Dicembre 5, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Elezioni brasiliane: l’ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva vince il voto ma non la vittoria assoluta | Brasile

L’intensa corsa presidenziale in Brasile si svolgerà al secondo turno dopo l’ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva Non è riuscito a garantire la maggioranza assoluta di cui aveva bisogno per evitare un ballottaggio con l’incumbent di estrema destra Jair Bolsonaro.

Con oltre il 99,5% dei voti contati, il veterano di sinistra ha ricevuto il 48,3% dei voti, non abbastanza per evitare l’offerta del 30 ottobre con il suo rivale di destra. Bolsonaro, che ha ampiamente superato le previsioni dei sondaggisti e sarà rafforzato dal risultato, ha ricevuto il 43,3%.

Lula, che è stato presidente dal 2003 al 2010, ha parlato ai media in un hotel nel centro di San Paolo, in tono di sfida, dicendo: “La lotta continua fino alla nostra vittoria finale”.

Lula, che è stata esclusa dalle elezioni del 2018 che hanno visto Bolsonaro eletto, ha giurato con accuse di corruzione che sono state successivamente ribaltate: “Vinceremo queste elezioni – per noi è solo il tempo supplementare”.

Parlando alla vigilia delle elezioni, Lula ha detto che spera di vincere il primo turno, ma raddoppierà i suoi sforzi per riprendere il potere se sarà necessario un secondo turno.

“Sono molto fiducioso che queste elezioni si decideranno domani, ma in caso contrario, dovremo agire come una squadra di calcio quando la partita andrà ai tempi supplementari. Ci riposeremo per 15 minuti e poi torneremo in campo per segnare il gol che non abbiamo segnato in tempo”, ha detto ai giornalisti. l’originale”.

Gliese Hoffman, capo del partito laburista di Lula, ha detto ai giornalisti che la campagna non è stata “triste o delusa” dal risultato, osservando che Lula ha ricevuto più di 56 milioni di voti.

«Congratulazioni, presidente Lula», dichiarò.

Ma il risultato elettorale è stato un duro colpo per i brasiliani progressisti che avevano assistito a un’enfatica vittoria su Bolsonaro, l’ex capo dell’esercito che ha ripetutamente attaccato le istituzioni democratiche del paese e rovinato la reputazione internazionale del Brasile.

Bolsonaro è anche accusato di aver devastato l’ambiente e di aver gestito male in modo catastrofico l’epidemia di Covid che ha ucciso quasi 700.000 brasiliani, minando gli sforzi di vaccinazione e contenimento e promuovendo farmaci da ciarlatano.

Parlando domenica sera, Bolsonaro ha promesso di dedicare più tempo a persuadere i settori più poveri della società che sarebbero stati meglio sotto un governo di estrema destra che di sinistra.

Il leader di estrema destra ha detto: “Capisco che ci siano molti voti (espressi) a causa dello stato del popolo brasiliano, che sente i prezzi alti, soprattutto i prodotti di base. Capisco che molte persone vorrebbero cambiare ma alcuni cambiamenti potrebbero essere in peggio”.

“Abbiamo cercato di mostrare quest’altro lato della campagna, ma non sembrava registrarsi con gli strati più importanti della società”.

Ha affermato ancora una volta che il Brasile dovrebbe evitare di seguire i paesi vicini come Cile e Colombia che hanno recentemente eletto leader di sinistra, ma si è rifiutato categoricamente di rispondere alle domande su possibili frodi elettorali, dopo aver passato mesi a diffamare la sicurezza delle macchine per il voto elettronico.

Bolsonaro ha lasciato intendere che non lascerà l’incarico se sconfitto, sollevando i timori di una ribellione in stile Trump tra i suoi sostenitori se Lula vincerà.

Notevoli bolsonaristi sono stati eletti al Congresso brasiliano e come governatori statali, incluso Bolsonaro L’ex ministro della Salute, Eduardo Pazueloche è diventato un membro del Congresso per Ryo, e il suo L’ex ministro dell’Ambiente Ricardo Salles.

Patzuelo è stato ministro della salute di Bolsonaro durante il culmine dell’epidemia che ha ucciso più di 685.000 persone in Brasile. In qualità di ex generale militare, ha promosso rimedi da ciarlatano come l’idrossiclorochina.

Nel frattempo, Salles è stato il ministro dell’ambiente che ha supervisionato il forte aumento della deforestazione in Amazzonia. Un’indagine della Polizia federale ha accusato il colonnello di estrema destra di rendere difficile l’indagine sui crimini ambientali. Un’indagine separata ha affermato che era collegato alle esportazioni illegali di legname. Ha negato tutte le accuse contro di lui.

Il governatore di Rio, favorevole a Bolsonaro, Claudio Castro, è stato rieletto, mentre uno degli ex ministri più controversi, il predicatore evangelico Damaris Alves, ha preso posto al Senato.

Anche Tarcisio de Freitas, candidato di Bolsonaro alla carica di governatore di San Paolo, ha ottenuto risultati migliori di quanto si aspettassero i sondaggisti e al secondo turno affronterà l’alleato di Lula Fernando Haddad.

“L’estrema destra sarà felice”, ha detto l’esperto politico Christian Lynch.

Thiago Amparo, accademico e editorialista del quotidiano Folha de São Paulo, ha affermato che l’offerta di destra più forte del previsto ha mostrato Bolsonaro e Bolsonarismo “vivi e vegeti”.

“C’era la sensazione tra la sinistra che Lula avesse una possibilità di vincere al primo turno… i risultati mostrano che era un pio desiderio immaginare che le elezioni sarebbero state un modo per punire Bolsonaro per le sue politiche disastrose durante la pandemia. “

“Mi sento stanco”, ha aggiunto Amparo. Ma i risultati mostrano che ora non abbiamo tempo per riposarci. È ora di scendere in piazza…altrimenti avremo di nuovo un futuro molto oscuro”.

“Penso che Bolsonaro abbia lo slancio”, ha detto Thomas Truman, un osservatore politico con sede a Rio de Janeiro, anche se pensa che Lula rimanga il favorito. “E’ una notte molto deludente per la sinistra”.

Lula ei suoi alleati hanno insistito sui successi della destra e la necessità di un secondo round è diventata chiara.

“Penso che questa sia un’opportunità che il popolo brasiliano mi dia”, ha detto Lula prima di andare a una festa con i suoi sostenitori in Avenida Paulista a San Paolo. “La campagna inizia domani”.

Nel centro storico di Rio de Janeiro, una grande folla, per lo più vestita di rosso, ha bevuto birra e ballato samba in attesa dell’apparizione del conteggio finale su uno schermo affacciato sulla piazza.

Ma l’umore esultante è svanito quando i risultati hanno mostrato che Lula è ancora circa il 2% in meno rispetto alla maggioranza di cui ha bisogno per evitare un duello ripetuto con Bolsonaro.

“Sono delusa”, ha detto Karen Gill, una studentessa universitaria di 23 anni. “Perché abbiamo visto che Bolsonaro è più forte di quanto pensassimo”.

Eileen Azevedo, una 34enne operaia dei sistemi di sicurezza, sembrava sconfitta mentre fissava lo schermo imponente che mostrava i risultati.

“Provo disperazione e pura disperazione”, ha detto Azevedo, che era vestito di rosso dalla testa ai piedi e indossava un cappello con il nome di Lula sopra. “Pensavamo tutti che Lula avrebbe vinto facilmente”.

Ma in un bar vicino a un isolato di distanza, Odacio Queiroz Alves, un autista di 65 anni in pensione, stava festeggiando.

“Ci aspettavamo questo”, ha detto. “La gente è con Bolsonaro. Sono sicuro che vincerà”.

READ  La tempesta tropicale Julia appare sull'Oceano Pacifico dopo il Nicaragua, nessun decesso segnalato