Agosto 14, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il governo del Kosovo ritarda il piano per il nord irrequieto dopo l'aumento delle tensioni

Il governo del Kosovo ritarda il piano per il nord irrequieto dopo l’aumento delle tensioni

Il primo ministro del Kosovo, Albin Kurti, durante una conferenza stampa con il cancelliere tedesco Olaf Schulz a Berlino, Germania, 4 maggio 2022. REUTERS/Hannibal Hanschke

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Mitrovica, Kosovo, 31 luglio (Reuters) – Il governo del Kosovo ha rinviato l’attuazione della decisione che impone ai serbi del nord del Paese di richiedere le targhe dei veicoli rilasciate dalle istituzioni di Pristina a causa delle tensioni tra polizia e comunità che hanno posto blocchi stradali.

Nella tarda giornata di domenica, i manifestanti hanno fermato camion pieni di ghiaia e altri macchinari pesanti sulle strade che portano ai valichi di frontiera di Jarinje e Prncak, in una zona in cui i serbi sono a maggioranza. La polizia del Kosovo ha detto che doveva chiudere i valichi di frontiera.

“La situazione generale della sicurezza nei comuni del Kosovo settentrionale è tesa”, ha affermato in una nota la missione a guida NATO KFOR in Kosovo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

A Mosca, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha accusato la crescente tensione di quelle che ha definito “regole discriminatorie infondate” imposte dalle autorità del Kosovo.

Quattordici anni dopo che il Kosovo ha dichiarato l’indipendenza dalla Serbia, circa 50mila serbi che vivono nel nord usano targhe e documenti rilasciati dalle autorità serbe, rifiutandosi di riconoscere le istituzioni affiliate alla capitale Pristina. Il Kosovo è stato riconosciuto come paese indipendente da più di 100 paesi, ma non dalla Serbia o dalla Russia.

Il governo del primo ministro Albin Kurti ha affermato che concederà ai serbi un periodo di transizione di 60 giorni per ottenere le targhe di immatricolazione del Kosovo, un anno dopo aver abbandonato un tentativo di imporle a causa di proteste simili.

READ  Mariupol corridoi di evacuazione “nelle mani degli occupanti” mentre il sindaco chiede a tutti di andarsene

Il governo ha inoltre deciso che dal 1° agosto tutti i cittadini serbi in visita in Kosovo dovranno ottenere un documento aggiuntivo alla frontiera per ottenere il permesso di entrare.

Le autorità di Belgrado applicano una norma simile ai residenti kosovari in visita in Serbia.

Ma a seguito delle tensioni di domenica sera e delle consultazioni con gli ambasciatori dell’Unione Europea e degli Stati Uniti, il governo ha detto che avrebbe ritardato il suo piano di un mese e che avrebbe iniziato l’attuazione il 1° settembre.

Domenica scorsa, la polizia ha detto che sono stati sparati colpi di arma da fuoco “in direzione delle unità di polizia, ma fortunatamente nessuno è rimasto ferito”.

Ha anche detto che manifestanti arrabbiati hanno picchiato molti albanesi che stavano passando su strade chiuse e che alcune auto sono state attaccate.

Le sirene sono state udite per più di tre ore nella cittadina settentrionale di Mitrovica, abitata principalmente da serbi.

Un anno fa, dopo che i serbi locali hanno bloccato le stesse strade sulle targhe, il governo del Kosovo ha schierato forze di polizia speciali e Belgrado ha lanciato aerei da combattimento vicino al confine.

La tensione tra i due paesi rimane alta e la missione NATO sul terreno, composta da 3.770 uomini, mantiene la fragile pace del Kosovo. Le forze di pace italiane sono state viste domenica a Mitrovica e dintorni.

Nel 2013 i due paesi si sono impegnati in un dialogo sponsorizzato dall’UE per cercare di risolvere le questioni in sospeso, ma sono stati compiuti pochi progressi.

Rapporti di Fatos Beitsy; Montaggio di Philippa Fletcher, Ron Popesky, Daniel Wallis e Sandra Mahler

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.