Maggio 18, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

“Sono qui oggi non per iniziare una guerra, ma per prevenirla”.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken e l’ambasciatore americano alle Nazioni Unite Linda Thomas Greenfield alle Nazioni Unite a New York il 17 febbraio (Timothy A. Clary/AFP/Getty Images)

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha detto che stava parlando alle Nazioni Unite di Russia e Ucraina “non per iniziare una guerra, ma per prevenirla”.

“Sono qui oggi non per iniziare una guerra, ma per prevenirla. Le informazioni che ho fornito qui sono state convalidate da ciò che abbiamo visto svolgersi davanti ai nostri occhi per mesi. E ricorda che mentre la Russia ha ripetutamente deriso i nostri avvertimenti e ultimatum come melodramma e sciocchezze, hanno costantemente accumulato oltre 150.000 soldati A al confine con l’Ucraina oltre alla possibilità di lanciare un attacco militare su larga scala. Non stiamo solo guardando questo. Alleati e partner vedono la stessa cosa “, ha detto Blinken.

Ha esortato la Russia a utilizzare la diplomazia come soluzione alla crisi.

“E la Russia non solo ci ascolta”, ha detto il funzionario statunitense. “Il coro internazionale si è alzato sempre più forte”. “Se la Russia non invaderà l’Ucraina, saremo sollevati dal fatto che la Russia abbia cambiato rotta e dimostrato che le nostre aspettative erano sbagliate. Questo sarebbe un risultato molto migliore rispetto al percorso che stiamo seguendo attualmente e accetteremo volentieri qualsiasi critica a chiunque sia diretto a noi.”

Blinken ha detto di aver inviato una lettera al ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov suggerendo di incontrarsi la prossima settimana in Europa. Propone inoltre riunioni del Consiglio della NATO, della Russia e dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.

“Questi incontri possono aprire la strada a un vertice dei leader chiave nel contesto della riduzione dell’escalation per raggiungere un’intesa sui nostri problemi di sicurezza comune. In qualità di eminenti diplomatici dei nostri paesi, abbiamo la responsabilità di fare ogni sforzo possibile affinché la diplomazia abbia successo, senza lasciare nulla di intentato”, ha detto. Diplomatic Stone.

READ  Putin dovrebbe riflettere prima di chiedere pagamenti per l'energia in rubli

Ha detto che la Russia probabilmente risponderà con licenziamenti che gli Stati Uniti stanno “alimentando l’isteria”.

“Il governo russo può oggi, senza alcuna qualificazione, evasione o deviazione, dichiarare che la Russia non invaderà l’Ucraina, come è stato chiaramente stabilito, e dichiararlo chiaramente al mondo – e poi dimostrarlo inviando truppe, carri armati, e gli aerei, di nuovo negli hangar, e l’invio di diplomatici al tavolo delle trattative… Nei prossimi giorni, il mondo ricorderà questo impegno… o il suo rifiuto”.