Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

“Non ci era permesso piangere”: l'ostaggio israeliano rilasciato descrive l'”inferno” della detenzione a Gaza

“Non ci era permesso piangere”: l'ostaggio israeliano rilasciato descrive l'”inferno” della detenzione a Gaza



CNN

Una donna israeliana tenuta in ostaggio da Hamas a Gaza ha descritto “l'inferno” della sua detenzione, dopo l'uccisione di suo marito e sua figlia, e ha detto alla CNN che i suoi rapitori non permettevano ai suoi bambini sopravvissuti di piangere e cercavano di convincerli che avevano stato “catturato e dimenticato”.

Chin Almog Goldstein, che è stata rapita con i suoi figli sopravvissuti durante gli attacchi di Hamas contro Israele il 7 ottobre, ha detto che sono stati trattenuti in tunnel e in un appartamento a Gaza fino al loro rilascio 51 giorni dopo.

“Ci hanno insultato, preso in giro a volte”, ha detto a Christiane Amanpour della CNN. “Ci hanno detto che avevamo dimenticato che l’unica cosa che contava per Israele erano i combattimenti.

“Non ci era permesso piangere”, ha detto, “volevano che fossimo felici… Se piangevamo, dovevamo sbarazzarcene o nasconderlo”. “È una specie di abuso emotivo perché non ci lasciano piangere.”

Almog Goldstein ha assistito all'uccisione di suo marito, Nadav, e della sua figlia maggiore, Yam, per mano di uomini armati di Hamas, che hanno fatto irruzione nella loro casa vicino al confine con Gaza il 7 ottobre.

“Ho preso una grande bambola di igname, delle dimensioni di un essere umano, e l'ho messa sopra di noi per proteggerci dagli spari”, ha detto ad Amanpour. “Nel giro di pochi secondi, cinque di loro sono entrati nella stanza sicura urlando, e quando mi sono voltato, Nadav è stato colpito al petto da distanza ravvicinata.”

Pochi istanti dopo, sua figlia fu colpita in faccia e Almog Goldstein fu caricata su un'auto di famiglia con i suoi tre figli sopravvissuti e portata oltre il confine. Ha ricordato che due combattenti di Hamas nell'auto si sono fatti dei selfie mentre tornavano a Gaza.

READ  Ho trovato un pozzo nella mia cucina, non me ne libererò

Gli attacchi di Hamas del 7 ottobre hanno ucciso circa 1.200 israeliani, con più di 200 persone riportate a Gaza come ostaggi. Israele ritiene che 99 persone siano ancora detenute a Gaza, insieme ai corpi di 31 ostaggi morti.

Almog Goldstein e i suoi figli sopravvissuti furono rilasciati alla fine di novembre, come parte di uno scambio di prigionieri palestinesi in Israele durante una tregua di quattro giorni durante la guerra.

Ha detto che durante la prigionia, la famiglia viveva con poca acqua e cibo ogni giorno. “Hanno cercato di fornirci cibo. All'inizio era molto, ma poi era meno.

Ha detto che temevano di essere uccisi dai loro sequestratori o nel “bombardamento stupefacente” di Gaza da parte delle forze israeliane.

Ha descritto l'intensa supervisione da parte dei rapitori della famiglia. “I non arabi si sedevano e fissavano e dicevano: cosa stai fissando? A cosa stai pensando? Non c'era spazio personale”.

CNN

Almog Goldstein ha descritto l'”abuso emotivo” che ha subito durante la prigionia.

“Devi capire che hanno preso la nostra identità; “È stato molto difficile per noi.”

“Ci hanno parlato di Gilad Shalit [the captured soldier held by Hamas for five years] “E ho riso”, ha detto. “Ci hanno detto che avevamo dimenticato che l’unica cosa importante per Israele era il combattimento”.

Almog Goldstein ha detto che lei e i suoi figli hanno discusso di religione con i loro rapitori e hanno cercato di mantenere un rapporto amichevole. “A volte li vedevamo piangere, preoccuparsi per le loro mogli e scrivere lettere alle loro mogli.”

Sollecitando il rilascio degli ostaggi rimanenti, Amanpour ha chiesto: “(Stiamo) noi, come società e il mondo, facendo tutto per loro? “Posso attestare che l'inferno è lì.”

READ  Taiwan critica Elon Musk e afferma che "non è in vendita" e non fa parte della Cina

Più di trentamila persone sono morte a Gaza da quando Israele ha lanciato la guerra contro Hamas cinque mesi fa, ma i recenti sforzi per raggiungere un cessate il fuoco che consentisse il rilascio degli ostaggi rimanenti sono falliti.

Due funzionari statunitensi hanno concordato giovedì che… Le prospettive non sono promettenti Israele e Hamas hanno concordato una tregua temporanea con l'inizio del mese di Ramadan all'inizio della prossima settimana. “La speranza sta svanendo”, ha detto un funzionario americano.