Maggio 18, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'ex ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite Nikki Haley ha affermato che gli atleti olimpici dovrebbero scegliere di rappresentare

Nikki Haley afferma che gli atleti olimpici dovrebbero scegliere di rappresentare la “libertà” o le “violazioni dei diritti umani”

L’ex ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite Nikki Haley ha criticato la pattinatrice artistica nata negli Stati Uniti Elaine Jo per aver scelto di rappresentare la Cina piuttosto che gli Stati Uniti, dicendo che “difendi la libertà o sostieni le violazioni dei diritti umani”.

L’ex governatore della Carolina del Sud, 50 anni, ha aggiunto che non c’è “nessuno in mezzo” quando si tratta di scegliere determinati paesi. Ha fatto i suoi commenti durante un’intervista con Politica davvero chiara Martedì.

Gu, 18 anni, è uno sciatore olimpico nato negli Stati Uniti che attualmente fa parte della squadra per le Olimpiadi invernali cinesi del 2022 a Pechino. Poteva rappresentare entrambi i paesi, ma ha scelto la patria di sua madre.

Suo padre è americano, ma Gu è stata cresciuta dalla madre e dalla nonna cinesi e durante la crescita parlava mandarino per la maggior parte del tempo.

In termini di nazionalità vedi Cina o Stati Uniti? Devi scegliere da parte. Hayley ha detto al sito di notizie politiche online.

Devi scegliere da che parte stare perché sei americano o cinese, che sono due paesi completamente diversi. …ogni atleta deve sapere quando mettono la bandiera, o quando difendi la libertà o difendi le violazioni dei diritti umani. Non c’è nessuno tra loro.’

Gu, che è nato e cresciuto a San Francisco, ha subito il contraccolpo dei media statunitensi per essersi schierato con la Cina ai Giochi in mezzo allo spaventoso trattamento riservato dal paese agli uiguri cinesi, una minoranza musulmana nello Xinjiang, una regione autonoma nella parte nord-occidentale del paese. nazione.

L’ex ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite Nikki Haley ha affermato che gli atleti olimpici dovrebbero scegliere di rappresentare la “libertà” o le “violazioni dei diritti umani”.

Gu viene fotografata con sua madre cinese, Yan. Sono nato e cresciuto a San Francisco. Suo padre, che si dice sia americano, non è stato nominato pubblicamente

I detenuti ascoltano i sermoni in un campo nella contea di Lop, nello Xinjiang, in Cina, la provincia nord-occidentale della Cina a maggioranza musulmana.  La Cina è stata accusata di aver condotto un genocidio nella regione a causa di differenze culturali e religiose

I detenuti ascoltano i sermoni in un campo nella contea di Lop, nello Xinjiang, in Cina, la provincia nord-occidentale della Cina a maggioranza musulmana. La Cina è stata accusata di aver condotto un genocidio nella regione a causa di differenze culturali e religiose

Hailey ha sottolineato le violazioni dei diritti umani che gli uiguri devono affrontare costantemente, dicendo che ha ancora difficoltà a trattare con i detenuti a causa della loro differenza di religione.

“Non riesco a togliermi le immagini dalla testa di loro inginocchiati e bendati, sapendo cosa accadrà loro”, ha detto Hayley. Non riesco a immaginare di sostenere in alcun modo questo o di sostenere la Cina.

Haley, che era un membro dell’amministrazione Trump per il 2016, ha detto che era la sua “speranza e preghiera” che gli americani capissero che “è stata la Cina a darci il COVID”.

“La Cina è il paese che sta rubando la proprietà intellettuale. La Cina è il paese che commette violazioni dei diritti umani. “Ed è la Cina che è diventata un paese di sorveglianza che ora inizierà a dettare le nostre aziende americane, motivo per cui stanno iniziando ad andarsene .”

“Ad un certo punto, dobbiamo capire che è ora di lasciare la Cina”, ha concluso.

Gu, che ha vinto l’oro nello stile libero femminile e l’argento nel nuoto femminile, evita di fare domande sulla sua nazionalità e sul fatto che abbia rinunciato alla cittadinanza americana per competere per la Cina.

La Cina non consente la doppia cittadinanza e martedì Gu non confermerà se detiene ancora entrambi i passaporti.

Quindi sono cresciuto trascorrendo il 25-30% (del mio tempo) in Cina. Ha risposto fluentemente mandarino e inglese e parlo entrambi fluentemente.

Quindi, venendo qui, ho davvero voglia di tornare a casa. Mi sento americano come i cinesi. Non mi sento di approfittare di questo o quello. Capiscono che il mio lavoro è rafforzare le relazioni tra le nazioni, non forzare la divisione.

READ  Riepilogo narrativo della scadenza commerciale NHL 2022

Quando il giornalista ha chiesto ancora, il direttore della conferenza stampa è intervenuto: “Prossima domanda, per favore”.

Gu, che finora ha vinto una medaglia d'oro e d'argento a Pechino, ha evitato le domande sulla sua nazionalità.  Dopo aver scelto di rappresentare la Cina ai Giochi invernali, la famosa pattinatrice si è trovata in subbuglio politico con molti che si chiedevano se fosse ancora cittadina americana.

Gu, che finora ha vinto una medaglia d’oro e d’argento a Pechino, ha evitato le domande sulla sua nazionalità. Dopo aver scelto di rappresentare la Cina ai Giochi invernali, la famosa pattinatrice si è trovata in subbuglio politico con molti che si chiedevano se fosse ancora cittadina americana.

Gu, il cui nome cinese è Illing Elaine Gu, è anche una modella e studentessa in arrivo alla Stanford University, e una delle sue madri è un'alma mater.

Gu, il cui nome cinese è Illing Elaine Gu, è anche una modella e studentessa in arrivo alla Stanford University, e una delle sue madri è un’alma mater.

Pechino è sotto i riflettori per la gestione degli uiguri da parte del governo.  Il Partito Comunista Cinese ha ricevuto pressioni dalle Nazioni Unite per fornire maggiori informazioni sugli eventi attuali nella regione autonoma dello Xinjiang

Pechino è sotto i riflettori per la gestione degli uiguri da parte del governo. Il Partito Comunista Cinese ha ricevuto pressioni dalle Nazioni Unite per fornire maggiori informazioni sugli eventi attuali nella regione autonoma dello Xinjiang

La modella e studentessa emergente di Stanford, i cui follower su Weibo sono saliti a quasi tre milioni da meno di due milioni lunedì, afferma di sentirsi come a casa in Cina.

C’è una torre qui che puoi vedere dalla cima del sentiero. Lo ha anche spiegato da casa mia a Pechino, dove la sua faccia è ovunque nelle pubblicità.

Gu ha detto ai suoi detrattori: “Non sto cercando di accontentare nessuno. Sono una ragazza di 18 anni che vive la mia vita cercando di divertirmi.

Ha aggiunto: “Non importa se le altre persone sono felici o meno perché mi sento come se stessi facendo del mio meglio.

Mi piace l’intero processo e uso la mia voce per apportare il maggior cambiamento possibile alle voci che mi ascolteranno in un’area personale e rilevante per me.

So di avere un buon cuore e so che le mie ragioni per prendere le decisioni che prendo si basano su un maggiore interesse comune e qualcosa che sento sia per il bene più grande.

Se le altre persone non credono davvero che sia da dove vengo, riflette semplicemente che non hanno l’empatia per simpatizzare con un buon cuore, forse perché non condividono lo stesso tipo di morale a cui sono venuto io, e in questo senso, non sprecherei il mio tempo cercando di compiacere le persone, che sono, una, ignoranti e, secondo, probabilmente non sperimenteranno mai il tipo di gioia, gratitudine e amore che ho così tanta fortuna da provare su un quotidianamente.

READ  Dopo l'ultima retrocessione di Willie Calhoun, è pronto a lasciare i Rangers: ``Sento di aver bisogno di un cambio di scenario.''

Ha detto che i suoi critici non condividevano la sua simpatia e che si rifiutava di inchinarsi a loro.

Gu non è l’unico rivale americano della Cina a Pechino. Anche lui e due membri della squadra di hockey maschile cinese – tra cui Jake Chelios, figlio del famoso Hockey Hall of Famer Chris Chelios – sono nati e cresciuti negli Stati Uniti.

Le leggi cinesi sulla nazionalità – Vieta le doppie caste

La Cina, a differenza degli Stati Uniti, non riconosce la doppia cittadinanza: chiunque voglia rivendicare la cittadinanza cinese deve giurare fedeltà al Paese.

Ciò significa che per persone come Jo, che ha ottenuto la cittadinanza tramite sua madre nel 2019, non possono godere della cittadinanza anche in altri paesi.

In passato, ha spinto alcune star a rinunciare alla propria nazionalità occidentale.

Per molti, le opportunità redditizie nel mercato cinese sono più importanti di quelle occidentali.

Questo è ciò che porta alcuni a scegliere la Cina rispetto al Nord America e al Canada.

Il caso di Gu è più complicato perché ha fatto il passaggio quando aveva 15 anni e, secondo il Dipartimento di Stato, un minore non può rinunciare legalmente alla cittadinanza fino all’età di 16 anni.

Non è chiaro se abbia formalmente rinunciato alla cittadinanza statunitense o se la Cina sia a conoscenza del suo status di cittadinanza.

Né Gu né il Dipartimento di Stato avrebbero commentato questo.