Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’ambasciata americana a Baghdad è stata colpita da sette colpi di mortaio mentre gli attacchi si intensificavano

L’ambasciata americana a Baghdad è stata colpita da sette colpi di mortaio mentre gli attacchi si intensificavano

8 dicembre (Reuters) – Circa sette colpi di mortaio sono caduti sul complesso dell’ambasciata americana a Baghdad durante un attacco venerdì mattina presto, in quello che sembra essere il più grande attacco di questo tipo negli ultimi tempi, ha detto a Reuters un funzionario militare americano.

Anche le forze statunitensi in Iraq e Siria sono state prese di mira da missili e droni almeno altre cinque volte venerdì; Un altro funzionario della difesa statunitense ha detto tre volte in basi separate in Siria e due volte nella base aerea di Ain al-Asad a ovest di Baghdad.

Gli attacchi sono stati i più registrati contro le forze statunitensi nella regione in un solo giorno da metà ottobre, quando le milizie alleate dell’Iran hanno iniziato a prendere di mira le risorse americane in Iraq e Siria a causa del sostegno di Washington a Israele nella sua guerra contro Hamas a Gaza.

Il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin, in una telefonata con il primo ministro iracheno Muhammad Shia al-Sudani, ha condannato gli attacchi e ha individuato i gruppi armati alleati con l’Iran, Kataib Hezbollah e Harakat Hezbollah al-Nujaba, che hanno recentemente preso di mira individui americani .

“Gli Stati Uniti si riservano il diritto di rispondere con decisione contro questi gruppi”, ha detto Austin ad Al-Sudani, secondo una dichiarazione del Pentagono che riassume l’appello.

L’attacco all’ambasciata è stato il primo attacco contro l’ambasciata in più di un anno, ampliando apparentemente la gamma di obiettivi. Decine di basi militari che ospitavano le forze americane sono state attaccate, facendo temere l’espansione del conflitto regionale.

Nessun gruppo ha rivendicato la responsabilità, ma precedenti attacchi contro le forze statunitensi sono stati effettuati da milizie alleate con l’Iran che operavano sotto la bandiera della Resistenza Islamica in Iraq.

READ  Una lettura dell'incontro del Consigliere per la Sicurezza Nazionale Jake Sullivan con un membro dell'Ufficio Politico del Partito Comunista Cinese, il Direttore dell'Ufficio della Commissione per gli Affari Esteri e il Ministro degli Esteri Wang Yi

L’ufficiale militare americano, che ha parlato a condizione di anonimato, ha lasciato la porta aperta alla possibilità che altri proiettili siano stati sparati contro il complesso dell’ambasciata, ma questi non sono caduti all’interno.

Funzionari statunitensi hanno affermato che gli attacchi di venerdì non hanno causato vittime e che l’attacco all’ambasciata ha causato danni molto lievi.

Reuters è stata la prima a riferire il numero di colpi di mortaio che hanno colpito il complesso dell’ambasciata.

Si sono udite esplosioni vicino all’ambasciata nel centro di Baghdad intorno alle 4 del mattino (01:00 GMT) di venerdì. Sono state attivate le sirene che invitavano le persone a mettersi al riparo.

I media ufficiali hanno affermato che l’attacco ha danneggiato il quartier generale dell’apparato di sicurezza iracheno.

Sheikh Ali Damoush, un alto funzionario del gruppo libanese Hezbollah, ha detto nel suo sermone del venerdì che gli attacchi lanciati dai gruppi alleati dell’Iran in tutto il Medio Oriente mirano a esercitare pressioni per fermare l’attacco israeliano alla Striscia di Gaza. Non ha fatto specifico riferimento all’attacco di venerdì.

Il funzionario della difesa ha affermato che le forze statunitensi in Iraq e Siria sono state attaccate almeno 84 volte dal 17 ottobre.

Gli Stati Uniti hanno risposto con una serie di attacchi che hanno ucciso almeno 15 militanti in Iraq e fino a sette in Siria.

Il Ministero degli Affari Esteri ha invitato le forze di sicurezza irachene a indagare e arrestare immediatamente gli autori del reato.

“Le numerose milizie allineate con l’Iran che operano liberamente in Iraq minacciano la sicurezza e la stabilità dell’Iraq, del nostro personale e dei nostri partner nella regione”, ha detto in una nota il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller.

READ  L'Ucraina pianifica una risposta mentre la battaglia si trasforma in Avdiivka "post-apocalittica".

Miller ha aggiunto: “Il governo iracheno si è ripetutamente impegnato a proteggere le missioni diplomatiche e il personale militare americano presente nel paese su invito dell’Iraq. Questo non è negoziabile, come il nostro diritto all’autodifesa”.

“atti di terrorismo”

Gli attacchi rappresentano una sfida per il sudanese, che si è impegnato a proteggere le missioni straniere e a trarre vantaggio dalla fragile stabilità per concentrarsi sull’economia e attrarre investimenti esteri, compresi gli Stati Uniti.

Una dichiarazione rilasciata dal suo ufficio afferma che Al-Sudani ha ordinato ai servizi di sicurezza di perseguire i responsabili, descrivendoli come “gruppi fuorilegge che non rappresentano in alcun modo la volontà del popolo iracheno”.

Ha anche affermato che destabilizzare l’Iraq e la sua reputazione e prendere di mira luoghi che l’Iraq si è impegnato a proteggere sono atti di terrorismo.

Il leader della milizia delle Brigate Sayyid al-Shuhada, una delle principali fazioni che prendono di mira le forze statunitensi nella regione, ha dichiarato in un post sui social media che si rifiuta di “fermare o ridurre le operazioni” mentre “i crimini sionisti continuano a Gaza”.

Oltre al personale diplomatico in Iraq, gli Stati Uniti hanno circa 2.500 soldati nel Paese in una missione che, secondo loro, mira a fornire consulenza e assistenza alle forze locali che cercano di impedire il ritorno dello Stato islamico, che nel 2014 ha sequestrato grandi quantità di zone dell’Iraq e della Siria. Prima che venga sconfitto.

Gli Houthi, allineati con l’Iran, nello Yemen hanno sparato su Israele e sulle navi nel Mar Rosso in una campagna che, secondo loro, mira a sostenere i palestinesi. Le navi da guerra americane sganciarono molti dei loro proiettili.

READ  Quattro ostaggi di Hamas - dal nonno anziano alla maestra d'asilo - muoiono in prigionia: Israele

(Relazione di Taimur Azhari a Baghdad, Phil Stewart a Washington e Idris Ali a Karachi – Preparato da Muhammad per la newsletter araba) Scritto da Taimur Azhari; Montaggio di Margarita Choi, David Gregorio, Grant McCall, Daniel Wallis e Cynthia Osterman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Phil Stewart ha riferito da più di 60 paesi, tra cui Afghanistan, Ucraina, Siria, Iraq, Pakistan, Russia, Arabia Saudita, Cina e Sud Sudan. Pluripremiato corrispondente per la sicurezza nazionale con sede a Washington, Phil è apparso su NPR, PBS NewsHour, Fox News e altri programmi e ha moderato eventi sulla sicurezza nazionale, tra cui il Reagan National Defense Forum e il German Marshall Fund. Ha ricevuto l’Edwin M. Hood Award per la corrispondenza diplomatica e il Joe Galloway Award.

Il corrispondente per la sicurezza nazionale si concentra sul Pentagono a Washington, DC, riferendo sulle attività e operazioni militari statunitensi in tutto il mondo e sul loro impatto. Ha riferito da più di venti paesi tra cui Iraq, Afghanistan, gran parte del Medio Oriente, Asia ed Europa. Da Karachi, Pakistan.