Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’amministrazione Biden annuncia una norma per ridurre milioni di tonnellate di emissioni di metano

L’amministrazione Biden annuncia una norma per ridurre milioni di tonnellate di emissioni di metano

Sabato, al vertice delle Nazioni Unite sul clima, la vicepresidente Kamala Harris ha promesso che gli Stati Uniti spenderanno miliardi in più per aiutare i paesi in via di sviluppo a combattere e ad adattarsi ai cambiamenti climatici, dicendo ai leader mondiali che “dobbiamo fare di più” per limitare l’aumento delle temperature globali.

I suoi commenti hanno fatto seguito all’annuncio dei funzionari statunitensi al vertice dello stesso giorno che il governo federale avrebbe, per la prima volta, richiesto ai produttori di petrolio e gas di rilevare e riparare le perdite di metano.

Si trattava del passo più ambizioso per ridurre le emissioni di combustibili fossili che l’amministrazione del presidente Biden avrebbe dovuto presentare al vertice, noto come COP28. Il metano è un potente gas serra rilasciato nell’atmosfera da oleodotti, siti di trivellazione e impianti di stoccaggio, che accelera pericolosamente il tasso di riscaldamento globale.

La signora Harris non ha menzionato questa nuova regolamentazione nel suo intervento, durato meno di cinque minuti e che ha preceduto quello che doveva essere un pomeriggio di discussioni con i leader del Medio Oriente incentrato sulla guerra tra Israele e Hamas.

Ma la vicepresidente, che si è aggiunta tardi al summit dopo che Biden ha deciso di saltarlo, ha sottolineato che secondo lei si tratta di quasi 1 trilione di dollari di nuova spesa approvata sotto l’amministrazione Biden per l’energia pulita e gli sforzi sul clima. Ha spinto i leader mondiali ad andare oltre.

“Dobbiamo avere l’ambizione di affrontare questo momento, accelerare i nostri investimenti e guidare con coraggio e fede”, ha affermato.

Sebbene molti attivisti presenti al vertice abbiano accolto con favore l’annuncio del metano, hanno criticato l’amministrazione Biden per non aver fatto di più per porre fine alla combustione di combustibili fossili come carbone, petrolio e gas. Gli Stati Uniti hanno assistito ad un aumento della produzione petrolifera interna nell’ultimo anno e Biden ha approvato alcuni nuovi contratti di trivellazione che hanno attirato critiche da parte dei gruppi ambientalisti.

“Per mantenere il riscaldamento globale entro i limiti concordati a livello internazionale, abbiamo bisogno di un’eliminazione graduale equa, rapida e finanziata dei combustibili fossili”, ha dichiarato Lorne Stockman, direttore della ricerca presso il gruppo ambientalista Oil Change International, in una dichiarazione dopo l’annuncio. “Finora, nessuna delle misure relative al metano annunciate dagli Stati Uniti, il più grande produttore mondiale di petrolio e gas, ha soddisfatto gli standard richiesti”.

READ  Il vertice del G7 in Giappone attende l'arrivo di Zelensky mentre anche i leader si concentrano sui rischi cinesi

Alcuni gruppi presenti al vertice hanno anche sottolineato la fragilità della promessa della Harris secondo cui gli Stati Uniti avrebbero inviato 3 miliardi di dollari al Fondo verde per il clima, a beneficio dei paesi poveri. In passato, i repubblicani hanno bloccato i fondi statunitensi per il lavoro sul cambiamento climatico all’estero, e l’amministrazione Biden ha invece attinto a fondi discrezionali all’interno del Dipartimento di Stato.

Biden non è riuscito a convincere il Congresso a mantenere i precedenti impegni in materia di aiuti climatici. I funzionari della Casa Bianca non hanno detto sabato quando o come il presidente chiederà al Congresso di finanziare questa nuova richiesta, in un momento in cui i legislatori sono vincolati dai limiti di spesa che Biden ha negoziato con i repubblicani durante una battaglia sul limite di indebitamento del paese quest’anno.

Un annuncio ufficiale del Dipartimento del Tesoro del nuovo impegno, che ha fatto seguito alle osservazioni della signora Harris, ha osservato che l’importo di 3 miliardi di dollari era “soggetto alla disponibilità di fondi”.

La regola del metano, annunciata per la prima volta alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) da Michael S. Regan, l’amministratore dell’EPA, ha affermato con maggiore certezza: si tratta di una misura amministrativa che non richiede l’approvazione del Congresso e che entrerà in vigore l’anno prossimo. .

Il metano non è un argomento tanto discusso quanto l’anidride carbonica derivante dalla combustione di combustibili fossili, ma questa settimana è diventata una rara area di progresso nei colloqui globali.

È il secondo gas serra più abbondante dopo l’anidride carbonica. Il metano non rimane nell’atmosfera fino a circa un decennio dopo il suo rilascio, ma è circa 80 volte più potente nel breve termine nell’intrappolare il calore rispetto all’anidride carbonica, che rimane nell’aria per secoli.

Gli scienziati affermano che il metano è responsabile di oltre un quarto dell’aumento della temperatura globale dall’era preindustriale. Secondo loro, tagliare il metano è necessario per raggiungere l’obiettivo globale di limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi Celsius, l’obiettivo fissato nell’accordo di Parigi per evitare gli effetti peggiori del riscaldamento globale, e agire ora potrebbe aiutare a far guadagnare tempo al pianeta mentre i paesi sono alle prese. questo problema. Il problema più controverso è la riduzione delle emissioni di anidride carbonica.

READ  L'incontro con i fantasmi del principe Harry con Charles è durato 15 minuti: Report

I funzionari hanno affermato che il nuovo regolamento eviterebbe 58 milioni di tonnellate di emissioni di metano entro il 2038. Ciò equivale a quasi tutta l’anidride carbonica emessa dalle centrali elettriche a carbone statunitensi in un anno. Reagan la descrisse come una delle politiche più importanti che gli Stati Uniti attueranno per rallentare il ritmo del cambiamento climatico nei prossimi quindici anni.

“Mi sono trovato faccia a faccia con generazioni di familiari che sono stati colpiti da questo inquinamento per molto tempo”, ha detto Reagan in una conferenza stampa a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, dove si è tenuto il vertice. “Questa è una notizia storica per il nostro clima”.

Fred Krupp, presidente dell’Environmental Defense Fund, un gruppo di difesa, ha definito questa politica “la regola sul clima di maggior impatto che gli Stati Uniti abbiano mai adottato in termini di gestione delle temperature che altrimenti avremmo sperimentato”.

Ma i repubblicani al Congresso hanno affermato che il regolamento danneggerebbe l’industria del gas e aumenterebbe i prezzi dell’energia per gli americani in patria.

“L’impegno federale per promuovere un’agenda climatica sbagliata è diventato un punto fermo dell’amministrazione Biden”, ha affermato in una dichiarazione la senatrice Shelley Moore Capito, R-West Virginia. Ha definito la norma finale “solo un altro esempio di queste norme dannose”.

Per molti anni, l’industria dei combustibili fossili è stata divisa sulla regolamentazione del metano. Alcune grandi aziende globali, tra cui BP, hanno espresso sostegno al piano, mentre la US Independent Petroleum Producers, che rappresenta piccole compagnie petrolifere indipendenti, ha affermato che la norma potrebbe chiudere 300.000 dei 750.000 pozzi a bassa produzione del paese. per la produzione di energia nel nostro Paese”.

Gli attivisti per il clima hanno affermato di sperare che la nuova normativa statunitense possa aprire la strada a ulteriori progressi globali nella riduzione del metano. Ma in questo momento, le emissioni stanno andando nella direzione sbagliata. Secondo un rapporto dell’istituto, le emissioni di metano sono aumentate lo scorso anno Organizzazione meteorologica mondiale.

Sabato alla conferenza sono stati presi anche altri impegni per ridurre le emissioni di combustibili fossili. Un’alleanza di 50 compagnie petrolifere e del gas, tra cui ExxonMobil; Aramco Arabia Saudita; ADNOC, la compagnia petrolifera statale degli Emirati Arabi Uniti; ConocoPhillips e BP si sono impegnate a ridurre le emissioni di metano dell’80-90% entro la fine di questo decennio.

READ  Molteplici esplosioni nella capitale ucraina Kiev mentre i droni vengono abbattuti Ucraina

L’alleanza, denominata Global Decarbonization Accelerator, è stato il principale annuncio degli Emirati Arabi Uniti alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28). È stato denunciato da 300 gruppi ambientalisti, che hanno affermato che non è stato fatto abbastanza per ridurre i combustibili fossili.

Queste aziende rappresentano oltre il 40% della produzione mondiale di petrolio. L’impegno è volontario, ma Bloomberg Philanthropies ha anche annunciato un nuovo programma da 40 milioni di dollari per aumentare la trasparenza nel modo in cui le aziende misurano e segnalano le fughe di notizie.

John Kerry, inviato speciale degli Stati Uniti per il cambiamento climatico, ha affermato che ridurre le perdite di metano è il “modo più facile, veloce, economico e semplice” per ridurre le emissioni, perché le soluzioni implicano essenzialmente il tappo delle perdite. “Si tratta principalmente di impianti idraulici”, ha detto.

Cinque paesi sabato si sono uniti a una coalizione globale di paesi, avviata dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea nel 2021, pronti a ridurre il metano globale del 30% entro il 2030. Si tratta di: Angola, Kazakistan, Kenya, Romania e Turkmenistan.

Kerry ha anche affermato che gli Stati Uniti, l’Unione Europea e i gruppi filantropici hanno raccolto più di 1 miliardo di dollari in sovvenzioni per contribuire a ridurre le emissioni di metano. Ha detto che il denaro andrà, in particolare, ai paesi a basso e medio reddito.

Una coalizione separata di paesi, banche di sviluppo e gruppi no-profit ha annunciato una nuova iniziativa per aiutare i paesi in via di sviluppo a eliminare gradualmente il carbone. La partnership, nota come Coal Transition Accelerator, mirerà a fornire finanziamenti a prezzi accessibili ai paesi poveri che cercano di costruire energia rinnovabile e riutilizzare le infrastrutture del carbone per sostenere progetti di energia pulita.

“La comunità internazionale ha la responsabilità di sostenere le economie emergenti nella loro strategia di eliminazione graduale del carbone”, ha affermato Emmanuel Macron, presidente francese, in un incontro sugli sforzi con i leader di Vietnam, Malesia e Indonesia. “Dobbiamo cambiare le regole del gioco se vogliamo accelerare”.

David Gillis Contributo ai rapporti.