Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Scopri la fabbrica più grande del mondo in Australia

Scopri la fabbrica più grande del mondo in Australia

Iscriviti alla newsletter di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Il quartiere più grande del mondo Secondo gli scienziati, una pianta è stata identificata in acque poco profonde al largo della costa dell’Australia occidentale.

L’alga tentacolare, una pianta marina in fiore nota come Posidonia australis, si estende per oltre 180 chilometri a Shark Bay, un’area selvaggia protetta come patrimonio dell’umanità, ha affermato Elizabeth Sinclair, ricercatrice senior del College of Biology. Institute of Science and Oceanography, University of Western Australia.

Riguarda la distanza tra San Diego e Los Angeles.

La pianta è così grande che si riproduce, creando rami geneticamente identici. Questo processo è un metodo di riproduzione raro nel regno animale, anche se si verifica in determinate condizioni ambientali e si verifica più spesso tra alcune piante, funghi e batteri.

“Spesso viene chiesto loro quante piante diverse crescono in un prato di fanerogame”, ha detto Sinclair, autore di A Studio sulle alghe pubblicato martedì in ritardo In Atti della Royal Society B.

“La risposta ci ha sicuramente sorpreso: solo una! Ecco fatto, solo una pianta è stata ampliata per oltre 180 km a Shark Bay, rendendola la più grande pianta conosciuta sulla Terra”.

Sinclair e i suoi colleghi hanno campionato 10 siti nella catena delle praterie di alghe di Shark Bay nel 2012 e nel 2019. Il team di ricerca ha anche misurato le condizioni ambientali tra cui profondità, temperatura dell’acqua e salinità.

“Stiamo studiando da un po’ le alghe d’acqua fredda nell’Australia meridionale, per capire quanta diversità genetica siano e quanto siano strettamente correlati i prati”, ha detto Sinclair.

READ  I piccoli buchi neri lasciati dal Big Bang potrebbero essere i principali sospettati della materia oscura

Gli scienziati sono riusciti a sequenziare il DNA di campioni di alghe, che Ha rivelato che si trattava di una singola pianta.

“La pianta è stata in grado di continuare a crescere attraverso la crescita vegetativa, estendendo le sue radici (steli delle radici) verso l’esterno, come sarebbe un’erba di bufalo nel tuo giardino sul retro, estendendo i corridori verso l’esterno. L’unica differenza è che le radici delle alghe si trovano sotto il fondale sabbioso, quindi non lo vedi, solo le gemme all’interno della colonna d’acqua”, ha detto.

“La cosa più interessante è che ha il doppio dei cromosomi rispetto alle altre popolazioni che stavamo studiando. Ne ha 40 e non i soliti 20”, ha aggiunto.

Le alghe vivono nelle coste e negli estuari di tutto il mondo.

Lo studio ha suggerito che la riproduzione mediante clonazione ha aiutato le praterie di fanerogame ad adattarsi alle condizioni dell’habitat Che erano più estremi rispetto a dove si trovano solitamente le alghe: più acqua salata, livelli più elevati di luce e grandi fluttuazioni di temperatura.

Sinclair ha detto che il prato di fanerogame copriva quasi 200 chilometri quadrati (77 miglia quadrate o 49.000 acri), più grande di Brooklyn. Questa è un’area molto più grande di Pando scuote gli alberi di pioppo tremulo nello Utah, che è spesso descritto come lo stabilimento più grande del mondo. Il clone si estende su 106 acri ed è costituito da più di 40.000 alberi singoli, secondo il Servizio forestale dell’USDA.

I ricercatori hanno affermato che la prateria di Shark Bay ha circa 4.500 anni, ma è antica, ma la sua età non batte record. un Scopri la Posidonia oceanica nel Mediterraneo occidentale che si estende fino a 9,3 miglia (15 km) potrebbe avere più di 100.000 anni.

READ  SpaceX annulla il lancio dello spazioplano Falcon Heavy X-37B a causa di problemi a terra

“I cloni di alghe possono persistere quasi indefinitamente se lasciati indisturbati, perché dipendono dall’espansione orizzontale del rizoma, piuttosto che dalla riproduzione sessuale”, ha detto Sinclair.