Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Sondaggio: Il crollo del sostegno russo alla guerra in Ucraina

Sondaggio: Il crollo del sostegno russo alla guerra in Ucraina

Secondo un think tank statunitense, il Cremlino è preoccupato per l’impatto politico del malcontento nei confronti della guerra nel periodo precedente alle elezioni presidenziali del 2024.

annuncio

Un recente sondaggio ha mostrato che il sostegno alla guerra dell’Ucraina in Russia ha raggiunto i livelli più bassi.

Il numero di russi che sostengono pienamente l’invasione si è quasi dimezzato dal febbraio 2023, ha rilevato il sondaggista indipendente Chronicle.

Il loro sondaggio ha rivelato che coloro che sono a favore della pace superano di gran lunga quelli a favore della guerra, con un numero maggiore di russi che sostengono la partenza delle forze del paese dall’Ucraina.

Discutendo i risultati, l’Istituto per lo studio della guerra (ISW) ha affermato venerdì che il Cremlino era “probabilmente preoccupato” per l’impatto che il cambiamento dell’atteggiamento nei confronti della guerra avrebbe avuto sulle elezioni presidenziali russe del 2024.

Il think tank con sede negli Stati Uniti ha affermato che Vladimir Putin concentrerà la sua campagna di rielezione sulla “presunta stabilità interna della Russia e sulle crescenti critiche all’Occidente piuttosto che sulla guerra”.

Condurre sondaggi d’opinione in paesi autoritari, come la Russia, è estremamente difficile. Il Cremlino ha criminalizzato la critica alla guerra e ha speso milioni in propaganda a favore della guerra, il che significa che potrebbe non riflettere la realtà della situazione.

Tuttavia, Chronicles, fondato dal politico dell’opposizione russa Alexei Minyaylo, afferma che i suoi sondaggi forniscono un’istantanea accurata dell’opinione pubblica.

Il gruppo di ricerca con sede a Mosca ha posto una serie di domande a 1.199 adulti in tutta la Russia in un sondaggio telefonico svoltosi tra il 17 e il 22 ottobre.

READ  La Russia sta avanzando nell'Ucraina orientale. Bakhmut 'distrutto'

È emerso che il numero dei principali sostenitori della guerra – coloro che esprimono un’approvazione “continua” della guerra e vogliono che l’invasione continui fino al raggiungimento dei suoi obiettivi – è sceso dal 22% di febbraio 2023 al 12% di ottobre.

Un sondaggio di Chronicles ha rivelato che il 40% dei russi sostiene il ritiro delle forze dall’Ucraina senza raggiungere gli obiettivi della guerra. Questo numero è rimasto costante per tutto il 2023.

Il 33% si è opposto all’uscita dall’Ucraina e voleva che la guerra continuasse, anche se questo numero è sceso costantemente dal 47% di febbraio al 39% di luglio.

Una delle ragioni per cui il sostegno alla guerra sta diminuendo potrebbe essere che i russi stanno diventando sempre più popolari Sentirsi sconvolto e vedere un futuro più cupo A causa delle conseguenze dell’invasione, come ha dimostrato un sondaggio separato.

Un sondaggio del Chronicle ha fatto eco a questo, rilevando che il 44% degli intervistati ha visto un calo del reddito familiare.

Putin ha annunciato questa settimana un aumento significativo della spesa militare, con circa il 30% del bilancio del paese destinato alle forze armate nel 2024.

L’indagine ha anche mostrato come la situazione stia influenzando la vita delle persone.

Più della metà della popolazione russa (52%) ha recentemente affrontato ansia o depressione, rispetto a circa un terzo (32%) nel marzo 2022.

Le persone con un reddito basso avevano maggiori probabilità di riportare effetti mentali negativi.