Ottobre 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Regno Unito infuriato mentre le mele bruciano sui rami e milioni di persone colpiti dal divieto dei cannoni ad acqua

Regno Unito infuriato mentre le mele bruciano sui rami e milioni di persone colpiti dal divieto dei cannoni ad acqua

Passeggiando nel loro frutteto a Lathcoats Farm, le mele su diversi alberi erano visibilmente bruciate, la loro pelle si era ridotta a pezzetti e la carne sotto di loro era tappata. Gran parte del raccolto della fattoria quest’anno era invendibile.

L’ondata di caldo record dello scorso luglio ha distrutto le mele sui suoi rami, ma Philip Taylor, che gestisce la fattoria con suo nipote, ora ha cose più grandi di cui preoccuparsi. Il terreno sotto gli alberi si incrina per la siccità: in primavera e in estate hanno piovuto molto poco. Anche lo scorso inverno, quando l’acqua piovana veniva solitamente immagazzinata nel terreno per mantenerlo umido per mesi, non era abbastanza bagnato.

Luglio in Inghilterra è stato il mese più secco dal 1935 e la parte meridionale del paese, inclusa la Lathcoats Farm, riceve solo il 17% delle precipitazioni medie mensili, secondo il Met Office del Regno Unito. Non c’è nemmeno una grande quantità di pioggia in vista.

I livelli dell’acqua nei bacini idrici stanno diminuendo rapidamente ei fiumi si stanno prosciugando. Anche il Tamigi che scorre attraverso Londra si è ridotto, e le prime 5 miglia di esso si sono prosciugate e sono scomparse. Tredici fiumi monitorati dall’Agenzia per l’ambiente sono ai minimi storici.

Causa crisi climatica, guidata dalla combustione di combustibili fossili Clima caldo, siccità e inondazioni più frequenti e gravi Nel Regno Unito, più caldo è il pianeta, peggiori saranno questi effetti.

Ma per i coltivatori di colture assetate come le mele, non c’è nessun sostituto per la pioggia che arriva direttamente dal cielo.

“La coltivazione delle mele non funzionerebbe se avessimo estati come questa ogni anno”, ha detto Taylor alla CNN nella sua fattoria a circa 40 miglia a nord-est di Londra. “Il nostro accesso all’acqua al momento proviene solo da fonti d’acqua. Dare ai meli abbastanza acqua per produrre un raccolto decente sarebbe molto costoso”.

Fortunatamente, Taylor ha altri mezzi di reddito. La sua famiglia ha trasformato la fattoria in un luogo attraente da visitare, con una caffetteria e un negozio di fattoria che vende succhi di mele Lathcoats, prodotti freschi e pane e dolci biologici. Le persone vengono anche qui per raccogliere i frutti da soli, il che rende la giornata divertente in particolare per i più piccoli.

Lui e suo nipote vendono anche frutti di bosco, come bacche e pesche, che possono essere irrigati. Ma anche quell’acqua sta diventando scarsa, e non sopportano alcune delle misure che le grandi fattorie stanno facendo per proteggersi dalle intemperie.

READ  Notizie dall'Ucraina: le principali città polacche stanno finendo i posti per i rifugiati

“In termini di ciò che facciamo al riguardo, beh, siamo un po’ preoccupati”, ha detto Taylor. “Potremmo abbandonare la coltivazione delle mele. Certo, esamineremo le cultivar che potremmo coltivare in futuro. Alcune saranno più resistenti a queste temperature rispetto ad alcune delle tradizionali varietà inglesi che coltiviamo ora”.

Ogni giorno si perdono 3 miliardi di litri di acqua a causa di perdite

Il divieto di Hosepipe sta costringendo le persone a trovare modi meno dispendiosi per rinnovare i propri giardini e lavare le auto. Anche riempire la piscina per bambini, come fanno alcuni inglesi nelle giornate calde, è vietato in molte zone.

Ma il problema non è solo il consumo, o anche la mancanza di pioggia: le infrastrutture del Regno Unito hanno diverse centinaia di anni e sono particolarmente soggette a perdite. In Inghilterra e Galles, 3,1 miliardi di litri d’acqua – sufficienti per riempire 1.240 piscine olimpioniche – vengono persi ogni giorno a causa di perdite.

“C’è una vera mancanza di rispetto per l’acqua che abbiamo, questa è una risorsa davvero preziosa”, ha detto alla Galileus Web Hannah Kluck, scienziata del clima e idrologa presso l’Università di Reading. “Lo beviamo, lo usiamo per coltivare il nostro cibo, eppure lo lasciamo ancora filtrare ovunque. Questo è uno dei problemi più grandi. Le compagnie idriche lo lasciano semplicemente filtrare: hanno davvero lasciato cadere la palla lì”.

I livelli dell'acqua più bassi rivelano parti della costa nel bacino idrico di Hanningfield nell'Essex, in Inghilterra.

Water UK, che rappresenta 12 grandi società idriche in tutto il paese, ha affermato che molto è già stato fatto per tappare le perdite.

“Le aziende stanno mettendo sempre più l’innovazione e la tecnologia al centro di questi sforzi”, ha affermato l’organizzazione in una dichiarazione alla CNN. “Griglie intelligenti, sensori intelligenti, tecnologia satellitare e droni fanno tutti parte dell’armeria utilizzata per rilevare e riparare le perdite più velocemente che mai”.

Le società rappresentate da Water UK prevedono inoltre di investire 14 miliardi di sterline (17 miliardi di dollari) in cisterne e sistemi di trasporto d’acqua in tutto il paese, “abbastanza per rifornire 10 milioni di persone”, in modo che possano essere salvate in periodi particolarmente siccitosi come questi.

Un altro problema è che solo circa la metà delle case in Inghilterra e Galles dispone di contatori dell’acqua, il che consente alle aziende di addebitare i clienti in base al loro effettivo utilizzo. Il resto paga solo ciò che le aziende stimano che una casa delle loro dimensioni potrebbe utilizzare.

READ  Crisi in Ucraina: la Russia sta pianificando la più grande guerra dal 1945, afferma Johnson. Zelensky chiede sanzioni ora - live | notizie dal mondo

Il più ampio Regno Unito ha il consumo d’acqua pro capite più alto di tutta Europa, consumando più di 140 litri al giorno. La misurazione ha dimostrato di ridurre il consumo di acqua di oltre il 20%. Senza di essa, non vi è alcun incentivo a ridurre l’uso.

Kluck ha affermato che le compagnie idriche potrebbero non voler espandere la misurazione, il che potrebbe danneggiare i loro profitti, supponendo che le persone saranno più attente ai loro consumi.

“Le compagnie idriche vorranno fare soldi vendendo acqua, quindi è nel loro interesse continuare a vendere, anche quando ci sono restrizioni”, ha detto Kluck. “Non abbiamo capito bene, ma le compagnie idriche non hanno l’incentivo a fare la cosa giusta, dal punto di vista ambientale, e questo vale per l’inquinamento e le inondazioni, così come per la siccità e le perdite. Era una situazione molto grande “Continuiamo come al solito”.

Terra incrinata in un campo asciutto vicino a Chelmsford, in Inghilterra.

Il Centre for Environment and Hydrology del Regno Unito ha avvertito mercoledì che le condizioni di siccità, che ora colpiscono gran parte del paese, potrebbero durare almeno fino a ottobre. Il centro guarda solo pochi mesi avanti e si teme che il paese possa vivere anche un secondo inverno secco consecutivo, anche il prossimo anno.

Potrebbe essere disastroso, non solo per le famiglie, ma anche per la sicurezza alimentare, già minata dalla guerra russa in Ucraina e dalla siccità in altre parti d’Europa. Farebbe anche aumentare i prezzi dei generi alimentari, facendo aumentare l’inflazione che è già dolorosa per milioni di persone nel paese, con tassi ipotecari e affitti più elevati e prezzi dell’energia più elevati.

Come Taylor ha detto alla CNN dalla sua fattoria, è stata una cosa dopo l’altra.

“È successo tutto in una volta”, ha detto. “Puoi iniziare con la Brexit e andare in Ucraina, poi Covid. E ora il cambiamento climatico sta davvero iniziando a fare male”.

Il giardino inglese appassisce

Dall’altra parte di Londra, a sud, la contea inglese del Kent è conosciuta come il Giardino d’Inghilterra per le sue dolci colline verdi, la terra fertile e i frutteti che riforniscono la nazione di fragole, mele e pere. È anche un luogo che attrae i proprietari del pollice verde, che si trasferiscono qui e piantano grandi giardini nelle loro case.

David e Margaret Miller innaffiano le loro piante nella loro casa di Edimburgo.

David e Margaret Miller hanno vissuto nella loro casa a Edimburgo, nel Kent, per quasi 40 anni. La coppia ha mostrato alla CNN le foto di come appariva un tempo il loro giardino: un’oasi verde lussureggiante di gerani, azalee, dalie, canna ed echinacea. Hanno anche portato diversi certificati per mostrare quali premi hanno ricevuto dal concorso locale Edenbridge in Bloom Gardening, che hanno vinto più volte.

READ  Nuovi dettagli sul piano "falsa bandiera" della Russia spingono gli Stati Uniti a prepararsi al peggio in Ucraina

Ora il loro prato si è prosciugato e costruito per la mancanza di pioggia. Alcuni dei suoi fiori non sbocciavano affatto con il caldo, ei fiori rosa dell’echinacea sbiadivano completamente e i loro petali si abbassavano.

La coppia ha deciso di provare ad annaffiare i fiori e le piante a cui tenevano così spesso. Anche se non è ancora sotto il divieto di tubi flessibili, ha detto Margaret Miller, è passata agli annaffiatoi “per fare la cosa giusta”. Ciò ha reso quello che una volta era un lavoro di 30 minuti il ​​doppio. Con questo caldo, a volte hanno bisogno di annaffiare le loro poche piante selezionate due volte al giorno solo per mantenerle in vita.

Non è un compito facile per David, 84 anni, che ha le vertigini, o Margaret, 80 anni, che ha problemi all’anca. E il loro giardino è tutto per loro. Un hobby e un santuario che li ha portati attraverso il peggio della pandemia.

Mulini & # 39;  Il giardino un tempo era un'oasi lussureggiante, ma cedette al caldo e alla mancanza di pioggia.

“Quando li vedi appassire per il caldo, ti senti triste”, ha detto Margaret Miller delle sue piante. “Perché ti sei preso cura di loro per un periodo di tempo.”

È d’accordo sul fatto che le persone dovrebbero conservare l’acqua come risorsa preziosa, ma è frustrata dal fatto che il suo giardino debba soffrire mentre il paese perde così tante perdite ogni giorno.

“Mi dispiace per questo, perché poi escogitano un motivo come ‘Oh, abbiamo un sistema di drenaggio che ha diverse centinaia di anni, e non è colpa delle compagnie idriche’. Ma avrei pensato, in questo giorno e età, hanno apparecchiature in grado di individuare queste perdite e risolverle “, ha detto. “Sono sicuro che fanno un sacco di soldi, quindi perché non li restituiscono? Mi fa passare”.