Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La guerra tra Israele e Hamas: l’esercito americano termina la costruzione di un bacino galleggiante per la Striscia di Gaza

La guerra tra Israele e Hamas: l’esercito americano termina la costruzione di un bacino galleggiante per la Striscia di Gaza

WASHINGTON (AP) – L’esercito americano ha terminato giovedì l’installazione di un bacino galleggiante al largo della Striscia di Gaza, mentre i funzionari si preparavano a iniziare a trasportare gli aiuti umanitari estremamente necessari nell’enclave assediata da sette mesi di intensi combattimenti nella guerra tra Israele e Hamas.

La costruzione definitiva prevede una consegna complessa di oltre due mesi dagli Stati Uniti Lo ha ordinato il presidente Joe Biden Aiutare i palestinesi che soffrono la fame, poiché le restrizioni israeliane ai valichi di frontiera e i combattimenti violenti glielo impediscono Cibo e altre forniture di sua produzione A Gaza.

irto Sfide logistiche, meteorologiche e di sicurezzaProgetto pavimentazione: costo previsto $ 320 milioni – Mira ad aumentare la quantità di aiuti che entrano nella Striscia di Gaza, ma non è considerato un sostituto delle consegne di terra a basso costo, che secondo le agenzie di soccorso sono più sostenibili.

Le navi cariche di aiuti verranno depositate in un porto costruito dagli israeliani appena a sud-ovest di Gaza City È distribuito dai gruppi di soccorso.

Funzionari statunitensi hanno affermato giovedì che fino a 500 tonnellate di cibo inizieranno ad arrivare sulla costa di Gaza entro pochi giorni e che gli Stati Uniti si sono coordinati da vicino con Israele su come proteggere le navi e il personale che lavora a terra.

Ma rimangono delle domande su come le organizzazioni umanitarie possano lavorare in sicurezza a Gaza per distribuire cibo a coloro che ne hanno più bisogno, ha affermato Sonali Korde, assistente amministratore dell’Ufficio di assistenza umanitaria dell’USAID, che aiuta con la logistica.

“C’è un ambiente di lavoro molto pericoloso”, ha detto Kordi, e i gruppi umanitari stanno ancora lottando per ottenere il permesso per i loro movimenti pianificati a Gaza. I colloqui con l’esercito israeliano “devono arrivare a un luogo in cui gli operatori umanitari si sentano sicuri, protetti e in grado di lavorare in sicurezza”. “Non credo che siamo ancora arrivati.”

Scontri tra forze israeliane e attivisti palestinesi alla periferia della città meridionale di Gerusalemme Rafa Funzionari delle Nazioni Unite affermano che la ripresa delle operazioni di combattimento da parte di Israele in alcune parti del nord di Gaza ha portato allo sfollamento di circa 700.000 persone. Israele ha recentemente sequestrato il principale valico di frontiera di Rafah nella sua campagna contro Hamas.

READ  "Sono pronto per i negoziati" con Putin, ma se falliscono potrebbe significare "terza guerra mondiale"

Funzionari del Pentagono affermano che i combattimenti non minacciano la nuova area costiera di distribuzione degli aiuti, ma hanno chiarito che le condizioni di sicurezza saranno attentamente monitorate e potrebbero portare alla chiusura, anche temporanea, della rotta marittima.

In una teleconferenza, Sonali Korde, dell’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, ha affermato che è necessario lavorare di più con l’esercito israeliano per mantenere al sicuro gli operatori umanitari a Gaza.

In effetti, il sito è stato preso di mira da colpi di mortaio durante la sua costruzione, e Hamas ha minacciato di prendere di mira qualsiasi forza straniera che “occupa” la Striscia di Gaza.

“Proteggere le forze statunitensi partecipanti è una priorità assoluta. Pertanto, nelle ultime settimane, gli Stati Uniti e Israele hanno sviluppato un piano di sicurezza integrato per proteggere tutto il personale”, ha affermato il vice ammiraglio della Marina Brad Cooper, vice comandante delle forze armate statunitensi. Comando centrale: “Siamo fiduciosi nella capacità di questo accordo di sicurezza di proteggere le persone coinvolte”.

Il Comando Centrale ha affermato che le forze americane hanno stabilizzato il molo giovedì mattina, sottolineando che nessuna delle sue forze è entrata nella Striscia di Gaza né è entrata durante le operazioni sul molo. Ha aggiunto che i camion carichi di aiuti si sposteranno verso la spiaggia nei prossimi giorni e che “le Nazioni Unite riceveranno gli aiuti e ne coordineranno la distribuzione a Gaza”.

I funzionari hanno affermato che il Programma alimentare mondiale sarà l’agenzia delle Nazioni Unite a gestire gli aiuti.

Le forze israeliane saranno responsabili della sicurezza sulla spiaggia, ma ci sono anche due navi da guerra della marina statunitense vicino all’area, la USS Arleigh Burke e la USS Paul Ignatius. Entrambi sono cacciatorpediniere dotati di un’ampia gamma di armi e capacità per proteggere le forze americane all’estero e gli alleati a terra.

READ  White Island: inizia il processo per la tragedia del vulcano in Nuova Zelanda

Anche la nave logistica britannica RFA Cardigan Bay fornirà supporto, ha detto Cooper.

Il portavoce militare israeliano, il tenente colonnello Nadav Shoshani, ha confermato che il molo era stato collegato e che le unità del genio israeliano avevano livellato il terreno intorno all’area e asfaltato le strade per i camion.

Shoshani ha dichiarato: “Abbiamo lavorato per mesi per cooperare pienamente con (l’esercito americano) su questo progetto e per facilitarlo e sostenerlo in ogni modo possibile”. “È una priorità assoluta nella nostra operazione.”

Le Nazioni Unite, gli Stati Uniti e le organizzazioni umanitarie internazionali affermano che Israele ha consentito che solo una frazione del cibo e di altre forniture prebelliche raggiungesse Gaza da quando gli attacchi di Hamas contro Israele hanno dato inizio alla guerra in ottobre. Le agenzie umanitarie affermano che il cibo sta finendo nel sud di Gaza e il carburante sta finendo, mentre l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale e il Programma alimentare mondiale affermano che la carestia ha preso piede nel nord di Gaza.

Israele afferma di non porre restrizioni all’ingresso degli aiuti umanitari e incolpa le Nazioni Unite per i ritardi nella distribuzione delle merci che entrano a Gaza. Le Nazioni Unite affermano che i combattimenti, il fuoco israeliano e le caotiche condizioni di sicurezza hanno ostacolato la consegna degli aiuti. Sotto la pressione degli Stati Uniti, nelle ultime settimane Israele ha aperto due valichi per fornire aiuti alla zona settentrionale di Gaza, duramente colpita, e ha affermato che una serie di attacchi di Hamas al valico principale, Kerem Shalom, avevano interrotto il flusso delle merci.

La prima nave mercantile che trasportava cibo ha lasciato Cipro la settimana scorsa e il carico è stato trasferito sulla nave militare statunitense Roy B. Benavidez al largo delle coste di Gaza.

READ  Proteste in Iran: Studenti trasferiti in istituti psichiatrici

L’installazione del molo galleggiante a diverse miglia (chilometri) dalla costa e del ponte, che ora è collegato alla spiaggia, è stata ritardata di circa due settimane a causa del maltempo che ha reso le condizioni estremamente pericolose.

I comandanti militari hanno affermato che la consegna degli aiuti inizierà lentamente per garantire il funzionamento del sistema. Inizieranno con circa 90 camion carichi di aiuti al giorno via mare, e questo numero salirà rapidamente a circa 150 al giorno. Ma le agenzie umanitarie affermano che ciò non è sufficiente per evitare la carestia a Gaza e dovrebbe essere solo una parte di un più ampio sforzo israeliano per aprire corridoi terrestri.

Scott Ball, direttore associato di Oxfam, ha affermato che poiché i valichi terrestri potrebbero portare tutti gli aiuti necessari se i funzionari israeliani lo consentissero, il porto e la rotta marittima costruiti dagli Stati Uniti “sono una soluzione a un problema che non esiste”. Organizzazione umanitaria.

Secondo la nuova rotta marittima, gli aiuti umanitari verranno sbarcati a Cipro dove saranno sottoposti a ispezione e screening di sicurezza nel porto di Larnaca. Vengono poi caricati sulle navi e trasportati per 200 miglia (320 chilometri) fino a un grande bacino galleggiante costruito dall’esercito americano al largo della costa di Gaza.

Lì, i pallet vengono trasferiti su camion, trasferiti su imbarcazioni militari più piccole e poi trasportati per diverse miglia (chilometri) fino al ponte ormeggiato al largo della spiaggia. Camion in fase di realizzazione Guidato da dipendenti di un altro paeseScenderanno dal ponte fino a un’area sicura a terra dove verranno consegnati gli aiuti, quindi si gireranno immediatamente e torneranno alle barche.

Le squadre di soccorso raccoglieranno generi di prima necessità da distribuire in spiaggia.

___

Gli scrittori dell’Associated Press Jon Gambrell a Dubai, Emirati Arabi Uniti, Julia Frankel a Tel Aviv, Israele, e Tara Cobb a Washington hanno contribuito a questo rapporto.