Luglio 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Questa potrebbe essere la finale di Wimbledon per secoli.  Carlos Alcaraz è pronto

Questa potrebbe essere la finale di Wimbledon per secoli. Carlos Alcaraz è pronto

“Non c’è tempo per stancarsi. Non c’è tempo per avere paura. Ci proverò.”

La produzione del tanto atteso sequel de Il Gladiatore è stata interrotta questa settimana, dopo che l’Hollywood Actors Union ha indetto uno sciopero su salari e condizioni. Ma se hanno bisogno di qualcuno che sostituisca eventuali interessanti discorsi senior, possono contattare Carlos Alcaraz.

Ma non di domenica. Quindi è impegnato. Alcaraz ha raggiunto la sua prima finale di Wimbledon e, con solo due partite rimaste, la testa di serie numero uno e l’uomo che la maggior parte delle persone pensava sarebbe stata la migliore speranza per impedire a Novak Djokovic di vincere il suo quinto titolo consecutivo è in realtà la migliore speranza per fermare Novak Djokovic vincendo il suo quinto titolo consecutivo.

Come regola generale, se vuoi sapere quanto è bravo un atleta, chiedi ai suoi avversari. Quindi valeva la pena ascoltare Daniil Medvedev, poco dopo aver perso 6-3, 6-3, 6-3 contro l’Alcaraz in semifinale al Centre Court.

Ha detto: “Non ho giocato al meglio delle mie capacità, e contro giocatori come Carlos, Novak, Roger, devi essere al meglio in assoluto”.

Non a caso il russo ha piazzato Alcaraz accanto a Djokovic e Federer. Ha solo 20 anni, ha vinto solo un torneo importante e ha disputato solo una finale prima di allora, ma sembra già appartenere a quella compagnia.

Medvedev non ha giocato così male in questa partita. Ha commesso 19 errori non forzati nei tre set: per riferimento, sulla strada per battere Janik Siner in semifinale, Djokovic ha commesso 21 errori.

Ma Medvedev non aveva assolutamente alcuna possibilità. I Carriers lo hanno spazzato via con una serie di dritti a frusta, raffiche raffinate e un rovescio assurdo che doveva venire con avvertimenti “non provarci a casa”, per evitare mille polsi rotti.

READ  L'ossessione di Matilda attanaglia l'Australia mentre la squadra femminile cattura i cuori dei padroni di casa della Coppa del Mondo

Sapevi che sarebbe stato un pomeriggio molto lungo per Medvedev nel secondo gioco, quando Alcaraz è tornato così velocemente che praticamente lo ha superato prima di finire il seguito del suo servizio.

Alcaraz ha molto di più nel suo gioco oltre alla forza e alla corsa incessante, ma c’è qualcosa di soffocante in un giocatore che è fisicamente dominante. nessuna pausa. nessuna via d’uscita. Pensi di mettere piede nella porta? Esplosione. Scusa, ora hai le dita dei piedi rotte.

Il pubblico del campo centrale, ansioso che la partita continuasse un po’, si è entusiasmato quando Medvedev ha rotto il servizio nel terzo set. I Cars si sono ritirati nella partita successiva. Ah, ma poi Medvedev si è rotto di nuovo! I Cars si sono ritirati nella partita successiva.

In alcune occasioni, Medvedev si fermava a metà durante i punti, apparentemente perché non riusciva a capire la portata di Alcaraz, solo per vederlo raggiungere la palla. Non puoi biasimarlo: questo ragazzo non ha rispetto per le leggi della fisica. Dopo un servizio particolarmente violento, Medvedev ha alzato le spalle in direzione dei suoi allenatori. In un’altra occasione disse: “Cosa devo fare?” Cosa può fare? Cosa può fare chiunque?

(Foto: Tim Clayton/Corbis via Getty Images)

Probabilmente c’è solo un uomo che avrebbe potuto vivere con Alcaraz in questo modo. La buona notizia per il resto di noi è che ci sarà anche una domenica.

È un gioco di contraddizioni. Bambino contro veterano. Pugno contro contropugno. Il ragazzo che non commette errori contro il ragazzo che non dovrebbe dovrebbe contare su di te per farla vincere.

I due uomini si sono già incontrati due volte: Alcaraz ha vinto la semifinale dell’ATP Tour 2022 a Madrid, e Djokovic ha vinto la semifinale dell’Open di Francia quest’anno quando Alcaraz era impilato, in parte perché ha detto di essere molto nervoso per la resa dei conti. suo avversario.

READ  Riepilogo del Draft NFL di Browns: punti salienti e analisi sulle scelte e sul processo di Cleveland

Djokovic ha vinto gli ultimi quattro tornei qui. L’unica vera competizione è stata contro Roger Federer nel 2019, un’epopea che è andata letteralmente il più lontano possibile, visto che Djokovic ha vinto in un tie-break 12-12 al quinto set dopo che Federer aveva due match point. Kevin Anderson ha mostrato grinta nel 2018 ma alla fine è stato battuto. Matteo Berrettini e Nick Krygios hanno l’apertura fissata rispettivamente nel 2021 e nel 2022, ma qualcuno pensava davvero che uno dei due avrebbe resistito?

Sarebbe diverso se Alcaraz vincesse il primo set di questa finale. Ciò indicherà una vera concorrenza e non solo un ritardo nell’inevitabile.

“Tutti sanno che leggenda è”, ha detto Alcaraz, riferendosi in seguito a Djokovic come a un “leone”. “Sarà davvero, davvero difficile. Ma combatterò. Crederò di poterlo sconfiggere qui.”

Ciò che sarebbe particolarmente interessante è se i fan di Wimbledon sostengano davvero Alcaraz. Erano decisamente dietro di lui contro Medvedev. Come potrebbero non esserlo, quando viene offerta loro una dimostrazione di abilità, forza profonda ed eccitazione? Il pubblico si è alzato in piedi dopo un momento particolarmente emozionante del secondo set. Ci sono state ripetute grida di “Vamus Carlito”. Sembrava che Wimbledon sapesse molto bene che questo sarebbe stato il ragazzo successivo, qualcuno che non solo avrebbe potuto battere Djokovic, ma diventare uno dei giocatori dominanti di questo sport negli anni a venire.

E all’inizio della giornata, sembrava che Wimbledon fosse pronto per la vittoria di qualcuno diverso da Djokovic, dopo tutti questi anni di dominio.

Questo era evidente dall’umore generale durante la semifinale. Ad un certo punto, Djokovic ha finto di piangere, apparentemente in reazione all’idea che gli spettatori non fossero del tutto dietro di lui. “Tutto amore”, ha detto con un piccolo sorriso sul volto quando gli è stato chiesto in seguito. “È tutto amore. Tutto amore e accettazione.”

READ  Coco Gauff vuota il sacco: Shelton-Tiafoe ha iniziato a parlare Giro dell'ATP

È sempre difficile conoscere il vero motivo quando uno come Djokovic fa una cosa del genere. Era davvero arrabbiato? È stata una reazione infantile a una preferenza relativamente mite da parte del pubblico? Era uno strano modo di eccitarsi? Significa qualcosa?

Djokovic dovrebbe sapere che il pubblico di Wimbledon, non un gruppo noto per il suo accanito sostegno partigiano, non ha improvvisamente preso una posizione personale contro di lui. Potrebbe non essere simpatico come Andy Murray, Federer o Rafael Nadal, ma in realtà tutto ciò che probabilmente vogliono è un po’ di varietà.

Hanno già visto Djokovic farsi strada verso i titoli in passato. Lo videro cadere sulla schiena all’ultimo punto. Conoscono quella canzone.

In questo senso, è vittima del suo stesso dominio: puoi collezionare tutti i trofei e stabilire tutti i record che vuoi, ma devi accettare che a volte le persone vorranno vedere qualcun altro avere successo.

Come avrebbe reagito se i tifosi in finale avessero preferito Alcaraz? Lo toglierai dal suo gioco? Lo motiverai di più?

Questo è solo uno dei modi in cui questo finale sarà per i secoli. Non c’è tempo per giocare. Non c’è tempo per avere paura. Entrambi gli uomini lo faranno.

(Foto: Tim Clayton/Corbis via Getty Images)