Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Elezioni turche: nonostante la battuta d’arresto di Erdogan, l’opposizione ottiene enormi guadagni nelle elezioni locali

Elezioni turche: nonostante la battuta d’arresto di Erdogan, l’opposizione ottiene enormi guadagni nelle elezioni locali

ANKARA, Turchia (AP) – Il principale partito di opposizione turco ha mantenuto il controllo delle principali città e ha ottenuto enormi guadagni altrove nelle elezioni locali di domenica, con una grande sorpresa per il presidente Recep Tayyip Erdogan, che aveva l’obiettivo di riprendere il controllo di quelle aree urbane. .

Con oltre il 90% delle urne scrutinate, l'attuale sindaco di Istanbul Ekrem Imamoglu, che appartiene al Partito popolare repubblicano, ha un ampio vantaggio nella più grande città e centro economico della Turchia, secondo l'agenzia statale Anadolu. I risultati hanno mostrato che Mansur Yavaş, sindaco della capitale Ankara, ha mantenuto il suo posto con uno straordinario margine di 25 punti sul suo rivale.

Nel complesso, secondo Anadolu, il CHP ha conquistato comuni in 36 delle 81 province turche, facendosi strada in molte delle roccaforti del partito di Erdogan. Ha ricevuto il 37% dei voti a livello nazionale, rispetto al 36% del partito del presidente, segnando la più grande vittoria elettorale del CHP da quando Erdogan è salito al potere due decenni fa.

Erdogan ha riconosciuto la battuta d'arresto elettorale in un discorso dal balcone del palazzo presidenziale, dicendo che il suo partito ha subito una “perdita di altezza” in tutta la Turchia. Ha aggiunto che il popolo ha lanciato un “messaggio” secondo cui il suo partito lo “analizzerà” impegnandosi in un'autocritica “coraggiosa”.

Erdogan ha aggiunto: “Sfortunatamente, nove mesi dopo la nostra vittoria nelle elezioni del 28 maggio, non siamo stati in grado di ottenere il risultato che volevamo nel test elettorale locale”. “Correggeremo i nostri errori e correggeremo le nostre carenze.”

READ  Un cucciolo di orca orfano fugge da un lago canadese dopo un mese di tentativi

Si è impegnato a portare avanti il ​​programma economico presentato lo scorso anno che mira a combattere l'inflazione.

Il voto era considerato una misura La popolarità di Erdogan Come cercava Per riprendere il controllo delle principali aree urbane Ha perso contro l'opposizione alle elezioni di cinque anni fa. Le vittorie del CHP ad Ankara e Istanbul nel 2019 hanno infranto l’aura di invincibilità di Erdogan.

Il principale campo di battaglia per il 70enne presidente turco Era IstanbulÈ una città di 16 milioni di abitanti dove è nato e cresciuto e dove ha iniziato la sua carriera politica come sindaco nel 1994.

Il risultato è stato un impulso per l’opposizione, che è rimasta divisa e demoralizzata dopo la sconfitta da parte di Erdogan e del Partito Giustizia e Sviluppo, o AKP, di tendenza islamica, nelle elezioni presidenziali e parlamentari dello scorso anno.

“Gli elettori hanno deciso di creare un nuovo sistema politico in Turchia”, ha detto il leader del CHP Ozgur Ozil davanti a una folla di sostenitori esultanti. Ha aggiunto: “Oggi gli elettori hanno deciso di cambiare il quadro che va avanti da 22 anni in Turchia e aprire le porte a un nuovo clima politico nel nostro Paese”.

Nel frattempo, una grande folla si è radunata davanti al municipio di Ankara per celebrare la vittoria di Yavaş. “Ankara è orgogliosa di te!” I sostenitori hanno esultato.

Sinan Ulgen, direttore dell'Edam Research Center con sede a Istanbul, ha affermato che il “risultato sorprendente” è dovuto al desiderio degli elettori di punire il partito al governo a causa “della profondità del disagio economico”. L’elevata inflazione ha lasciato molte famiglie turche in difficoltà nell’acquisto di beni di prima necessità.

READ  Il primo ministro ungherese afferma che i paesi europei con "razze miste" "non sono più paesi"

Ulgen ha affermato che i sostenitori dell’AKP hanno scelto di stare lontani dai seggi elettorali o di votare per altri partiti.

Ha aggiunto che il tasso di partecipazione è stato relativamente basso rispetto alle elezioni precedenti. “Ci sono stati spostamenti tra i partiti nel voto, cosa che non è avvenuta nelle elezioni nazionali a causa dei forti legami ideologici. Questa volta l'economia ha prevalso sull'identità”.

Circa 61 milioni di persone, tra cui più di 1 milione di elettori per la prima volta, hanno potuto votare per tutti i comuni, sindaci e distretti delle principali città, nonché per le amministrazioni distrettuali.

Il sindaco di Ankara e il candidato del CHP Mansur Yavaş votano in un seggio elettorale ad Ankara, domenica 31 marzo 2024. Domenica in Turchia si terranno le elezioni locali che decideranno chi controllerà Istanbul e le altre grandi città.  (AP Photo/Ali Onal)

Il sindaco di Ankara e il candidato del CHP Mansur Yavaş votano in un seggio elettorale ad Ankara, domenica 31 marzo 2024. Domenica in Turchia si terranno le elezioni locali che decideranno chi controllerà Istanbul e le altre grandi città. (AP Photo/Ali Onal)

Secondo l’agenzia statale Anadolu, la partecipazione è stata di circa il 76%, rispetto all’87% dell’anno scorso.

Circa 594.000 addetti alla sicurezza sono dispiegati in tutto il Paese per garantire che le votazioni si svolgano senza intoppi. Tuttavia, una persona è stata uccisa e altre 11 sono rimaste ferite nella città di Diyarbakir, dove una disputa sull'elezione di un direttore distrettuale è diventata violenta, ha riferito l'agenzia statale Anadolu. Almeno sei persone sono rimaste ferite negli scontri scoppiati nella vicina provincia di Sanliurfa.

“Secondo i dati che abbiamo ottenuto, sembra che la fiducia dei nostri cittadini nei nostri confronti abbia dato i suoi frutti”, ha detto Imamoglu.

A Istanbul Imamoglu ha ottenuto il 50,6% dei voti, mentre il candidato del Partito Giustizia e Sviluppo Murat Kurum, ex ministro dell'Urbanizzazione e dell'Ambiente, ha ottenuto il 40,5%, secondo Anadolu. I sondaggi d'opinione lo avevano indicato Gara serrata tra i due.

I rappresentanti elettorali contano i voti in un seggio elettorale a Istanbul, Turchia, domenica 31 marzo 2024. Domenica in Turchia si terranno le elezioni locali che decideranno chi controllerà Istanbul e le altre grandi città.  (AP Photo/Emrah Gurel)

I rappresentanti elettorali contano i voti in un seggio elettorale a Istanbul, Turchia, domenica 31 marzo 2024. Domenica in Turchia si terranno le elezioni locali che decideranno chi controllerà Istanbul e le altre grandi città. (AP Photo/Emrah Gurel)

İmamoğlu, una figura popolare descritta come un potenziale futuro rivale di Erdogan, si è candidato senza il sostegno di alcuni dei partiti che lo hanno aiutato a vincere nel 2019. Il Partito filo-curdo per l'uguaglianza e la democrazia popolare e il partito nazionalista Buono hanno presentato ciascuno i propri partiti. I candidati in gara.

La coalizione di opposizione a sei partiti guidata dal CHP si è disintegrata dopo aver fallito nel cacciare Erdogan nelle elezioni dello scorso anno, e non è stata in grado di trarre vantaggio dalla crisi economica e dalla risposta inizialmente debole del governo alla crisi. Il devastante terremoto dello scorso anno Che costò la vita a più di 53mila persone.

Ulgen ha affermato che il risultato ha spinto Imamoglu nel ruolo di potenziale leader dell’opposizione per sfidare Erdogan alla presidenza nel 2028.

“Questo risultato è stato sicuramente un punto di svolta per Imamoglu”, ha detto. Ha aggiunto: “Emergerà come un candidato naturale dell’opposizione per il prossimo turno delle elezioni presidenziali”.

Un nuovo partito religioso conservatore, il Nuovo Partito del Welfare, sembra essere riuscito ad attirare voti da parte dei sostenitori dell'AKP che erano delusi dalla gestione economica del governo.

Nel sud-est della Turchia, a maggioranza curda, il DDP era sulla buona strada per conquistare diversi comuni, ma non è chiaro se gli sarà permesso di mantenerli. Negli anni precedenti, il governo di Erdogan aveva rimosso dall'incarico i sindaci filo-curdi eletti a causa dei loro presunti legami con i militanti curdi e li aveva sostituiti con amministratori nominati dallo stato.

Gli analisti hanno affermato che una forte prestazione del partito di Erdogan avrebbe rafforzato la sua determinazione a introdurre una nuova costituzione, che rifletta i suoi valori conservatori e gli permetta di governare dopo il 2028, quando scadrà il suo attuale mandato.

Erdogan, che ha guidato la Turchia per più di due decenni – come primo ministro dal 2003 e presidente dal 2014 – è stato Richiesta di una nuova Costituzione Ciò metterebbe in primo piano i valori della famiglia.

___

Kiper ha riferito da Bodrum, Türkiye.