Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Myanmar conferma che un'alleanza etnica ha sequestrato una delle principali città del nord-est del Paese, al confine con la Cina

Il Myanmar conferma che un'alleanza etnica ha sequestrato una delle principali città del nord-est del Paese, al confine con la Cina

Bangkok (AFP) – Il governo militare del Myanmar ha ammesso di aver ritirato le sue forze dal paese Una delle principali città al confine nord-orientale con la Cina Dopo essere stato controllato da un'alleanza di gruppi etnici armati, combatte da mesi.

La caduta di Laokaing giovedì scorso è la più grande di una serie di sconfitte subite dal governo militare in Myanmar dai tempi della rivoluzione. L’alleanza etnica ha lanciato un attacco il 27 ottobre. Evidenzia la pressione a cui è sottoposto il governo mentre combatte i ribelli pro-democrazia in seguito al colpo di stato militare del 2021, nonché Gruppi armati con minoranze etniche Attraverso il paese.

Le organizzazioni armate etniche hanno lottato per decenni per una maggiore autonomia, ma il Myanmar ha sofferto una situazione che equivale al caos. Guerra civile da quando l'esercito prese il potere Nel febbraio 2021 dal governo eletto di Aung San Suu Kyi, scatenando la resistenza armata a livello nazionale da parte delle forze pro-democrazia.

L'alleanza delle Tre Fratellanze che catturò Laokaing era composta dall'Esercito dell'Alleanza Nazionale Democratica del Myanmar, dall'Esercito di Liberazione Nazionale di Ta'ang e dall'Esercito di Arakan. L'MNDAA è una forza militare per la minoranza Kokang, di etnia cinese.

Le foto e i video pubblicati sui social media mostravano un’enorme quantità di armi che la coalizione affermava di aver sequestrato.

Laokaeng è la capitale della regione autonoma di Kokang, che geograficamente fa parte dello stato Shan settentrionale in Myanmar.

Il portavoce del governo del Myanmar, Magg. Gen. Zaw Min Tun, ha dichiarato sabato al Popular News Journal, un sito web pro-militare, che i comandanti militari e locali hanno rinunciato al controllo di Laokaing dopo aver considerato diversi aspetti, inclusa la sicurezza dei membri delle famiglie dei soldati. di stanza lì.

READ  L'uragano Martin si sta spostando più a nord-est; Lisa si abbassò

Ha aggiunto che l'esercito ha tenuto conto anche delle relazioni del Myanmar con la Cina, che si trova appena oltre il confine con Laokaeng. La Cina, che ha buoni rapporti sia con l’esercito che con l’alleanza etnica, sta cercando di porre fine ai combattimenti.

Pechino ha protestato dopo che mercoledì i proiettili di artiglieria sono caduti sul suo territorio, ferendo cinque persone. Zaw Min Tun ha detto che la coalizione ha lanciato missili e ha cercato di incolpare i militari per danneggiare le sue relazioni con la Cina.

La coalizione ha annunciato in una dichiarazione pubblicata sui social media venerdì scorso che l’intera regione di Kokang è diventata una “zona libera dalla giunta”, riferendosi alla giunta militare al potere in Myanmar.

Ha aggiunto che 2.389 membri del personale dell'esercito, tra cui sei generali di brigata, e i loro familiari si erano arresi entro venerdì e sono stati tutti evacuati per mettersi in salvo.

I video circolati sui social media mostravano i soldati e i loro familiari trasportati in vari veicoli. Molti di loro sono stati trasferiti a Lashio, la capitale della regione settentrionale dello Shan, in base a un accordo con il Movimento di liberazione nazionale del Bangladesh (BNLM) per rimpatriarli, ha riferito Shwei Phi Myai News Agency, un sito di notizie online che riporta dallo Stato Shan.

Non è chiaro se l’alleanza delle Tre Fratellanze cercherà di espandere la sua offensiva oltre lo Stato Shan, ma si è impegnata a continuare la lotta contro il governo militare.

La coalizione ha descritto il suo attacco come una lotta contro il governo militare e un tentativo di liberare la regione dalle principali istituzioni criminali organizzate. La Cina ha pubblicamente cercato di reprimere le truffe online a Laoqing, che hanno intrappolato decine di migliaia di cittadini cinesi rimpatriati in Cina nelle ultime settimane.

READ  La Corea del Nord blocca la capitale per una "malattia respiratoria"

Ma l’attacco è stato anche ampiamente riconosciuto come un tentativo dell’MNLD di riprendere il controllo della regione autonoma di Kokang espellendo dalla sua sede del potere il gruppo rivale Kokang, sostenuto dal governo militare.

La coalizione ha catturato più di 250 obiettivi militari e cinque valichi di frontiera con la Cina, ha detto Peng Deren, comandante del MNDAA, in un discorso di Capodanno pubblicato da The Kokang, un sito di media online affiliato. Ha detto che più di 300 centri di frode elettronica sono stati perquisiti e più di 40.000 cinesi che hanno partecipato alle operazioni sono stati rimpatriati in patria.