Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Biden annuncia una missione militare americana di “emergenza” per costruire un molo al largo della costa di Gaza per fornire aiuti

Biden annuncia una missione militare americana di “emergenza” per costruire un molo al largo della costa di Gaza per fornire aiuti

Un funzionario ha detto che la stazione riceverà “grandi navi che trasportano cibo, acqua e medicine”.

Giovedì sera, durante il suo discorso sullo stato dell’Unione, il presidente Joe Biden ha annunciato una missione militare “di emergenza” per costruire un porto sul Mar Mediterraneo, sulla costa di Gaza, per portare aiuti umanitari.

“Ho ordinato all'esercito americano di condurre una missione di emergenza per stabilire un molo temporaneo nel Mar Mediterraneo, sulla costa di Gaza, che possa ricevere grandi navi che trasportano cibo, acqua, medicine e rifugi temporanei”, ha detto Biden nel suo discorso al Congresso dal Congresso. Campidoglio degli Stati Uniti

“Non ci saranno forze americane sul terreno”, ha detto. “Questo porto temporaneo consentirebbe un massiccio aumento della quantità di aiuti umanitari che arrivano ogni giorno a Gaza. Ma anche Israele deve fare la sua parte”.

Biden ha continuato dicendo: “Israele deve consentire maggiori aiuti a Gaza e garantire che gli operatori umanitari non siano coinvolti nel fuoco incrociato”.

I funzionari dell’amministrazione hanno presentato in anteprima il porto pianificato giovedì scorso e hanno affermato che sarebbe stato in grado di gestire “grandi navi che trasportano cibo, acqua, medicine e rifugi temporanei”, secondo le parole di un assistente senior.

Una caratteristica fondamentale del porto sarà un molo temporaneo che “fornirà la capacità di ospitare centinaia di ulteriori camion di aiuti ogni giorno”, ha detto un alto funzionario della difesa.

Questi sforzi saranno guidati dagli Stati Uniti e dai paesi partner, e la pianificazione e l’attuazione richiederanno “diverse settimane”, ha affermato un alto funzionario della difesa. Il funzionario ha affermato che le forze necessarie per completare la missione sono già nella zona o vi si dirigeranno presto.

READ  La regina Margherita II di Danimarca annuncia in diretta televisiva la sua abdicazione

Un alto funzionario della difesa ha affermato che l’operazione non richiederà la presenza delle forze statunitensi sul terreno. In seguito, un alto funzionario della Casa Bianca ha affermato che l’esercito americano ha “capacità uniche” e “può fare cose straordinarie dall’estero”.

Il funzionario della difesa ha detto che le prime spedizioni di aiuti arriveranno attraverso il porto via Cipro.

Questo funzionario ha detto ai giornalisti che gli Stati Uniti continuano a fare pressione su Israele affinché consenta maggiori aiuti a Gaza via terra, affermando che questa è l'opzione “più efficiente ed economicamente vantaggiosa”.

“Ma abbiamo deciso, e il presidente ha dato istruzioni, di considerare tutte le opzioni in modo da non aspettare gli israeliani e seguire ogni canale possibile per fornire aiuti a Gaza”, ha detto il funzionario.

Il funzionario della difesa ha sottolineato che ottenere un accordo di cessate il fuoco temporaneo è il modo migliore per ottenere aiuti.

L’alto funzionario della Casa Bianca ha affermato: “Non esiste una scadenza fissa e veloce per questi negoziati” quando gli è stato chiesto se raggiungere un accordo prima del Ramadan.

READ  Prima cosa: disaccordo nella cerchia ristretta di Trump sull'annuncio della campagna del 2024 | Notizie dagli Stati Uniti

“Ma ovviamente ci rendiamo conto che gli estremisti potrebbero tentare di sfruttare il mese del Ramadan per fomentare qualcosa che potrebbe essere molto spiacevole in questo mese sacro, e vogliamo assicurarci che ci sia un periodo pacifico in modo che le persone possano pregare e ovviamente lo siamo lavorando su questo attraverso il processo “, ha detto il funzionario della Casa Bianca. Gli israeliani stanno con l'Autorità palestinese, con i giordani e altri.”

Un alto funzionario della difesa ha affermato che gli Stati Uniti hanno fornito più di 180 milioni di dollari in aiuti a Gaza dall’inizio della guerra, il 7 ottobre.

“Ma la realtà è che sappiamo che gli aiuti che affluiscono a Gaza non sono affatto abbastanza rapidi”, ha detto il funzionario della difesa. Ha aggiunto: “Il Presidente chiarirà ancora questa sera che dobbiamo tutti fare di più e che gli Stati Uniti stanno facendo di più, e cerchiamo di utilizzare ogni canale possibile per fornire ulteriori aiuti a Gaza”.

Il funzionario della difesa ha affermato che Israele ha lavorato negli ultimi giorni per stabilire un terzo passaggio terrestre verso Gaza, “che consentirà agli aiuti di fluire direttamente ai residenti nel nord di Gaza che hanno un disperato bisogno di assistenza”. Il funzionario ha aggiunto che gli Stati Uniti prevedono che la prima consegna attraverso questo corridoio avrà luogo la prossima settimana.

Il funzionario del Pentagono ha anche affermato che giovedì mattina gli Stati Uniti hanno effettuato il terzo lancio di aiuti a Gaza. Il funzionario ha aggiunto che le tre gocce includevano 192 pacchetti, per un totale di circa 113.000 pasti.

READ  Corea del Nord: il fallimento del lancio del satellite è stato un "grave fallimento"