Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Segnalazioni di missili lanciati contro l’ambasciata americana nella Zona Verde della capitale irachena  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Segnalazioni di missili lanciati contro l’ambasciata americana nella Zona Verde della capitale irachena Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Le forze e le installazioni americane sono soggette ad attacchi regolari a causa del sostegno di Washington al bombardamento israeliano di Gaza.

Voci non confermate dicono che sarebbero stati lanciati missili contro l’ambasciata americana a Baghdad.

Venerdì mattina presto si sono udite esplosioni attorno alla Zona Verde, pesantemente fortificata, della capitale irachena, che comprende l’istituzione. Le forze e le installazioni statunitensi in tutta la regione sono state attaccate mentre Washington continua a sostenere il bombardamento israeliano di Gaza.

Agenzie di stampa, citando anonimi funzionari militari americani e iracheni, hanno riferito che i missili sono caduti all’alba alla periferia dell’area che comprende edifici governativi e diplomatici.

Sono state attivate le sirene, invitando le persone a “chinarsi e mettersi al riparo”. Secondo i video sui social media verificati dall’unità di verifica di Al Jazeera, Sanad, sono stati visti missili atterrare vicino all’ambasciata americana.

In un video, si sono sentite le sirene nel mezzo di una serie di esplosioni vicino all’edificio. Un’altra foto mostra un’area della zona diplomatica di Baghdad mentre in sottofondo si sentono i rumori delle esplosioni.

L’ambasciata americana a Baghdad non ha ancora commentato queste notizie. Non è stato immediatamente chiaro se i sistemi di difesa aerea dell’ambasciata fossero stati attivati ​​o se ci fossero state delle vittime.

I gruppi iracheni che sostengono i palestinesi hanno promesso vendetta contro Israele e il suo stretto alleato, gli Stati Uniti, per la guerra mortale a Gaza.

Secondo il Pentagono, dallo scoppio della guerra di Gaza il 7 ottobre, le forze statunitensi dispiegate in Iraq e Siria sono state attaccate almeno 66 volte, ferendo più di 60 membri del personale. Tuttavia, finora, le missioni diplomatiche non sono state salvate.

READ  I sondaggi mostrano che il blocco di destra otterrà la maggioranza alle elezioni spagnole

Gli Stati Uniti hanno occasionalmente risposto a questi attacchi e hanno accusato l’Iran di “facilitare” attacchi missilistici e droni da parte di gruppi per procura sostenuti dall’Iran contro le sue forze.

A novembre, il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ha sottolineato in una dichiarazione che Washington “non cerca il conflitto e non ha alcuna intenzione o desiderio di impegnarsi in ulteriori ostilità”, ma ha aggiunto che “questi attacchi sostenuti dall’Iran contro le forze statunitensi sono inaccettabili”. dovrebbe essere così.” Fermare”.

Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian ha affermato che Teheran “non dà ordini ai gruppi di resistenza nella regione e non impedisce loro di prendere decisioni nei loro paesi in base ai propri interessi”.

Nessun gruppo ha ancora rivendicato la responsabilità dell’attacco contro l’ambasciata americana avvenuto venerdì