, la gente non mi vede arrabbiato, ma ero davvero arrabbiato, e Volevo solo uscire e farmi perdonare dai miei compagni di squadra, oh cavolo.

“Sento di aver giocato bene tutta la partita, e se avessimo perso una partita del genere, chiudendo la stagione in questo modo, sarei stato distrutto”.

Quindi Maxey ha fatto l'unica cosa che si può fare per porre fine a un incubo: si è rialzato, segnando sette dei 46 punti più alti della sua carriera in quegli ultimi 28,9 secondi per salvare la stagione dei Sixers.

Innanzitutto, Maxi ha effettuato un passaggio interno nella zona di difesa, dandosi spazio per attaccare. Meno di tre secondi dopo aver preso la palla tra le mani, era in aria.

“Sapevamo che dovevamo ottenere qualche tripla”, ha detto. “Voglio dire, ho provato ad arrivare da qualche parte, sollevarmi e sparare.”

READ  Cincinnati Bengals acquisisce Orlando Brown Jr. per 4 anni, 64 milioni di dollari

Fortunatamente per lui e Filadelfia, non fu l'unico a prendere il volo. Il centro dei Knicks Mitchell Robinson – attivo per Gara 5 dopo aver saltato Gara 4 per un infortunio alla caviglia – è saltato nel maxi recinto dopo che Embiid è rimasto bloccato su uno schermo dalla guardia di New York Myles McBride. Il problema era che saltò letteralmente, dando a Maxie un bersaglio di 7 piedi a cui mirare.

“Voglio dire, gestirò la cosa come un uomo”, ha detto Robinson.

Maxey si è connesso al corpo di Robinson e il tiro è andato a segno, dando a Philly la possibilità di un gioco da quattro punti. Dopo aver sbagliato i tiri liberi precedenti, Maxey non aveva intenzione di sprecare questo, tagliando il vantaggio di New York a due.

“Abbiamo commesso un errore in una situazione in cui non volevamo commettere un errore”, ha detto l'allenatore dei Knicks Tom Thibodeau.

Dopo che l'attaccante dei Knicks Josh Hart ha diviso un paio di tiri liberi dall'altra parte, i Sixers hanno preso la palla tre volte e Maxey ha avuto un'altra possibilità di fare ammenda. Questa volta Embiid ha posizionato lo schermo della palla ancora più in alto, sulla linea di metà campo. McBride l'ha superato, ma non abbastanza veloce da entrare in una gara di rimonta sul velocissimo Maxi, che ha colpito la rampa di lancio tra la N e la E nel logo del campo centrale di New York – a circa 10 piedi dalla potenziale gara di Robinson , e 35 piedi dal bordo – E lascialo volare con la stagione in gioco.

Cosa stava pensando Maxie quando si fermò: “Trova un modo per sopravvivere.”

“È in gioco la nostra stagione”, ha detto. “Voglio dire, so che mi fido del mio lavoro, mi fido di quello che ho fatto per tutta la mia vita, cercando solo di arrivare da qualche parte, raccogliere la palla e lasciarla cadere.

Cosa stava pensando Kelly Oubre Jr. quando lo sparo ha lasciato la punta delle dita di Maxie: “Buona fortuna.”

“Sai, sta effettivamente lavorando su quella ripresa”, ha detto Aubrey. “Durante il riscaldamento, potresti vederlo colpire quel tiro. È semplicemente super fiducia e voglia di non perdere.”

Cosa stavano pensando i Knicks – beh, almeno alcuni di loro: “Ehi, dovevamo fare fallo su Maxie prima che potesse segnare una tripla?”

“In quelle situazioni, parli di quello che vuoi fare”, ha detto Thibodeau. “Era un timeout e Josh ha ottenuto due tiri liberi. [The lead is] due. Quindi devi comunicare quali sono le tue decisioni. Avremmo potuto fare meglio in questa situazione, e lo faremo. …Potremmo avere [fouled on that play]. Questo, lo sai. Ma lasciamo le cose a questo.”

READ  Mets per citare Brett Batty

(La star dei Knicks Jalen Brunson cita: “Penso che dobbiamo essere tutti e cinque sulla stessa lunghezza d'onda. Penso che alcuni di noi pensassero che avremmo commesso un errore. Non era così. E questo dipende da me — Devo essere pronto a comunicare cose del genere in campo, sì (dovrei fare un lavoro migliore nella guida).

Che scheggiature Tifosi Stavamo pensando mentre il tiro attraversava tranquillamente la rete, pareggiando la partita a 97 con 8,1 secondi rimasti… Beh, probabilmente non è stampabile. Anche quello che Maxey stava dicendo quando Nicolas Batum ha fatto un ultimo disperato tentativo per Brunson di battere il suo compagno di squadra All-Star:

“Stavo dicendo alcune cose che probabilmente a mia nonna non sarebbero piaciute, onestamente”, ha detto Maxie.

I commenti di Maxi mentre camminava da un'estremità all'altra del campo dell'arena più famosa del mondo probabilmente non erano all'altezza. Ma lo scatto che li ha prodotti e preceduti ha concesso ai Sixers cinque minuti in più in ufficio… e ne hanno tratto il massimo.

Soprattutto Embiid, che ha faticato con i suoi tiri e palle perse, ed è stato un bersaglio frequente di punizione da parte di Brunson nel pick-and-roll nei Giochi 4 e 5, ma ha segnato in ritardo per mettere a segno una manciata dei suoi migliori possedimenti della serata quando Filadelfia ne aveva più bisogno:

L'allenatore dei Sixers Nick Nurse ha detto di Embiid, che ha chiuso con 19 punti al tiro 7 su 19, 16 rimbalzi e 10 assist – la sua prima tripla doppia nei playoff in carriera – nove palle perse, quattro stoppate e un recupero. “Non sembra che si vedrà stasera. Ovviamente non si sentiva bene. È stata una partita difficile per lui […] Voglio dire, può muovere i piedi, può bloccare i tiri, può strisciare la palla. Lo abbiamo visto tutti farlo quando è troppo impegnato e cerca di fermarsi. È stato positivo che finalmente sia arrivato e abbia potuto scavare in profondità.

Mentre Maxey faceva magie ed Embiid scavava in profondità, i Knicks si facevano avanti.

Dopo che Brunson ha segnato cinque punti veloci per aprire la sessione extra, New York ha segnato solo quattro punti negli ultimi 3:56 dei tempi supplementari, andando 1 su 8 dal campo con due palle perse. Cinque di questi sette errori appartenevano a Brunson, che non è stato in grado di replicare il successo culinario intermittente riscontrato a partire dalla terza partita. Così hanno fatto le due palle perse, inclusa una schiacciata a 18,2 secondi dalla fine, dove lui e il centro Isaiah Hartenstein hanno incrociato i fili:

“Non ho avuto un buon giudizio”, ha detto Brunson, che ha chiuso con 40 punti e sei assist nella sua quarta partita da 47 punti e 10 assist. “Turnoup trascurabile negli straordinari.”

READ  Scambio Daulton Varsho: i Blue Jays hanno acquisito un talento interessante dai Diamondbacks in un accordo a tre giocatori

“Un modo difficile per perdere una partita”, ha detto Thibodeau. “Aveva il comando. Dobbiamo giocare di più con il comando.”

Martedì, però, sono stati i Sixers a tenere duro, guidati dal playmaker 23enne della squadra, un All-Star, il giocatore più migliorato della lega e ora autore di una delle prestazioni più leggendarie della stagione. post-stagione. Nella storia del basket a Filadelfia.

“Stasera – quel quarto quarto, quel momento finale – quello che è stato in grado di fare è stato fantastico per noi”, ha detto l'attaccante dei Sixers Tobias Harris, che ha segnato 19 punti al tiro 7 su 11 con otto rimbalzi nella sua migliore partita della serie . . “Siamo rimaste incinte, proprio in quel momento.”

Gara 6 promette di essere un'altra guerra di logoramento, appena 48 ore dopo che diversi giocatori chiave di questa serie hanno registrato minuti brutali e di grande impatto: 48 per Embiid, 50 per OG Anunoby, 51 per Brunson, 52 per Maxey e 53 per Hart, con cui non si sentiva a proprio agio secondo Martedì. I Knicks – che hanno schierato solo sette giocatori in Gara 5, dopo aver perso l'ottavo giocatore Bojan Bogdanovic per il resto della stagione – non possono permettersi di rallentare mentre cercano di cogliere una seconda possibilità per evitare una Gara 7 in cui il vincitore prende tutto. .

“Tiriamo fuori tutto”, ha detto Bronson. “Non c'è più tempo per stare al passo.”

E i Sixer non possono, come Maxey sa.

“Voglio dire, onestamente, so che è un cliché o qualcosa del genere, ma sto cercando di migliorare nel gioco”, ha detto. “Io… so cosa dobbiamo fare entro 48 ore. Non possiamo lasciare che questa cosa accada. È un gioco completamente nuovo. “E la nostra stagione è tornata di nuovo sulla buona strada.”