Giugno 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Lo Starliner della Boeing supera i propulsori malfunzionanti per atterrare sulla stazione spaziale

Lo Starliner della Boeing supera i propulsori malfunzionanti per atterrare sulla stazione spaziale

Si è verificato un malfunzionamento nel suo sistema di propulsione, ma la navicella spaziale Starliner della Boeing e i due astronauti della NASA che trasportava sono attraccati con successo alla Stazione Spaziale Internazionale giovedì pomeriggio.

L’attracco è avvenuto alle 13:34 ET, più di un’ora dopo il previsto, dopo aver risolto il problema di diversi dispositivi di propulsione malfunzionanti.

“Il team ha gestito il test a sorpresa davvero bene”, ha detto Steve Stich, direttore del Commercial Crew Program della NASA, durante una conferenza stampa giovedì dopo l’attracco. “E hanno dato tutte le risposte giuste.”

L’arrivo dello Starliner è avvenuto un giorno dopo il lancio del veicolo dalla stazione spaziale di Cape Canaveral in Florida. L’attracco è stato un traguardo importante per il volo di prova, che ha lo scopo di fornire un controllo finale che la Starliner sia pronta per iniziare i voli operativi una volta all’anno per trasportare gli equipaggi della NASA per un soggiorno di sei mesi sulla stazione spaziale.

La NASA ha assunto Boeing, insieme a SpaceX, per costruire il veicolo spaziale in sostituzione delle sue navette spaziali in pensione. SpaceX è riuscita a trasportare gli astronauti sulla stazione spaziale nel 2020, mentre Boeing ha dovuto affrontare costosi problemi tecnici e ritardi.

Ora gli sforzi sono prossimi a dare i loro frutti. La capsula SpaceX Crew Dragon è attraccata in un porto diverso della stazione spaziale. “Quando Starliner sarà certificato, gli Stati Uniti avranno due sistemi di trasporto umano unici per la Stazione Spaziale Internazionale che nessun altro paese al mondo ha”, ha affermato Jim Frye, amministratore associato della NASA.

READ  Nuove prove supportano la rotta costiera per i popoli delle Americhe

Il lavoro rimane. Gli ingegneri si aspettavano di incontrare problemi durante questo volo e in realtà si sono verificati.

Ancor prima del lancio, fu scoperta una piccola perdita di elio nel sistema di propulsione dello Starliner. Ciò ha portato a diverse settimane di indagini.

L’elio, un gas inerte, viene utilizzato per spingere il propellente nei propulsori della navicella. Se perdi troppo, i dispositivi di pagamento potrebbero non funzionare correttamente.

Gli ingegneri hanno stabilito che la perdita sembrava essere limitata a un singolo sigillo, ma poi hanno scoperto una “vulnerabilità di progettazione”. Se dopo la separazione si fossero verificati una serie di guasti imprevisti al sistema di propulsione, il signor Wilmore e la signora Williams avrebbero potuto rimanere bloccati in orbita.

Boeing ha sviluppato una procedura di backup per il ritorno dello Starliner sulla Terra in caso di malfunzionamenti imprevisti. I funzionari della Boeing e della NASA decisero che non era necessario riparare la perdita di elio e che la navicella spaziale poteva essere lanciata.

Tuttavia, la scorsa notte, sono emerse altre due perdite di elio.

I flussi di elio verso le parti che perdevano del sistema di propulsione furono fermati e gli ingegneri analizzarono il problema mentre il signor Wilmore e la signora Williams dormivano. In mattinata, i responsabili della missione hanno deciso di continuare il processo di attracco. Il flusso di elio è stato riavviato per le manovre di attracco.

Sebbene sia stata scoperta una quarta perdita dopo l’attracco, c’è ancora abbastanza elio per il resto della missione, ha detto Stitch.

Un altro problema si è verificato quando lo Starliner si è avvicinato alla stazione spaziale. Cinque dei 28 aerei di manovra dello Starliner, tutti sul fondo della navicella, sembrano non funzionare correttamente. Il problema al propulsore non era legato a perdite di elio, ma era simile a quanto accaduto durante un precedente volo Starliner senza equipaggio.

READ  ''Due volte più grande della Terra''

“C’è qualcosa che causa il guasto dei propulsori e non sappiamo esattamente perché”, ha detto Stitch.

Ha detto che quattro dei cinque dispositivi di propulsione funzionavano correttamente ed erano stati riattivati.

Il quinto motivo sembra comportarsi diversamente. “Abbiamo lasciato il dispositivo di propulsione spento per il resto del viaggio”, ha detto il signor Stitch.

Con un’ulteriore risoluzione dei problemi, lo Starliner perse la sua prima opportunità di attraccare. La navicella e gli astronauti attesero il volo successivo, poi si avvicinarono lentamente senza ulteriori difficoltà.

“Abbiamo realizzato molto più di quanto ci aspettassimo”, ha affermato Mark Nappi, responsabile del programma Starliner presso Boeing. “Avevamo un sacco di lavoro pianificato che dovevamo fare, e poi si è verificato del lavoro non pianificato.”

“Abbiamo imparato da entrambi”, ha aggiunto Nabi.

Sotto altri aspetti, le prestazioni dello Starliner sono state impeccabili. La navicella spaziale vola per lo più in modo autonomo con i propri computer. Ma gli astronauti possono assumere il controllo della missione in caso di emergenza e hanno testato questa capacità.

“Sonny e io abbiamo eseguito alcune manovre manuali ed erano accurate, molto più che anche sul simulatore”, ha detto il signor Wilmore ieri sera.

Dopo l’attracco, sono durati alcune ore controlli accurati per garantire la perfetta tenuta tra lo Starliner e la stazione spaziale prima dell’apertura del portello. Verso le 15:45 ET, la signora Williams e il signor Wilmore sono scesi dallo Starliner e sono stati accolti con abbracci dagli altri astronauti.

“Qualunque cosa ci chiedi di fare, siamo pronti”, ha detto Wilmore durante una breve cerimonia di benvenuto.