Maggio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli incendi incombenti stanno costringendo migliaia di canadesi all’evacuazione.  Alcuni potrebbero non tornare a casa fino alla prossima settimana

Gli incendi incombenti stanno costringendo migliaia di canadesi all’evacuazione. Alcuni potrebbero non tornare a casa fino alla prossima settimana



CNN

Enormi incendi stanno ancora bruciando in tutto il Canada, spingendo migliaia di persone a evacuare insieme a bambini, animali domestici e oggetti di valore, molti dei quali incerti su quando potrebbero tornare a casa.

I vigili del fuoco che combattono più di 100 incendi in tutto il paese potrebbero vedere un sollievo temporaneo in alcune aree mentre una forte tempesta di metà settimana attraversa il Canada occidentale e centrale, aumentando le possibilità di pioggia e aria più fresca.

Tuttavia, diversi incendi stanno ancora bruciando a chilometri di distanza dai quartieri. I vigili del fuoco avvertono che lievi cambiamenti nelle condizioni meteorologiche o nella direzione del vento possono rapidamente mettere a rischio le case e le attività commerciali vicine.

Da martedì più di 6.000 persone sono state evacuate da Fort McMurray, Alberta Incendio di 51mila acri Brucia a meno di 5 miglia dal confine della città. Il comune regionale ha affermato che i residenti dovrebbero pianificare di rimanere lontani dalle loro case almeno fino al 21 maggio, e possibilmente più a lungo.

L’incendio vicino a Fort McMurray era ancora attivo mercoledì, ma si prevede che i venti inizieranno a spingere l’incendio lontano dalla città e da un’autostrada principale, ha detto Jose St. Onge, responsabile delle informazioni sugli incendi dell’Alberta. La pioggia dovrebbe iniziare a cadere nella zona mercoledì sera, e fino a domani si prevede pioggia fino a un centimetro.

Gli interventi antincendio 24 ore su 24, tra cui elicotteri marittimi dotati di dispositivi per la visione notturna, hanno contribuito a tenere l’incendio sotto controllo. Anche i vigili del fuoco, alcuni dei quali difendevano le loro comunità, si destreggiavano tra turni stressanti e pericolosi.

“Ai vigili del fuoco che affrontano le fiamme per difendere Fort McMurray e altre aree della provincia, apprezziamo i vostri sforzi eroici più di quanto possiamo dire e preghiamo per il vostro ritorno sano e salvo”, ha detto mercoledì la premier dell’Alberta Danielle Smith.

READ  I sondaggi d'opinione mostrano il nuovo Partito dell'Unità del Primo Ministro lettone in testa al voto

Per molti residenti di Fort McMurray, i cieli fumosi e le ansiose evacuazioni hanno riportato alla mente ricordi dolorosi di un catastrofico incendio del 2016 soprannominato “Il Mostro”, che costrinse 90.000 persone a evacuare e causò danni per miliardi di dollari a case e aziende.

La residente Jocelyn Routhier, al cui quartiere non era ancora stato ordinato di evacuare, osservava dalla veranda sul retro la scena diventare stranamente simile alla scena precedente. disastro. Ha condiviso due bizzarre foto degli incendi scattate a otto anni di distanza.

“Questa è un’esperienza déjà vu che non voglio vivere. Speriamo che non si avveri”, ha detto Routhier in un post sui social media insieme alle foto.

Fiamme e fumo riempiono l'aria mentre un incendio brucia nelle vicinanze di Fort McMurray, Alberta, Canada, il 14 maggio 2024.

Jocelyn Routhier, residente a Fort McMurray, ha fotografato gli incendi del 2016 e del maggio 2024 dallo stesso punto del suo portico.

Ogni giorno scoppiano nuovi incendi in tutto il Canada e diversi incendi fuori controllo minacciano quartieri densamente popolati, costringendo decine di sfollati a cercare alloggio in hotel, rifugi di emergenza, campeggi e veicoli ricreativi.

Mackenzie Spinrath È tra le quasi 5.000 persone a cui è stato ordinato di evacuare l’area di 31.000 acri di Fort Nelson nella Columbia Britannica. Parker Lago Fuoco Brucia a soli 1,5 miglia dalla comunità. Raccontare CBC affiliata alla CNN Si è immerso nel guardare le notizie e nello scorrere i social media “cercando di vedere se la mia città era ancora in piedi”.

Le squadre dei vigili del fuoco a Fort Nelson potrebbero essere assistite da meno di un pollice di pioggia prevista da mercoledì notte a giovedì sera. Si tratta di una cifra ben lontana dalla quantità di pioggia necessaria per compensare le condizioni di siccità e spegnere gli incendi, ha affermato il British Columbia Wildfire Service.

READ  AP riceve la prima nomination all'Oscar per il documentario '20 Days in Mariupol': How to watch

“Ovviamente non è del tutto senza speranza, ma l’incendio è così vicino alla città che è difficile pensare ad altro che al peggio”, ha detto Spinrath.

Il fumo si alza mentre l'incendio brucia a Fort Nelson il 14 maggio.

Le condizioni insolitamente secche rappresentano una sfida anche per i vigili del fuoco che combattono un incendio che ha raggiunto un miglio dalla comunità di Cranberry Portage, nella parte occidentale del Manitoba. Circa 580 persone sono state evacuate e non si conosce una data stimata per il loro rientro.

“Poiché le condizioni sono così secche lì, il fuoco ha bruciato in profondità”, ha detto Earl Simons, direttore del Manitoba Wildfire Service. Lo ha detto alla CBC. “Quindi i vigili del fuoco devono entrare e scavare in profondità nel terreno per spegnerlo. E non stiamo parlando solo di pochi centimetri, stiamo parlando di metri di profondità nel terreno in alcune aree.”

Le condizioni di siccità che portano agli incendi in Canada sono esacerbate dalle condizioni di riscaldamento causate dai cambiamenti climatici indotti dall’uomo.

“Questa zona ha vissuto diversi anni di siccità, con nevicate inferiori al normale lo scorso inverno”, ha affermato Ben Boughian, uno specialista in comportamento degli incendi presso il British Columbia Forest Fire Service. “Di conseguenza, le nostre foreste nell’area di Fort Nelson sono diventate molto ricettive all’accensione di nuovi incendi e ai rapidi tassi di diffusione”.

La riduzione delle nevicate, l’aumento delle temperature e il peggioramento della siccità sono segni distintivi del cambiamento climatico e si prevede che continueranno a provocare incendi sempre più grandi e intensi in tutto il Canada. Secondo Environment Canada.

Melissa Alonso, Sharif Paget, Taylor Galgano e Caitlin Kaiser della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

READ  L’Ucraina mira a tagliare le catene di approvvigionamento russe in inverno e a congelarle