Maggio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Incendio di Børsen: la Danimarca soffre per la distruzione di Notre Dame

Incendio di Børsen: la Danimarca soffre per la distruzione di Notre Dame

  • Scritto da Adrian Murray
  • Copenaghen

Spiegazione video, Guarda: la storica Torre del Drago è stata avvolta dalle fiamme e poi è crollata

Il campanello d'allarme è suonato per la prima volta martedì mattina presto quando è scoppiato un incendio nello storico edificio della Borsa di Copenaghen, Børsen.

In breve tempo, l'inferno distrusse gran parte della struttura vecchia di 400 anni e fece crollare la torre decorata nota per i suoi caratteristici draghi.

Brian Mikkelsen, che dirige la Camera di commercio danese che possiede Borsen, si è impegnato a ricostruirla “qualunque cosa accada”.

Sono stati fatti paragoni con la cattedrale francese di Notre Dame, distrutta da un incendio nel 2019.

I funzionari danesi sperano ora di vedere quali lezioni si possano trarre dal rapido restauro della cattedrale.

Il signor Mikkelsen stava andando in bicicletta nel suo ufficio quando ha sentito parlare per la prima volta dell'incendio e quando è arrivato ha trovato dozzine di vigili del fuoco che stavano affrontando l'incendio. “Stavo andando in bicicletta lì. Poi ho visto il fuoco”, ha detto.

Lui, insieme ai suoi colleghi e agli operatori di emergenza, è corso più volte nell'edificio in fiamme per salvare alcune delle centinaia di opere d'arte secolari conservate all'interno.

“Correvamo dentro e fuori. A volte i vigili del fuoco dicevano che dovevamo uscire perché eravamo proprio accanto al fuoco”, ricorda.

“Non ho pensato, ho semplicemente reagito. Era una sensazione viscerale che dovevamo salvarlo.”

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, Il signor Mikkelsen e il suo collega salvano uno dei dipinti all'interno di Borsen

Si arrampicarono l'uno sulle spalle dell'altro per tirare giù le opere d'arte appese in alto alle pareti. Un centinaio di soldati, addetti alla manutenzione del museo e anche membri del pubblico si sono uniti ai soccorsi.

Fatta eccezione per il busto del re Cristiano IV di Danimarca, che pesava due tonnellate, la maggior parte degli oggetti storici sono stati recuperati.

“Abbiamo quasi tutto”, mi ha detto il signor Mikkelsen. “Quindi questa è una piccola speranza per il disastro.”

Fortunatamente anche la punta metallica decorativa della torre è sopravvissuta e gli è stata consegnata.

“È uno dei giorni peggiori della mia vita”, ha aggiunto. “È davvero un disastro per la storia e la cultura”.

Guarda con orrore

I danesi sono rimasti scioccati e rattristati dalla perdita dell’iconica Torre del Drago dallo skyline della loro città da cartolina.

È una scena in cui molti camminano o vanno regolarmente in bicicletta, e c'è stata un'ondata di sostegno pubblico quando le persone hanno condiviso le foto di Borsen sui social media.

“Potevo vedere le fiamme”, mi ha detto Sheri Christiansen, residente. “Sono scoppiato in lacrime, perché è la nostra eredità. Non sarà mai più la stessa. Ma spero che possano ricostruirla”.

Un altro residente, Mohamed Ibrahim Zaid, ha detto: “È stata una sensazione molto triste perché si tratta di un edificio molto storico”.

Victor Staple Overo, che vive anche lui nelle vicinanze, concorda: “Potevo vederlo dal mio appartamento. È stato devastante guardarlo”.

Børsen, adiacente al Parlamento danese, fu costruito nel 1625 da Cristiano IV, uno dei re più potenti del paese, come centro commerciale per il nord Europa.

Successivamente servì come borsa valori fino alla metà del XX secolo.

Con i suoi mattoni rossi, il tetto in rame verde acqua e la ricca decorazione interna, era uno dei pochi edifici rinascimentali rimasti a Copenaghen.

“Penso che questo faccia parte dell’identità di Copenaghen e della Danimarca”, mi ha detto il deputato Henrik Müller fuori dal parlamento.

“Naturalmente ci sono paragoni con la cattedrale di Notre Dame. È una specie di Notre Dame danese quella che abbiamo visto qui.”

La famosa cattedrale francese riaprirà di nuovo il prossimo dicembre, dopo soli cinque anni e mezzo di lavori di restauro, mentre le immediate vicinanze saranno riqualificate entro il 2028.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, La gente reagisce all'incendio di Borsen martedì

Il sindaco di Copenaghen Sophie Historp Andersen ha dichiarato alla BBC che è stato orribile vedere bruciati 400 anni di storia danese.

“Abbiamo appena perso una parte essenziale dello spirito e della storia della città”, ha detto.

La signora Andersen è tra coloro che si sono riuniti per vedere la ricostruzione di Boursin e hanno parlato con il sindaco di Parigi Anne Hidalgo per conoscere il restauro di Notre Dame.

Una squadra danese visiterà la cattedrale il mese prossimo.

Kent Martinussen, amministratore delegato del Centro danese di architettura, ha affermato che si potrebbero imparare lezioni dalle nuove tecnologie 3D e dall’intelligenza artificiale per aiutare a ricreare materiali antichi.

Mi piace contro simile

Dalla piazza fuori dal Parlamento, ho passato martedì a guardare le fiamme arancioni e le ondate di fumo che inghiottivano la Borsa mentre le squadre dei vigili del fuoco armate di manichette domavano l'incendio.

Tim Ole Simonsen, capo delle operazioni dei servizi di emergenza a Copenaghen, ha dichiarato alla BBC: “Un incidente come questo si vede solo una o due volte nella tua carriera”.

Ha aggiunto: “All'inizio il fuoco era molto intenso e si è diffuso rapidamente”.

Le prime immagini dall'interno mostravano stanze bruciate e impregnate d'acqua, disseminate di legno carbonizzato e cenere nera.

Fonte immagine, Immagini Getty

Le impalcature contorte sono ora instabili e ampie sezioni del muro esterno sono crollate, mentre 40 container pieni di cemento sono stati posizionati attorno alle macerie come supporto.

“Le pareti sono ora molto instabili”, ha detto Simonsen, aggiungendo che gli sbalzi estremi di temperatura, la siccità e il ristagno idrico hanno indebolito la struttura.

Sacche di braci ardenti continuano a bruciare e giovedì potevo ancora vedere il fumo.

“Ci sarà molto lavoro fino a lunedì mattina, poi ci sarà una revisione”, ha detto.

La polizia ha detto che potrebbero volerci mesi per determinare la causa dell'incendio.

Negli ultimi due anni si sono svolti lavori di ristrutturazione, in preparazione alle celebrazioni del 400° anniversario di Børsen che si svolgeranno entro la fine dell'anno.

L'architetto dietro il restauro, Leif Hansen, ha detto al giornale danese Politiken che tutto il lavoro era andato perduto, ma credeva che Børsen dovesse essere ricostruito. “Deve essere così e possiamo farlo”, ha aggiunto.

Grazie al progetto di restauro, molte delle caratteristiche dell'edificio sono ben documentate, il che aiuterà, ha detto Hansen.

Il primo ministro Mette Frederiksen ha visitato il sito venerdì, ha ringraziato i vigili del fuoco e ha espresso il suo sostegno alla ricostruzione. L'architetto Kent Martinussen ha affermato che il progetto potrebbe essere realizzato entro cinque anni.

Il signor Mikkelsen vuole che la ristrutturazione sia fedele all'originale. “Per me, la visione è che lo costruiremo come lo costruì Cristiano IV”, ha detto.

Si prevede che il lavoro costerà più di 1 miliardo di corone (115 milioni di sterline; 143 milioni di dollari). Non è ancora stato stabilito come verrà pagato tale importo e la valutazione dell'assicurazione è ancora in sospeso.

Alcune delle più grandi fondazioni e aziende danesi hanno già promesso donazioni significative e la risposta del pubblico è stata travolgente, ha affermato Mikkelsen.

Ha aggiunto: “Non ho mai sentito così tanto amore da parte dei danesi comuni in vita mia. Ho ricevuto migliaia di e-mail”.

READ  Mentre l’Europa applaude i risultati delle elezioni polacche, i gruppi per i diritti civili si preparano alla lotta: NPR