Agosto 14, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Cina arrabbiata ha lanciato missili vicino a Taiwan durante le esercitazioni dopo la visita di Pelosi

La Cina arrabbiata ha lanciato missili vicino a Taiwan durante le esercitazioni dopo la visita di Pelosi

  • La Cina tiene esercitazioni militari dopo la visita ufficiale degli Stati Uniti a Taiwan
  • La Cina è arrabbiata con gli Stati Uniti e Taiwan e definisce gli esercizi una cosa interna
  • Taiwan afferma che 22 aerei da combattimento cinesi sono in linea con i media
  • Il Giappone afferma che cinque missili sono atterrati nella sua zona economica
  • Gli esercizi dovrebbero continuare in tutta Taiwan fino a domenica

TAIPEI (Reuters) – La Cina ha dispiegato dozzine di aerei e missili vicino a Taiwan giovedì nella sua più grande esercitazione mai realizzata nello Stretto di Taiwan, un giorno dopo che la presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha compiuto un viaggio di solidarietà. isola controllata.

L’esercito cinese ha confermato il lancio di diversi missili convenzionali nelle acque al largo di Taiwan nell’ambito delle esercitazioni pianificate in sei regioni che proseguiranno fino a mezzogiorno di domenica. L’emittente statale CCTV ha affermato di aver attivato più di 100 aerei, tra cui jet da combattimento, bombardieri e più di 10 navi da guerra.

Il ministero della Difesa di Taiwan ha dichiarato di aver fatto decollare aerei per avvertire 22 aerei da combattimento cinesi che hanno attraversato la linea mediana dello Stretto di Taiwan nella sua zona di difesa aerea, mentre il Giappone ha protestato contro il fatto che cinque missili sembravano essersi schiantati nella sua zona economica. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Un portavoce del ministero della Difesa cinese ha dichiarato: “La complicità e la provocazione USA-Taiwanese non faranno che spingere Taiwan verso l’abisso del disastro e porteranno disastri al popolo di Taiwan”.

Mappa che mostra le sei località in cui la Cina condurrà esercitazioni militari.

In risposta alle esercitazioni cinesi, il presidente Tsai Ing-wen ha affermato che Taiwan non susciterà conflitti ma difenderà fermamente la propria sovranità e sicurezza nazionale.

READ  Ultime notizie sulla Russia e la guerra in Ucraina

“Taiwan non cadrà mai a causa delle sfide”, ha detto Tsai in un videomessaggio registrato al popolo di Taiwan.

“Siamo calmi e non impulsivi, siamo razionali e non provocatori, ma saremo anche assertivi e non evasivi”.

Taiwan ha affermato che 11 missili balistici cinesi Dongfeng sono stati lanciati nelle acque vicine, la prima volta dal 1996. Leggi di più

Funzionari di Taiwan hanno affermato che le esercitazioni violano le regole delle Nazioni Unite, invadono lo spazio e minacciano la libertà di navigazione aerea e marittima. È autonomo dal 1949, quando i comunisti di Mao Zedong presero il potere a Pechino dopo aver sconfitto i nazionalisti del Kuomintang di Chiang Kai-shek in una guerra civile, spingendo il governo guidato dal KMT a ritirarsi sull’isola.

L’attività militare ha seguito la visita a sorpresa di Pelosi per sostenere Taiwan a dispetto degli avvertimenti dalla Cina.

Una fonte taiwanese che ha familiarità con la questione ha detto a Reuters che prima dell’inizio ufficiale delle esercitazioni, giovedì mattina le navi della marina cinese e gli aerei militari hanno attraversato brevemente la linea mediana dello Stretto di Taiwan diverse volte. Leggi di più

A mezzogiorno, le navi da guerra di entrambe le parti sono rimaste nelle immediate vicinanze mentre Taiwan si è anche arrampicata con jet e ha schierato sistemi missilistici per tracciare gli aerei cinesi che attraversavano la linea.

“Hanno volato e poi se ne sono andati ancora e ancora. Continuano a molestarci”, ha detto la fonte taiwanese.

La Cina, che da tempo afferma di riservarsi il diritto di controllare Taiwan con la forza, afferma che le sue divergenze con l’isola sono una questione interna. Leggi di più

A Taiwan, la vita è stata in gran parte normale nonostante i timori che Pechino potesse lanciare un missile sull’isola principale come ha fatto la Corea del Nord sull’isola settentrionale giapponese di Hokkaido nel 2017.

“Quando la Cina dice di voler annettere Taiwan con la forza, lo ha già detto molto tempo fa”, ha detto Chen Mingcheng, un agente immobiliare di 38 anni. “Dal mio punto di vista personale, stanno cercando di deviare la rabbia del pubblico, e la rabbia della loro stessa gente, e dirottarla verso Taiwan”.

Taiwan ha affermato che i siti web del ministero della Difesa, del ministero degli Esteri e dell’ufficio presidenziale sono stati attaccati da hacker e ha avvertito di un’imminente “guerra psicologica”.

compagno Pelosi

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha definito la visita di Pelosi a Taiwan un “atto folle, irresponsabile e altamente irrazionale”, ha riferito l’emittente statale CCTV.

Wang, che stava parlando a una riunione dei ministri degli Esteri del sud-est asiatico in Cambogia, ha affermato che la Cina ha cercato di evitare la crisi con mezzi diplomatici ma non avrebbe lasciato che i suoi interessi fondamentali venissero lesi.

Insolitamente, le esercitazioni in sei regioni intorno a Taiwan sono state annunciate da una mappa GPS distribuita dall’agenzia di stampa Xinhua – un fattore che, per alcuni analisti, è più chiaro che giocare davanti a un pubblico nazionale ed estero. Leggi di più

A Pechino, le misure di sicurezza vicino all’ambasciata americana erano insolitamente rigide, sebbene non vi fossero segni di grandi proteste.

“Penso che questa visita di Pelosi sia una buona cosa”, ha detto un uomo di nome Zhao a Pechino. “Ci dà l’opportunità di accerchiare Taiwan e poi cogliere questa opportunità per impadronirsi di Taiwan con la forza. Penso che dovremmo ringraziare il compagno Pelosi”.

READ  In una cerimonia in cui si è tenuto un nuovo traghetto, Putin ha fornito i dettagli di una telefonata con il leader della Bielorussia e ha menzionato uno sbocco sul Mar Baltico

Pelosi, il visitatore statunitense di più alto rango a Taiwan in 25 anni, ha elogiato la sua democrazia e ha promesso la solidarietà americana durante la sua breve sosta. Ha detto che la rabbia della Cina non può impedire ai leader mondiali di viaggiare lì.

“La nostra delegazione è venuta a Taiwan per chiarire inequivocabilmente che non abbandoneremo Taiwan”, ha detto Pelosi al presidente di Taiwan Tsai Ing-wen, che Pechino sospetta di spingere per l’indipendenza formale, una linea rossa per la Cina. Leggi di più

La Cina ha convocato l’ambasciatore degli Stati Uniti a Pechino per protesta e ha fermato molte importazioni agricole da Taiwan.

Gli Stati Uniti ei ministri degli Esteri del Gruppo dei Sette nazioni hanno avvertito la Cina di non usare la visita di Pelosi come pretesto per un’azione militare contro Taiwan.

Gli Stati Uniti non intrattengono relazioni diplomatiche formali con Taiwan ma sono obbligati secondo la legge statunitense a fornirgli i mezzi per difendersi. Taiwan rifiuta le pretese di sovranità della Cina, dicendo che solo gli isolani possono decidere il loro futuro.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Yimo Lee e Sarah Wu. Rapporti aggiuntivi di Tony Munro, Ryan Wu e Martin Quinn Pollard a Pechino e Fabian Hamacher a Taipei; Scritto da Raju Gopalakrishnan e William MacLean; Montaggio di Simon Cameron Moore, Angus McSwan e Bernadette Baum

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.