Luglio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Inondazioni in Libia: le Nazioni Unite affermano che la maggior parte delle vittime avrebbe potuto essere evitata, con altre migliaia di morti temute

Inondazioni in Libia: le Nazioni Unite affermano che la maggior parte delle vittime avrebbe potuto essere evitata, con altre migliaia di morti temute



CNN

Le Nazioni Unite hanno affermato che la maggior parte delle morti è avvenuta nelle inondazioni che hanno devastato la regione Attraverso la Libia Era “evitabile” poiché gli operatori umanitari lottano per fornire aiuti vitali in uno sforzo umanitario soffocato Divisioni politiche E i detriti del disastro.

Più di 5.000 persone sono morte e altre migliaia si temono disperse dopo che le piogge senza precedenti hanno colpito intere città nel paese nordafricano la scorsa settimana.

Le dure condizioni meteorologiche hanno causato la rottura di due dighe nel nord-est del paese, riversando un diluvio d’acqua nella città di Derna, che è stata testimone della peggiore devastazione.

“Se ci fosse stato un servizio meteorologico funzionante normalmente, sarebbero stati emessi gli allarmi e la direzione dell’emergenza avrebbe anche potuto effettuare l’evacuazione delle persone e avremmo evitato la maggior parte delle vittime umane”, Petteri Taalas, segretario generale della Lo ha riferito giovedì l’Organizzazione meteorologica mondiale ai giornalisti in una conferenza stampa a Ginevra.

“Naturalmente non possiamo evitare completamente le perdite economiche, ma avremmo potuto anche minimizzarle fornendo servizi adeguati”, ha aggiunto Talas.

Tlass ha detto che l’Organizzazione Meteorologica Mondiale ha cercato di interagire con i funzionari libici per migliorare questi meccanismi, ma poiché “la situazione della sicurezza nel paese è molto difficile, è difficile andarci”.

I due governi libici hanno annunciato cifre contrastanti sulle vittime delle catastrofiche inondazioni di cui il paese è stato testimone.

Mentre il governo, sostenuto dal parlamento orientale, ha riferito che sono morte almeno 5.300 persone, il governo riconosciuto a livello internazionale di Tripoli ha riferito che sono morte più di 6.000 persone.

READ  Il ciclone tropicale Asani minaccia l'India orientale mentre un'altra brutale ondata di caldo continua in tutto il paese

Continua il confronto politico tra il governo riconosciuto a livello internazionale nella capitale Tripoli, guidato dal primo ministro Abdel Hamid Dabaiba, e l’amministrazione ribelle rivale nella città orientale di Bengasi, guidata da Khalifa Haftar e dal suo esercito nazionale libico sostenuto. Da alcuni paesi.

La CNN non è stata in grado di verificare in modo indipendente il numero di morti o dispersi.