Maggio 30, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Prevista la ripresa dei colloqui per il cessate il fuoco in Egitto: sviluppi della guerra tra Israele e Hamas

Prevista la ripresa dei colloqui per il cessate il fuoco in Egitto: sviluppi della guerra tra Israele e Hamas

Quando Christopher Lockyer, segretario generale di Medici Senza Frontiere, ha visitato la Striscia di Gaza per cinque giorni all’inizio di questo mese, ha notato le miglia percorse dai camion in attesa di consegnare aiuti all’enclave devastata nonostante la crescente pressione internazionale per aumentare le spedizioni.

Giovedì, la Corte internazionale di giustizia dell’Aia ha risposto ai problemi in corso ordinando a Israele di garantire la “fornitura senza ostacoli di aiuti” a Gaza, usando uno dei suoi termini più forti finora. Israele ha respinto le accuse di essere responsabile del ritardo nella consegna degli aiuti, e lo ha fatto anche questa settimana.

“Non si tratta solo del numero di camion che attraversano il confine”, ha detto Lockyer in un'intervista sabato. “Riguarda ciò che accadrà dopo quel punto. Riguarda la consegna. Riguarda l'assistenza sanitaria sostenibile. Riguarda l'acqua pulita.”

Nella sua sentenza di giovedì, la Corte internazionale di giustizia, la più alta corte delle Nazioni Unite, ha invitato Israele ad aumentare il numero di attraversamenti terrestri per ottenere aiuti e gli ha chiesto di garantire che il suo esercito non violi i diritti dei palestinesi ai sensi della Convenzione sul genocidio, ” anche impedendo, con qualsiasi misura, di fornire l’assistenza umanitaria tanto necessaria”.

Ministero degli Affari Esteri israeliano Lui ha risposto Affermando che Israele ha compiuto sforzi significativi per mitigare i danni ai civili e facilitare il flusso di aiuti a Gaza, “compresi in particolare cibo, acqua, attrezzature per ripari e medicinali”.

Il 9 ottobre – due giorni dopo l’attacco di Hamas al sud di Israele e l’inizio della guerra israeliana a Gaza – Israele ha imposto quello che ha definito un “assedio totale” alla regione. Da allora, gli aiuti sono stati ammessi a Gaza solo nel quadro di misure restrittive controllate da Israele; Queste regole si applicano anche agli aiuti inviati dalle Nazioni Unite e da gruppi come Medici Senza Frontiere, conosciuto con l’acronimo francese MSF.

READ  Hossein Amir Abdollahian: la risposta dell’Iran sarà “immediata e al massimo livello”. Il ministro degli Esteri avverte Israele

Questa settimana, a un camion di Medici Senza Frontiere che trasportava forniture e attrezzature mediche è stato impedito l'ingresso a Gaza perché trasportava dispositivi metallici utilizzati per aiutare a stabilizzare le ossa rotte, ha detto Lockyer. “Questi materiali, che erano stati precedentemente approvati per l'ingresso, li abbiamo portati a Gaza in precedenza”, ha detto Lockyer. Questa volta, ha detto, “L'intero camion è stato restituito perché questi oggetti erano lì e non sappiamo perché”.

Un portavoce dell'autorità israeliana responsabile dell'ingresso degli aiuti a Gaza ha affermato che l'autorità non è stata in grado di trovare alcuna documentazione o informazione sul rifiuto o il rifiuto di un camion appartenente a Medici Senza Frontiere.

Israele ha precedentemente affermato che sta impedendo o limitando l’ingresso di quelli che definisce materiali “a duplice uso” – articoli o sostanze che, secondo Hamas, potrebbero utilizzare per scopi militari.

Lockyer ha affermato che la sua visita di cinque giorni a Gaza, sia nella città meridionale di Rafah che a Deir al-Balah, nella parte centrale della Striscia, ha sottolineato per lui l'importanza cruciale non solo di garantire che aiuti adeguati raggiungano Gaza, ma ma anche garantire che non sia sufficiente per raggiungere Gaza. Viene distribuito in modo corretto e sicuro, ma è anche necessario porre fine al conflitto stesso.

Ha aggiunto che il peggioramento degli effetti della catastrofe umanitaria e delle operazioni militari in corso è diventato evidente durante una visita all'ospedale Al-Aqsa a Deir al-Balah il 19 marzo, la mattina dopo che l'area era stata sottoposta ad un altro violento bombardamento.

I reparti e i corridoi erano pieni di feriti che soffrivano di ustioni, schegge e arti frantumati, compresi alcuni che avevano bisogno di amputazione. Nel frattempo veniva portato dentro un flusso costante di bambini deboli, emaciati e malnutriti.

READ  L'Ucraina ordina più sistemi missilistici; Lavrov avverte di scioperi in Russia

“Una delle cose più scioccanti è stata la decisione che le équipe mediche hanno dovuto prendere, in termini di: dare letti ai pazienti traumatizzati o dare letti ai bambini malnutriti?” Egli ha detto.

Sabato, il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha chiesto un aumento delle evacuazioni da Gaza. Ha scritto che gli ospedali colpiti stavano lottando per prendersi cura dei malati e dei feriti In un post su XHa aggiunto: “Circa 9.000 pazienti devono essere urgentemente evacuati all'estero per ottenere servizi sanitari salvavita, tra cui cure per il cancro, lesioni derivanti dai bombardamenti, dialisi e altre condizioni croniche”.

Ha esortato Israele ad accettare ulteriori evacuazioni, dicendo: “Ogni momento conta”.