Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU emette una risoluzione per chiedere il cessate il fuoco a Gaza

Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU emette una risoluzione per chiedere il cessate il fuoco a Gaza

Spiegazione video,

Guarda: Il momento in cui a Gaza è stata emanata la risoluzione delle Nazioni Unite per il cessate il fuoco

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha chiesto un cessate il fuoco immediato a Gaza, dopo che gli Stati Uniti non hanno posto il veto sulla misura in contrasto con la loro posizione precedente.

Ha inoltre chiesto il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi.

Questa è la prima volta che il Consiglio chiede un cessate il fuoco da quando la guerra è iniziata in ottobre, dopo diversi tentativi falliti.

La mossa americana indica una crescente controversia tra esso e il suo alleato Israele riguardo all’attacco israeliano a Gaza.

In un rimprovero insolitamente forte, una dichiarazione dell'ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che gli Stati Uniti hanno “abbandonato” la loro precedente posizione che collegava direttamente il cessate il fuoco al rilascio degli ostaggi.

Ha aggiunto: “Sfortunatamente, gli Stati Uniti non hanno usato il loro potere di veto contro la nuova risoluzione”.

La dichiarazione afferma che ciò ha danneggiato gli sforzi per liberare gli ostaggi dando ad Hamas la speranza di poter usare la pressione internazionale su Israele per raggiungere un cessate il fuoco senza rilasciare i prigionieri.

Ha anche detto che Netanyahu ha deciso di cancellare gli incontri tra una delegazione israeliana e funzionari americani a Washington che avrebbero dovuto svolgersi questa settimana.

Il ministro della Difesa israeliano ha affermato che Israele non fermerà la guerra a Gaza finché gli ostaggi saranno ancora trattenuti lì.

Il delegato palestinese alle Nazioni Unite, Riyad Mansour, ha accolto con favore la decisione, ma ha detto che era tardi.

“Ci sono voluti sei mesi, l’uccisione e la mutilazione di più di 100.000 palestinesi, lo sfollamento di due milioni di persone e la carestia, perché questo consiglio chiedesse finalmente un cessate il fuoco immediato”, ha detto Mansour.

Anche Hamas, il gruppo islamico palestinese che governa Gaza e che ha scatenato la guerra con un attacco senza precedenti contro Israele il 7 ottobre, ha accolto con favore la decisione. Ha detto di essere pronta “ad avviare un immediato processo di scambio di prigionieri che porterà al rilascio dei prigionieri di entrambe le parti”.

Il movimento ha subordinato qualsiasi rilascio di ostaggi al rilascio da parte di Israele dei palestinesi detenuti nelle carceri israeliane.

Nella votazione del Consiglio di Sicurezza di lunedì gli Stati Uniti si sono astenuti, mentre i restanti 14 membri hanno votato a favore della risoluzione.

Gli Stati Uniti avevano precedentemente bloccato le risoluzioni che chiedevano un cessate il fuoco, affermando che tale mossa sarebbe stata sbagliata, mentre tra Israele e Hamas erano in corso delicati negoziati per raggiungere una tregua e liberare gli ostaggi.

Ma giovedì ha presentato per la prima volta la propria proposta di cessate il fuoco, segnando un inasprimento della sua posizione nei confronti di Israele.

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Kirby, ha affermato che la decisione degli Stati Uniti di consentire l’approvazione della risoluzione non significa “un cambiamento nella nostra politica”. Ha detto che gli Stati Uniti hanno sostenuto il cessate il fuoco ma non hanno votato a favore della risoluzione perché il testo non condanna Hamas.

Intervenendo in una conferenza stampa dopo l'approvazione della risoluzione, Kirby ha detto: “Siamo stati molto chiari, siamo stati molto coerenti nel nostro sostegno al cessate il fuoco come parte dell'accordo sugli ostaggi. Questo è il modo in cui è strutturato l'accordo sugli ostaggi”. , questo è il modo in cui è strutturato il affare degli ostaggi.” “. La risoluzione riconosce i colloqui in corso”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato che la risoluzione “deve essere attuata” per garantire un cessate il fuoco e “il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi”.

Commenta la foto,

Gli Stati Uniti hanno spinto Israele a fare di più per fornire aiuti a Gaza, dove dicono che l’intera popolazione soffre di insicurezza alimentare.

Mark Lyall-Grant, che è stato ambasciatore del Regno Unito presso le Nazioni Unite dal 2009 al 2015, ha dichiarato al programma delle 16:00 della BBC che la decisione significava che Israele era ora “obbligato, essenzialmente, a fermare la sua campagna militare durante i prossimi 15 giorni”. .” Il restante periodo del mese sacro del Ramadan è stabilito nel testo del cessate il fuoco.

Ha aggiunto che il testo è giuridicamente vincolante per Israele ma non per Hamas, perché il movimento palestinese non è uno Stato.

Gli Stati Uniti erano stati precedentemente accusati di usare il loro potere di veto per proteggere Israele alle Nazioni Unite.

Tuttavia, è diventato sempre più critico nei confronti di Israele per il crescente bilancio delle vittime a Gaza, dove più di 32.000 persone, la maggior parte delle quali donne e bambini, sono state uccise dai bombardamenti israeliani, secondo il ministero della sanità nell’enclave gestito da Hamas.

Gli Stati Uniti hanno anche esercitato pressioni su Israele affinché faccia di più per fornire aiuti a Gaza, dove affermano che l’intera popolazione soffre di gravi livelli di grave insicurezza alimentare.

Le Nazioni Unite hanno accusato Israele di ostacolare gli aiuti; Israele ha accusato le Nazioni Unite di non aver distribuito gli aiuti.

L’attuale guerra è scoppiata dopo che i militanti di Hamas hanno preso d’assalto il confine e attaccato le comunità israeliane, uccidendo circa 1.200 persone, secondo le statistiche israeliane, e prendendo in ostaggio 253 persone a Gaza.

130 delle persone catturate risultano ancora disperse dopo una serie di operazioni di rilascio, salvataggio e recupero.

Nonostante la decisione di Israele di annullare una visita programmata della sua delegazione a Washington alla fine di questa settimana sulla scia della risoluzione del Consiglio di Sicurezza, Kirby ha detto che gli incontri programmati tra il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant e il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan continueranno come previsto.

“Non vediamo l'ora di chiarire al Segretario della Difesa che gli Stati Uniti continuano a stare al fianco di Israele nella sua lotta contro Hamas”, ha detto lunedì nella conferenza stampa.

READ  La Corea del Nord lancia un missile, il Sud condanna la “pericolosa provocazione”