Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Royal Air Force britannica partecipa al più grande lancio di aiuti a Gaza

La Royal Air Force britannica partecipa al più grande lancio di aiuti a Gaza

  • Scritto da James Landale
  • Corrispondente diplomatico a Gaza

Spiegazione video,

Guarda: 14 aerei provenienti da nove paesi hanno sganciato 10 tonnellate di aiuti

Ed è tutto finito in pochi secondi. L'aereo rallenta, alza il muso e 12 pallet di aiuti umanitari perfettamente imballati scivolano fuori dalla rampa aperta sul retro.

Un minuto fa c’erano 10 tonnellate di cibo e acqua, e il minuto dopo si lanciavano dolcemente con il paracadute nella brezza di sud-ovest, atterrando sulle coste settentrionali di Gaza.

Sembra semplice e diretto. Tuttavia, fornire aiuti via aerea non è affatto semplice. Questo è tutt’altro che controverso.

Questo è stato il più grande lancio aereo della coalizione durante la guerra: 14 aerei provenienti da nove paesi hanno consegnato aiuti. Il volume delle consegne è stato programmato per celebrare la fine del Ramadan.

In una base aerea militare a est di Amman, la capitale giordana, abbiamo osservato gli equipaggi di volo provenienti da Regno Unito, Stati Uniti, Paesi Bassi, Germania, Egitto, Indonesia, Emirati Arabi Uniti e Francia essere informati sugli sviluppi dalle loro controparti giordane. Hanno bisogno di sapere chi sta facendo cosa e dove, dato che lo spazio aereo sopra Gaza è piccolo.

Ogni paese ha la propria zona di rilascio e il proprio modo di fornire aiuti. L'intero processo è organizzato dai giordani ma tutto deve essere firmato dagli israeliani. Se l'esercito israeliano dice no, gli aerei non decollano.

I turchi stavano progettando di unirsi alla coalizione oggi, ma sono stati intercettati all'ultimo minuto.

Gli aiuti sono ammassati in vasti granai aperti: mucchi di farina, zucchero, riso, fagioli, legumi, olio e acqua. Il Regno Unito ha il suo angolo dove i militari e le donne britannici, sia della RAF che del 47 Air Dispatch Squadron del Royal Logistics Corps, imballano con cura i loro pallet.

Tutto viene pesato attentamente: ogni pacco non può essere né troppo leggero né troppo pesante. Tutto è volutamente imballato per evitare danni causati da collisioni. Corde e cinghie sono misurate e posizionate con precisione. Alcuni regali erano confezionati con cura. Il tutto si trova su uno spesso foglio di compensato.

Commenta la foto,

La RAF utilizza uno dei suoi aerei da trasporto più grandi, l'A400M

I carrelli elevatori caricano i pallet sull'A400M, uno dei più grandi aerei da trasporto della RAF, il successore del meno frequente Hercules C130. Ogni contenitore scorre lungo una pista rotolante sulla superficie dell'aereo. Vengono effettuati controlli frequenti per garantire che non si inceppino.

Decollammo e dopo 40 minuti raggiungemmo la zona di atterraggio. Ecco la prossima complicazione.

La RAF di solito lancia gli aiuti ad un'altitudine massima di 400 piedi, ma gli israeliani hanno stabilito che lo facciano ad una distanza di almeno 2.000 piedi. Ciò significa che gli ombrelloni hanno molto tempo per essere portati fuori rotta dal vento. Ecco perché nelle ultime settimane alcuni lanci aerei sono atterrati in mare.

I piloti ci hanno avvertito durante il volo che avrebbero lasciato cadere i container in mare, ma la brezza da sud-ovest li avrebbe riportati a riva. E questo è esattamente ciò che accade. Il lavoro è finito e torniamo a casa.

Quindi niente di tutto questo è facile. La possibilità di errore è alta. Inoltre, non è un buon modo per fornire aiuti.

Il volo della RAF trasportava circa 10 tonnellate di aiuti. Si tratta di meno di quanto un singolo camion può trasportare attraverso il confine via terra. Quindi, ci sono sforzi e spese enormi, ma il suo impatto è marginale.

L'esercito britannico lo sa. Ma il capo squadrone Lucy Pleyle, comandante del distaccamento ad Amman, ha detto che l’effetto cumulativo stava iniziando a manifestarsi, con circa 1.500 tonnellate di aiuti consegnati nell’ultimo mese.

“Si tratta di uno sforzo continuo”, ha detto. “Siamo qui da tre settimane e forniamo costantemente aiuti.

“La gente di Gaza è molto grata per gli sforzi che faremo. Continueremo a fornire e fornire, finché non potremo dare di più”.

Alcuni gruppi di soccorso internazionali affermano che questi voli sono solo per spettacolo, per fornire l’illusione che alcuni paesi stiano contribuendo agli sforzi umanitari. Dicono che i lanci aerei siano un simbolo dell’incapacità di fornire aiuti con altri mezzi, il che distrae da tali sforzi. Sostengono, giustamente, che i lanci aerei semplicemente non soddisferanno i bisogni sul campo.

Non c’è modo di organizzare la distribuzione sul territorio. Alcuni abitanti di Gaza sono rimasti schiacciati durante la ressa sulle piattaforme. Altri sono annegati mentre cercavano di catturare quelli che atterravano in mare. Alcuni sono rimasti addirittura feriti quando i container sono caduti sugli edifici.

Ma gli equipaggi qui in Giordania insistono sul fatto che stanno facendo la differenza, che stanno colmando una lacuna – almeno in assenza di aiuti sufficienti che arrivino via terra o via mare.

Il maresciallo Adrian Debs ha detto: “Non è molto, ma è lo sforzo che conta, come ogni piccolo aiuto. Sono molto orgoglioso e felice di essere coinvolto in questo tipo di missione”.

READ  Xi ha detto a Putin in una telefonata di compleanno che la Cina sosterrà la Russia nella sicurezza