Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Come i Maple Leafs hanno vinto ancora per forzare Gara 7: 3 punti

Come i Maple Leafs hanno vinto ancora per forzare Gara 7: 3 punti

In Gara 5, i Toronto Maple Leafs piantarono il seme del dubbio nei Boston Bruins, il cui vantaggio per 3-1 nella serie scese a 3-2.

In Gara 6 a Toronto, i Leafs piantarono, fertilizzarono e innaffiarono quel seme per far crescere il dubbio.

E ora, dopo una convincente ma tesa vittoria per 2-1, i Leafs sono costretti a tornare in Gara 7 a Boston con un’altra possibilità di esorcizzare i loro demoni dei playoff. Nel processo, hanno riportato in vita alcuni dei loro demoni Bruins, dopo aver battuto i Florida Panthers 3-1 nel primo turno dei playoff dello scorso anno. Gara 6 ha mostrato più del modo in cui i Leafs hanno giocato in Gara 5: concentrazione invece di tensione, determinazione invece di deterrenza.

“Sto solo seguendo l’onda”, ha detto l’interbase dei Leafs Simon Benoit. “Quando l’onda è accanto a te, devi solo cavalcarla.”

Quell’ondata ha guadagnato slancio quando i Leafs hanno nutrito il miglior pubblico della stagione della Scotiabank Arena.

“Era così forte là fuori che la mia voce ha iniziato a darmi fastidio, giusto per cambiare linea”, ha detto l’allenatore dei Leafs Sheldon Keefe.

Ciò che Keefe ha sottolineato – supponendo che la sua squadra lo abbia sentito – è stata la necessità di mantenere le cose strette in difesa. Mentre i Bruins hanno spinto nel secondo tempo, i Leafs hanno tenuto duro con il loro miglior hockey difensivo della serie.

“(I Bruins) avevano un certo aspetto, ma il modo in cui abbiamo difeso per impedire che qualcosa di pulito arrivasse nella nostra rete è stato straordinario”, ha detto Keefe. “Ho sfidato il gruppo e ho parlato con loro di come quando sei con le spalle al muro e vieni sfidato nel modo in cui affrontiamo l’eliminazione, verrai ricordato in un modo o nell’altro. Quindi, come vuoi che sia?”.

I Leafs saranno ricordati almeno per un gioco emozionante e di basso profilo. Ma due gol di William Nylander – il suo primo gol dei playoff dopo aver saltato le prime tre partite della serie – e un’altra prestazione straordinaria di Joseph Wall tra i pali sono bastati ai Leafs per ottenere la loro serie di sei sconfitte casalinghe consecutive.

William Nylander ha un’influenza

Mentre l’ansia cresceva mentre la partita si chiudeva senza gol verso la fine del secondo tempo, le tipiche chiamate del pubblico della Scotiabank Arena erano “Spara!” Ha raggiunto il culmine. E ehi, se sei Nylander, sai quanto sia importante essere un grande ascoltatore.

READ  World Championship Game 1: Homer di JT Realmuto regala a Velez la sua decima vittoria

A poco più di un minuto dalla fine del secondo periodo, i Leafs hanno pareggiato la partita in zona offensiva e Keefe ha mandato in campo due difensori dalla mentalità offensiva, Morgan Rielly e Timothy Liljegren. Si è rivelata una mossa efficace, con entrambi i giocatori che hanno toccato il disco prima di inviarlo a Nylander, che ha sparato in porta con un tiro di polso dalla lunga distanza.

Devi apprezzare la semplicità dello scatto di Nylander. Ci sono stati momenti in questa serie, soprattutto nel power play, in cui i Leafs potevano essere accusati di essere troppo gentili con la palla sul bastone e di aspettare l’occasione perfetta per tirare. Nylander sembrava semplicemente gettare le regole del gioco fuori dalla finestra e lanciare la palla in rete. Si fece strada nel traffico e superò Jeremy Swayman. Nylander non è il tipo che pensa troppo a qualsiasi cosa nella sua vita, e il suo modus operandi è stato dimostrato dal primo gol dei Leafs.

Questo è lo stesso Nylander che, ancora una volta, non aveva pensato molto al piano di gioco prima di Gara 6:

E Nylander ha “giocato” con questo, assicurando la vittoria ai Leafs con un senso di abilità su un gol in fuga alla fine del terzo periodo.

“Roba molto importante”, ha detto Keefe del gioco Nylander. “E’ quello che ti aspetti da un giocatore del suo calibro”.

Tutto il merito va a Matthew Kniss per il suo passaggio dietro la schiena a Nylander. Lo stesso Kniss ha gareggiato come un veterano in ogni partita e sta diventando un giocatore di playoff dinamico e affidabile davanti ai nostri occhi.

“Il cielo è il limite per un ragazzo come Kniss.” Ha molto da affrontare lì. “Quando gioca così, puoi vedere quanto è efficace”, ha detto Keefe.

Ora, vale anche la pena notare che i Leafs sono stati fortunati pochi secondi fa quando a Pontus Holmberg non è stato richiesto un rigore per quello che sembrava un colpo abbastanza evidente da dietro su Mason Lohry.

Joseph Wall chiude la porta

Dopo un’altra prestazione impressionante di Joseph Wall, che è entrato nella serie a metà di Gara 4, non vale la pena chiedersi quanto sarebbe stata diversa questa serie se Wall fosse stato il titolare di Gara 1?

READ  Fonti - Gli allenatori dei Big Ten sollecitano un'azione contro il Michigan su chiamata

Dopo che Woll è stata una delle storie più grandi in Gara 5, il portiere esordiente dei Leafs ha raddoppiato con una prestazione più convincente in Gara 6, fermando 22 tiri su 23.

L’aspetto più notevole della sua prestazione è stata la mancanza di lavoro svolto nel primo periodo, poiché i Bruins sono riusciti a realizzare solo un tiro in porta. In alcuni casi, questo basso numero di ripetizioni può rischiare di far inciampare il portiere a metà partita.

Invece la pazienza di Wall gli ha fatto compagnia nel primo tempo, il suo atletismo lo ha fatto passare nel secondo e terzo periodo. Ora possiede una ridicola percentuale di salvataggio di 0,964 in tre apparizioni in questa serie.

Woll ha dato il meglio di sé attraverso una serie di occasioni da Bruins nel terzo periodo: è stato costretto a allungarsi da un lato all’altro mentre giaceva a pancia in giù e ad effettuare un contrasto senza il bastone in una sequenza precedente.

Se sei uno skater dei Leafs, come puoi non sentirti più sicuro giocando fuori dalla zona difensiva quando Woll è bloccato come lo era nei Giochi 5 e 6?

“(Wall) non ha commesso alcun errore. Ecco perché siamo rimasti in partita. Ha dato fiducia al gruppo. E ne abbiamo bisogno adesso”, ha detto Keefe.

L’abilità di Wall di non perdere la calma in una vicenda snervante è l’ennesimo promemoria del fatto che il portiere del futuro dei Leafs è arrivato alla grande. Non era interessato ad alcuna introspezione post partita. Invece, voleva solo aspettare con ansia la partita 7.

“Molto emozionato. (TD Garden) è un ottimo edificio in cui giocare”, ha detto Wall. “Sarà una grande partita.”

Il gioco di potere si rivela vuoto. di nuovo

Stiamo esaurendo i modi per descrivere quanto sia stato inefficace il gioco di potere dei Leafs in questa serie.

Quando a David Pastrnak è stata assegnata una doppia minore per bastone alto nel secondo periodo, sembrava, ancora una volta, che i Leafs potessero finalmente sfondare con il vantaggio maschile. Invece, entrambe le unità sembravano disorganizzate ed esitanti come sempre. I loro movimenti del disco erano, nella migliore delle ipotesi, discutibili e la loro mancanza di urgenza era evidente. Nessuno dei loro giocatori con una mentalità offensiva sembra intenzionato a sfruttare i propri punti di forza nel gioco di potere. Dopo sei minuti con un pattinatore in più in due periodi, i Leafs hanno messo a segno sei miseri colpi.

READ  La squadra femminile irlandese di basket rifiuta di stringere la mano alla squadra israeliana dopo le accuse di antisemitismo

Vai 1 su 20 in sei partite. Per tutta la serie, il gioco di potere dei Leafs ricordava stranamente uno studente inviato a sostenere un test importante senza leggere una frase del programma.

Ora, da un lato, si potrebbe dire che i Leafs sono legati alla serie, quindi almeno stanno affrontando le loro lotte per il gioco di potere.

Ma in Gara 7, i margini di errore sembrano essere molto più ridotti. Un gol di power play può fare la differenza. Dovranno migliorare.

I Leafs aspettano con ansia Gara 7

Seduto sul podio con i capelli impomatati e un abito nero altrettanto elegante, Nylander non ha potuto fare a meno di sorridere con Gara 7 a meno di 48 ore di distanza a Boston.
La stella dell’attaccante è stata l’unico giocatore dei Leafs che ha trovato la capacità di portare un po’ di umorismo nella situazione e nella storia dei Leafs nelle partite 7 a Boston.

“È un’esperienza speciale”, ha detto Nylander parlando di Gara 7. “Non so se ne abbiamo già vinto uno. Oppure no”. Quindi siamo all’altezza della prova.”

In attesa di Gara 7, l’atteggiamento di Nylander ha permeato tutta la squadra dei Leafs. Gli stessi Leafs sembravano sconfitti e sembravano morti in acqua dopo Gara 4. Ma dopo la sesta partita? Era difficile non provare una sensazione di liberazione. Anche quando i Leafs si dirigono verso un edificio in cui hanno avuto problemi a vincere, continuano a giocare con i soldi della casa.

“Secondo me, abbiamo giocato solo due Gara 7”, ha detto Keefe.

Forse per una volta, non avere la sensazione che la fine del mondo sia all’orizzonte potrebbe avvantaggiare i Leafs in Gara 7.

“In termini di come ci sentiamo, è come se l’avessimo appena attraversato, dove ogni giocata conta”, ha detto Keefe. “Ci aspettiamo che sia serrato perché alla fine, tutto ciò che abbiamo guadagnato è una partita in più in programma.

(William Nylander e Timothy Liljegren Immagine: Kevin Souza/NHLI tramite Getty Images)