Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La navicella spaziale Starliner della Boeing si è agganciata con successo alla Stazione Spaziale Internazionale dopo una perdita di elio e un problema di propulsione.

La navicella spaziale Starliner della Boeing si è agganciata con successo alla Stazione Spaziale Internazionale dopo una perdita di elio e un problema di propulsione.

La NASA ha detto che due valvole dell’elio erano chiuse.

Lo Starliner della Boeing si è agganciato con successo alla Stazione Spaziale Internazionale giovedì pomeriggio, segnando un’altra pietra miliare nel primo volo di prova con equipaggio della navicella.

La NASA e la Boeing hanno confermato che lo Starliner ha attraccato alle 13:34 ET. La NASA ha annunciato che gli astronauti Barry “Butch” Wilmore e Sunita “Sonny” Williams entreranno presto nel laboratorio orbitante della Stazione Spaziale Internazionale, dove trascorreranno circa una settimana. Pubblicato sulla piattaforma di social media X

Ciò avviene dopo che una perdita di elio e un problema alla propulsione hanno minacciato di ritardare l’attracco dello Starliner.

Secondo il sito americano “spaziale” si sono verificate tre perdite di elio durante l’arrivo dello Starliner alla Stazione Spaziale Internazionale. Condividi su X Dal Johnson Space Center dell’agenzia mercoledì sera.

Una delle fughe di notizie “è stata discussa prima del volo insieme al piano di gestione. Le altre due fughe di notizie sono nuove da quando la navicella spaziale ha raggiunto l’orbita”, ha affermato l’X post.

Le perdite sono simili a quelle scoperte durante il tentativo di lancio dello Starliner, previsto per il 25 maggio. Questo lancio è stato annullato dopo che è stata scoperta una piccola perdita di elio nel modulo di servizio, che contiene sistemi di supporto e strumenti per il funzionamento del veicolo spaziale.

READ  La NASA svela 4 astronauti della missione lunare Artemis II: aggiornamenti in tempo reale

Secondo il sito americano “spaziale”, l’elio viene utilizzato per pressurizzare i propulsori della navicella spaziale, permettendole di sparare. Boeing.

Al momento non è chiaro quanto elio fuoriuscirà o se ciò influenzerà le prestazioni dello Starliner e la sua capacità di tornare sulla Terra in otto giorni.

Tuttavia, due valvole dell’elio erano chiuse e la navicella spaziale era “stabile”, disse all’epoca la NASA.

L’attracco dello Starliner era previsto alla Stazione Spaziale Internazionale alle 12:15 ET di giovedì, ma è stato costretto a rinviare dopo che il controllo della missione ha identificato un problema con i jet del Reaction Control System (RCS) che aiutano a manovrare la propulsione della navicella.

La navicella spaziale è stata posizionata in quello che viene chiamato un “campo di evitamento”, a circa 200 metri dalla ISS, fino all’apertura di un’altra finestra di attracco alle 13:33 ET.

Si prevede che Williams e Willmore trascorreranno una settimana a bordo della Stazione Spaziale Internazionale e valuteranno lo Starliner e i suoi sistemi. Al suo ritorno, la navicella schiererà i suoi paracadute e il sistema airbag, facendo atterrare i due negli Stati Uniti occidentali

Se la missione avrà successo, la NASA potrebbe certificare il veicolo spaziale per le missioni di routine da e verso la Stazione Spaziale Internazionale. La NASA utilizza principalmente la navicella spaziale Dragon di SpaceX per trasportare l’equipaggio e il carico sulla Stazione Spaziale Internazionale.