Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Perché Kalvin Phillips non era considerato abbastanza bravo per il Manchester City

Perché Kalvin Phillips non era considerato abbastanza bravo per il Manchester City

Jürgen Klopp lascerà il Liverpool alla fine della stagione: segui gli ultimi aggiornamenti

È difficile individuare esattamente quando la scritta è apparsa sul muro durante il periodo di Kalvin Phillips al Manchester City, perché c'erano molte prove che suggerivano che le cose non sarebbero andate bene, ma c'era un segnale molto precoce che qualcosa non andava.

Phillips ha firmato, con un contratto di sei anni, dal Leeds United in un accordo del valore di 42 milioni di sterline (53,5 milioni di dollari) il 4 luglio 2022, due giorni prima che il City vendesse il giovane centrocampista Romeo Lavia al Southampton per 10,5 milioni di sterline.

Non appena è iniziato l'allenamento pre-campionato alla fine di quel mese, Pep Guardiola e il suo staff hanno avuto alcune preoccupazioni.

Hanno notato, anche in quella fase iniziale, come Phillips sembrava lottare con le complessità del ruolo di centrocampista difensivo al City, e nonostante avesse venduto Lafia sapendo che, a 18 anni, non gli sarebbe stata data molta visibilità in prima squadra. Gli allenatori del club si sono resi conto che il giovane belga era una scelta più naturale rispetto al nuovo arrivato.

Ci sono stati elementi sfortunati nei primi mesi di Phillips a Manchester. Era troppo malato per partecipare alla cerimonia di inaugurazione all'Etihad Stadium, che ha visto anche Erling Haaland presentato ai suoi nuovi fan, e la stagione era iniziata appena un mese quando ha dovuto sottoporsi a un intervento chirurgico per un problema ricorrente alla spalla, che lo ha tenuto in vita. . A margine fino ai Mondiali invernali.

Ma la strana e molto triste verità è che per qualcuno che è stato votato Giocatore dell'anno dell'Inghilterra un anno prima di arrivare al City, all'età di 28 anni, ora darà sicuramente un enorme contributo al West Ham, sesto classificato. Il fatto è che Phillips fondamentalmente non era abbastanza bravo per giocare per una squadra che è gli attuali campioni della Premier League, campioni europei e mondiali.

“Mi rammarico profondamente della mia decisione nei suoi confronti”, ha detto Guardiola all'inizio di questo mese. “L'ho detto tante volte. Non meritava quello che gli è successo e mi dispiace tanto.”

Vai più in profondità

Moyes è da tempo un fan di Phillips: un prestito al West Ham è adatto a tutte le parti

Non c'era niente di insolito nel fatto che Phillips avesse giocato solo pochi minuti nelle prime partite del Manchester City la scorsa stagione perché l'infortunio alla spalla si era presentato presto. Non è stato l'unico giocatore del City a faticare nella sua prima stagione: il giorno in cui è venuto alla luce l'intervento di Phillips, Jack Grealish ha segnato in anticipo contro i Wolves tra le continue critiche alla sua stagione d'esordio a Manchester.

Non è stato effettuato alcun controllo sulla posizione di Phillips al City in quel momento a causa del suo infortunio, ma Guardiola ha successivamente rivelato che era tornato dalla Coppa del Mondo a causa del sovrappeso ed era stato escluso dalla squadra. Guardiola ha un approccio molto rigido al riguardo (“Quando non sei in forma, il pericolo arriva”, ha detto. “Non sei abbastanza veloce o abbastanza veloce con la testa.”) Ma la verità è che ha scelto di rivelare Esso. Le informazioni su Phillips erano significative.

Il giocatore era appena sopra il peso minimo e sembra che altri abbiano segnalato condizioni simili, ma Guardiola ha sentito il bisogno di inviare un messaggio pubblico in particolare a lui.

READ  Djokovic dice che non parteciperà ai campionati statunitensi per il suo stato di vaccinazione.

Poche settimane dopo, Guardiola inviò una lettera all'intero consiglio comunale dopo aver sentito che i giocatori, e persino i datori di lavoro, stavano diventando compiacenti, a causa di settimane e mesi di frustrazione nell'esprimere le sue preoccupazioni a porte chiuse senza vedere ciò che era necessario. reazione.

È stato lo stesso con Phillips.

Sebbene il suo infortunio gli abbia negato la possibilità di mostrare presto cosa poteva fare in campo di allenamento, proteggendolo da qualsiasi esame pubblico, quelli intorno al City hanno notato che non aveva del tutto raggiunto gli standard richiesti dal suo nuovo club.

Guardiola non si è mai fidato completamente di Phillips (Adrian Dennis/AFP tramite Getty Images)

Non che abbia causato alcun problema allo staff o ai suoi compagni. Guardiola e il suo staff hanno davvero apprezzato il suo ruolo nello spogliatoio, come un grande compagno di squadra e una brava persona per l'alchimia generale nello spogliatoio – soprattutto nel periodo post-Mondiale quando molti giocatori, tra cui diversi giocatori dell'Inghilterra – erano compagni di squadra, In particolare, Joao Cancelo lamenta diversi problemi del club. Questo era importante.

“L'unica cosa che posso dire di lui è che pretendo buoni personaggi e personalità e lui è un esempio perfetto”, ha detto Guardiola.

Phillips ha avuto i suoi problemi personali per la mancanza di tempo di gioco – ha parlato di aver chiamato il suo ex allenatore del Leeds, Marcelo Bielsa, per un consiglio, e di aver pianto per la rara ma scarsa prestazione del City alla fine della scorsa stagione – ma non ha mai agito in modo irregolare intorno al campo di allenamento, il che è un no: per Guardiola è una cosa che in passato si sapeva di Aymeric Laporte e Riyad Mahrez.

Il problema che Phillips ha avuto, in termini di adattamento della sua mentalità al Manchester City, è stato che gli ci è voluto troppo tempo per rendersi conto che i suoi nuovi compagni di squadra erano un po' più entusiasti, un po' più professionali. Non che i suoi standard fossero affatto scadenti, ma in uno spogliatoio pieno di giocatori che arrivano presto per l'allenamento e se ne vanno tardi, che si prendono più cura di se stessi nel proprio tempo libero, non si adattava del tutto.

Phillips, ad esempio, non ha fatto proprio nulla di male dopo il Mondiale: anche altri giocatori sono tornati dall'Inghilterra crudi, perché quelli che non erano partiti al fianco di Gareth Southgate in Qatar non avevano ricevuto un allenamento particolarmente intenso, e tutti i giocatori del City hanno ricevuto un po' di allenamento. I giorni successivi alla fine del torneo della propria squadra e quando devono tornare al club.

Phillips ha preso il congedo assegnato e si è presentato in tempo, ma la differenza è stata che alcuni dei suoi compagni di squadra, tra cui Laporte e Nathan Ake, sono tornati presto, avendo notato che avrebbero avuto bisogno di un po' di lavoro fisico extra.

“Vuole il cambiamento”, ha detto Guardiola riguardo a Phillips due settimane dopo essere stato rimosso dalla squadra. “Forse sarà una bella lezione per lui in futuro.

“Un calciatore deve essere perfetto nell'arco di 12 mesi. Ottimo. Anche durante le vacanze deve essere perfetto. Bisogna essere pronti perché questo livello richiede tanto impegno. Devi giocare tre partite (a settimana) ), e devi essere pronto: “Essere in forma. Se non stai in forma, niente. Ma settimana scorsa ho detto che è migliorato”.

READ  Jan Blachović riprende le forze nella vittoria decisiva contro Rakic

Ma qualsiasi miglioramento in questo senso, e anche l’impatto positivo che Phillips ha avuto sul resto della squadra, non è bastato a ribaltare la situazione perché, a differenza di come Guardiola e il suo staff credono ancora nei nuovi giocatori che faticano al primo anno . (Entrando in quella stagione, Guardiola era convinto che Grealish fosse sull'orlo del brillante), e iniziarono a formarsi l'opinione che il suo acquisto non avrebbe mai funzionato.

La ragione principale di questo raro squilibrio nei trasferimenti del City è dovuta al tipo di giocatore che Phillips è e alla sua incompatibilità con ciò di cui Guardiola ha bisogno per far funzionare la sua squadra.

“Nella qualità dei lanci lunghi, Calvin è migliore di Rodri. Negli spazi più brevi e nei primi movimenti, Rodri è migliore”, ha detto Guardiola la scorsa stagione, in una gentile introduzione ai suoi sentimenti.

“Quando abbiamo bisogno di una partita con transizioni o di partite con caos, Calvin è il giocatore perfetto”, ha detto l'allenatore a ottobre. Coloro che hanno prestato attenzione al modo in cui Guardiola vuole che le sue squadre funzionino negli ultimi 15 anni noteranno che il caos è l’esatto opposto di ciò che lui vuole da una partita di calcio.

Si è verificato anche un problema con Lui scrive Il centrocampista Phillips è: Guardiola preferisce che i suoi centrocampisti difensivi rimangano in posizione piuttosto che vagare, e devono essere sostanzialmente impeccabili quando sono sotto pressione, soprattutto quando ricevono palla dal portiere o dai difensori con uno o più pressanti. .

Il City sapeva che avrebbe dovuto adattarsi al proprio stile, ma sentiva che sarebbe stato in grado di farlo, in parte a causa del fattore Bielsa.

Guardiola ha detto: “Deve migliorare la ricezione dal centro della difesa, ma questa è questione di tempo”. “A Leeds si è mosso lateralmente, ma ha la capacità di farlo.

“È un giocatore della nazionale. Ai Campionati Europei, quando l'Inghilterra raggiunse la finale (nel 2021), giocò in modo straordinario. Aveva la mentalità di allenarsi con Marcelo Bielsa, con resilienza e lotta.

Il gioco di Phillips a Euro 2020 lo ha aiutato a diventare uno dei migliori centrocampisti centrali dell'Inghilterra (Facundo Arrizabalaga/Pool/AFP tramite Getty Images)

Ma durante la prima stagione, arrivarono a credere che non sarebbe mai successo e, a differenza di Grealish, Bernardo Silva, Rodri e altri che hanno avuto notevoli difficoltà nella loro prima stagione ma hanno mantenuto un forte sostegno da Guardiola prima della seconda stagione, Phillips è stato reso disponibile per una mossa di prestito la scorsa estate.

Voleva restare al City, però, nella speranza di poter cambiare le cose come avevano fatto Grealish e Ake, e usò pubblicamente quegli esempi per mostrare la sua determinazione. Questa volta, ha partecipato ai preparativi pre-campionato cinque giorni fa, dopo aver svolto un allenamento extra durante la pausa estiva, e credeva davvero che gli sarebbero arrivate più opportunità.

Ma presto ha visto Mateo Kovacic arrivare e superarlo a centrocampo. Verso la fine dell'estate, anche Matheus Nunes si è unito, e ha giocato da titolare due partite nelle sue prime tre settimane al club – Phillips ha giocato da titolare solo quattro partite in tutta la scorsa stagione, due nelle coppe nazionali e l'altra in partite di campionato dopo che il City aveva conquistato il titolo. tavolo. Titolo.

READ  Nikola Jokic dice che sapeva che stavano entrando 3 guerrieri storditi

A settembre, dopo che Rodri fu espulso contro il Nottingham Forest e fu squalificato per tre giornate, Phillips fece luce su quanto fosse frustrato per la situazione e su come i suoi compagni di squadra dovessero tirargli su il morale, e disse che stava affrontando “probabilmente “La settimana più importante della mia carriera al Manchester. City finora.”

Ma in realtà non è cambiato nulla: ha giocato per il Newcastle United nella sconfitta in Coppa Carabao, ma è tornato in panchina nelle partite di Premier League contro Wolves e Arsenal.

A ottobre, le cose erano in crisi e i dirigenti del club ammettevano pubblicamente che Phillips non sarebbe mai entrato nella squadra e che se ne sarebbe andato a gennaio. Inizialmente sperava di trasferirsi alla Juventus in Italia, ma non sono riusciti a concordare i termini con il City.

Vai più in profondità

La storia di Kalvin Phillips: il ragazzo del Leeds diventato leggenda

Il mese scorso, quando Guardiola si è detto “dispiaciuto” per non aver premiato il comportamento di Phillips con il tempo di gioco, ha fatto la sua dichiarazione più schiacciante di sempre.

Il catalano ha detto: “Questo è solo perché immagino alcune cose e immagino la squadra e faccio fatica a vederla”.

La domanda che tutti si pongono ora è: come è potuto andare così storto questo trasferimento? – Soprattutto al City, dove gli acquisti sbagliati erano pochi e rari durante i sette anni da allenatore di Guardiola.

È importante ricordare che c'erano molte aree in cui questa mossa aveva senso. Il City ha visto un nazionale inglese disponibile a buon prezzo, che ha ricevuto recensioni entusiastiche per il suo carattere e, cosa più importante, per il fatto che fosse allenato da Bielsa.

Il City conosceva anche il mercato in cui avrebbero fatto acquisti: sapevano, ad esempio, che Aurélien Chouamini si sarebbe trasferito quell'estate e, sebbene lo valutassero come un giocatore migliore, non volevano portare qualcuno per circa 70 milioni di sterline. potrebbe aspettarsi. Partire regolarmente in una posizione in cui Rodri era, ed è tuttora, il migliore. Ciò potrebbe mettere a repentaglio l'armonia in campo, cosa che Phillips non farà, anche se non porterà la stessa qualità.

Quando il City ha inseguito Declan Rice la scorsa estate, è stato perché volevano che interpretasse due ruoli chiave; Principalmente come centrocampista più avanzato, partendo al fianco di Rodri per poi avanzare, anche come sostituto dello spagnolo, quando serve. Rice però vorrebbe giocare più spesso al posto di Rodri, cosa che l'Arsenal gli ha confermato.

Il City era, e è tuttora, in una posizione in cui non può permettersi un giocatore specializzato di alto livello in sostituzione di Rodri, e sa che quando non sarà disponibile, dovrà utilizzare giocatori in aree più profonde per compensare.

Sapevano nell'estate del 2022 che Phillips sarebbe stato abbastanza felice di non giocare ogni settimana, ma pensavano che avrebbe avuto molte più possibilità di quelle che ha avuto, e se ne è andato con solo sei titolari regolari al City, non essendo stato all'altezza. Si è fatto anche un'opzione per il doppio perno senza Rodri.

Ora ha la possibilità di mostrare esattamente il tipo di giocatore che è al West Ham, e forse con la maglia dell'Inghilterra agli Europei di quest'estate, ma il City temeva molto presto che Phillips non fosse all'altezza del compito, e non è mai stato così. cambierà.

(Immagine in alto: Jan Kruger/Getty Images)