Luglio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le forze di sicurezza iraniane hanno arrestato brevemente il padre di Mahsa Amini un anno dopo la sua morte

Le forze di sicurezza iraniane hanno arrestato brevemente il padre di Mahsa Amini un anno dopo la sua morte

Una donna prende parte a una protesta contro il regime islamico in Iran dopo la morte di Mahsa Amini a Istanbul, Turchia, il 10 dicembre 2022. REUTERS/Dilara Sinkaya // Foto d’archivio Ottenere i diritti di licenza

16 settembre (Reuters) – Le forze di sicurezza iraniane hanno arrestato brevemente il padre di Mahsa Amini sabato e si sono mobilitate nelle aree del paese a maggioranza curda un anno dopo la sua morte mentre era in custodia di polizia, provocando alcune delle più grandi proteste dalla caduta dello Scià nel 2016. .1979.

I media statali hanno riferito dell’arresto di diversi “controrivoluzionari” e “terroristi” in varie città iraniane e hanno affermato che le forze di sicurezza avevano sventato i piani volti a creare disordini attorno alle manifestazioni illegali.

La morte in custodia di Mahsa Amini, una donna curda di 22 anni arrestata dalla polizia morale l’anno scorso con l’accusa di aver violato un codice di abbigliamento obbligatorio, ha scatenato per diversi mesi le più grandi proteste contro il governo clericale sciita mai viste nella Repubblica islamica. Ha suscitato la condanna internazionale.

Sabato, nel primo anniversario della sua morte, forze di sicurezza su larga scala sono state dispiegate nelle aree a maggioranza curda dell’Iran in previsione di disordini, secondo gruppi per i diritti umani.

Ma i filmati pubblicati sui social media hanno mostrato chiare proteste in aree tra cui Gohardasht, un quartiere nella città di Karaj, a ovest della capitale Teheran, e nella città di Mashhad, nel nord-est del paese.

Un video pubblicato sui social media mostrava un gruppo di manifestanti a Gohardasht che cantava: “Siamo una grande nazione e ci riprenderemo l’Iran”, mentre gli autisti suonavano il clacson e gridavano incoraggiamento. Reuters non è stata immediatamente in grado di verificare l’autenticità del video.

READ  La Russia avverte l'ambasciatore americano che espellerà i diplomatici che interferiscono nei suoi affari interni

La Rete per i diritti umani del Kurdistan ha affermato che il padre di Mahsa, Amjad Amini, è stato messo in guardia dal commemorare la morte di sua figlia prima di essere rilasciato. L’agenzia di stampa ufficiale IRNA ha negato l’arresto di Amjad Amini, ma non ha detto se fosse stato brevemente detenuto o avvertito.

In precedenza, i social media e gruppi per i diritti umani avevano riferito che le forze di sicurezza avevano preso posizione intorno alla casa di Amini a Saqez, nell’Iran occidentale.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato venerdì in una dichiarazione: “La storia di Mahsa non si è conclusa con la sua morte brutale. Ha ispirato un movimento storico – Donne, Vita, Libertà – che ha avuto un impatto sull’Iran e ha avuto un impatto sulle persone di tutto il mondo”.

Venerdì, la Gran Bretagna ha imposto sanzioni a quattro funzionari iraniani, e gli Stati Uniti hanno affermato che stavano imponendo sanzioni a più di due dozzine di individui ed entità legate alla “repressione violenta” delle proteste in Iran.

Secondo i post sui social media, i genitori di Amini hanno dichiarato in una dichiarazione all’inizio di questa settimana che, nonostante gli avvertimenti del governo, avrebbero tenuto una “cerimonia commemorativa tradizionale e religiosa” sulla tomba della figlia 22enne a Saqqez.

Scioperi su larga scala sono stati segnalati in diverse città della regione del Kurdistan iraniano.

Ma l’agenzia di stampa della Repubblica islamica ha affermato che la città di Saqqez, città natale di Amini, era “completamente calma” e che le richieste di uno sciopero nelle regioni curde erano fallite a causa “della vigilanza della gente e della presenza delle forze di sicurezza e dell’esercito”.

READ  Biden afferma che Hamas ha attaccato Israele in parte per fermare l’accordo saudita

Un funzionario della regione del Kurdistan ha citato le parole di un funzionario: “Nelle prime ore di questa mattina sono stati arrestati alcuni agenti affiliati a gruppi antirivoluzionari che pianificavano di provocare il caos e preparare materiale mediatico”.

Gruppi per i diritti umani hanno affermato che nelle proteste seguite alla morte di Amini sono state uccise più di 500 persone, tra cui 71 minorenni, centinaia sono rimaste ferite e migliaia sono state arrestate. L’Iran ha effettuato sette esecuzioni legate ai disordini.

Amnesty International ha affermato in un rapporto del mese scorso che le autorità iraniane “sottopongono le famiglie delle vittime ad arresti e detenzioni arbitrari, impongono dure restrizioni alle riunioni pacifiche nelle tombe e distruggono le lapidi delle vittime”.

Molti giornalisti, avvocati, attivisti, studenti, accademici, artisti, personaggi pubblici e membri di minoranze etniche accusati di legami con l’ondata di protesta, nonché parenti di manifestanti uccisi nei disordini, sono stati arrestati, convocati, minacciati o espulsi. Nelle ultime settimane, secondo gruppi iraniani e occidentali per i diritti umani.

Il quotidiano iraniano Etemad ha riferito in agosto che anche l’avvocato della famiglia di Amini era accusato di “propaganda contro il regime”. Se condannato, Saleh Nakbakht rischia una pena detentiva da uno a tre anni.

Montaggio di Toby Chopra, Alex Richardson e Nick Macfie

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda