Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La lotta per il potere della MLBPA finirà probabilmente con un voto sulla leadership del presidente del sindacato Tony Clark

La lotta per il potere della MLBPA finirà probabilmente con un voto sulla leadership del presidente del sindacato Tony Clark

Harry Marino e i suoi sostenitori hanno abbastanza voti per rimuovere Tony Clark dalla carica di presidente della Major League Baseball Players Association? La resa dei conti tra Marino e i leader sindacali, Clark e il suo secondo in comando, Bruce Meyer, potrebbe dipendere da questa risposta, secondo le interviste con persone che hanno familiarità con la situazione. Si dice che alcuni rappresentanti dei giocatori dei club stiano già conducendo sondaggi informali all'interno dei loro club sul futuro di Clarke, hanno detto mercoledì sera due persone che hanno familiarità con le votazioni.

Mentre la tempesta di fuoco infuria ancora dietro le quinte due giorni interi dopo che è emersa la notizia di un ammutinamento all'interno della federazione, entrambe le parti stanno conducendo un'intensa campagna, parlando con giocatori e agenti al telefono tutto il giorno, cercando di raccogliere sostegno per le rispettive cause.

Un gruppo di giocatori e agenti che vogliono una nuova direzione al sindacato lunedì sera hanno chiesto a Clarke di rimuovere Mayer: è la terza volta che tale richiesta è stata avanzata di recente, ha detto una persona che ha familiarità con le discussioni. Le loro lamentele riguardano non solo la contrattazione collettiva, ma anche il modo in cui viene gestito il sindacato in generale, spaziando dalle lamentele per la mancanza di comunicazione alla scarsa visione e al bilancio discutibile. Alcuni giocatori stanno cercando di rivedere le spese della federazione.

All'interno della MLBPA, gli sforzi di Marino sono visti come un colpo di stato da parte di un giovane avvocato assetato di potere e di clienti scontenti che lo sostengono. Non c'è alcuna indicazione che Clark rimuoverà Meyer, almeno non sulla base di quanto accaduto finora. Ma l’amministratore delegato di solito controlla anche i processi di assunzione e licenziamento dei dipendenti. Votare normalmente non sarebbe un modo per assumere o licenziare qualcuno al livello di Mayer. Questa è la specialità di Clark.

READ  Kevin O'Connell dei Vikings valuta Josh Dobbs, il percorso da seguire al QB

Alla fine, se Clark non cambia il roster desiderato da alcuni giocatori, potrebbe dipendere dal fatto che quei giocatori abbiano abbastanza voti per rimuovere Clark. Se ciò dovesse accadere, lo stesso Marino, 33 anni, potrebbe subentrare.

Mercoledì sera, Marino ha dichiarato in una dichiarazione che non stava cercando attivamente il lavoro di Clark.

“Per mettere le cose in prospettiva, non ho mai fatto una campagna per la posizione di Tony Clark”, ha detto Marino. “In effetti, ho chiarito a Tony che volevo lavorare con lui due giorni fa.

“Anche se la narrazione di un colpo di stato di palazzo o di un’accesa campagna politica occuperà i titoli dei giornali, la realtà di quello che è successo la scorsa settimana è molto meno drammatica: i principali attori della lega hanno trovato la loro voce e l’hanno usata per rimuovere un capo negoziatore che non volevano. e di chiedere una revisione di come… spendere i soldi dei loro diritti guadagnati con tanta fatica.

“Quando tutto sarà detto e fatto, sia i giocatori della major league che quelli della minor league avranno un sindacato che assomiglia all'MLBPA che in realtà vogliono più di quanto avesse l'MLBPA quando i giocatori mi hanno arruolato per aiutarli nel processo”, ha detto.

Si ritiene che un voto tra i 72 membri del comitato esecutivo sarebbe sufficiente per licenziare un amministratore delegato. Il gruppo è composto da 38 giocatori principali e 34 giocatori minori. Tuttavia, l’elezione di un nuovo presidente potrebbe richiedere un voto a livello di membri; È così che Clark è stato eletto nel 2013. Da allora, il totale dei membri è cresciuto di oltre 5.000 giocatori, seguendo la lega minore MLBPA. Marino ha guidato l'organizzazione dei giovani giocatori e ha costruito forti rapporti all'interno del gruppo.

READ  Rosenthal: La casa di Alonso è stata al centro delle trattative d'affari con i Brewers. I Mets si trasferiranno in bassa stagione?

La palla, però, sembra essere nel campo di Marino. A questo punto non sembra esserci alcuna necessità di una mossa preventiva affinché Clarke e Meyer rimangano nei loro ruoli, tecnicamente, anche se potrebbe essere politicamente difficile per uno o entrambi andare avanti. Ma c’è bisogno di un passo proattivo da parte di Marino e dei suoi sostenitori per ottenere il cambiamento: un voto formale su Clark.

La campagna di Marino si concentra sui giocatori di tutti i giorni, piuttosto che sui grandi giocatori che portano soldi, come i clienti di Scott Boras. Ma cosa cambierà Marino nel sistema economico del baseball non è ancora chiaro. I proprietari della MLB hanno a lungo pubblicizzato il tetto salariale come un modo per ridistribuire gli stipendi ai giocatori, ma i giocatori hanno a lungo rifiutato un tetto, ritenendo che a lungo termine danneggi la loro posizione economica complessiva.

Indipendentemente dal risultato, il caos dentro e intorno alla federazione ha danneggiato la forza complessiva dei giocatori, almeno per il momento. Mancano solo due anni prima che il sindacato, e coloro che lo guidano, negozino il prossimo accordo di contrattazione collettiva con l’efficientissimo dipartimento per le relazioni sindacali della MLB – prima del presunto blocco che inizierà nel dicembre 2026.

(Foto di Clark: Jose Luis Magana/Associated Press)