Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Live Nation e Ticketmaster citati in giudizio dal Dipartimento di Giustizia: NPR

Live Nation e Ticketmaster citati in giudizio dal Dipartimento di Giustizia: NPR

Penny Harrison e suo figlio Parker Harrison si sono mobilitati l’anno scorso contro l’industria dei biglietti per gli spettacoli dal vivo fuori dal Campidoglio degli Stati Uniti.

Drew Angerer/Getty Images/Getty Images Nord America


Nascondi didascalia

Attiva/disattiva didascalia

Drew Angerer/Getty Images/Getty Images Nord America

Giovedì il Dipartimento di Giustizia e 30 procuratori generali statali e distrettuali in tutto il paese hanno intentato una causa federale contro Live Nation Entertainment e la sua controllata Ticketmaster. La causa sostiene che Live Nation ha monopolizzato i prezzi dei biglietti per eventi dal vivo negli Stati Uniti. La causa civile antitrust è stata intentata nel distretto meridionale di New York.

Questa lotta è arrivata da molto tempo: appassionati di musica, altri consumatori, artisti, locali indipendenti e persino membri del Congresso hanno sostenuto che Ticketmaster, che si è fusa con Live Nation nel 2010, ha spinto i prezzi dei biglietti a livelli artificialmente alti. Live Nation è da tempo un attore dominante nel mercato degli eventi dal vivo, possedendo partecipazioni significative in locali, promozioni di concerti, festival musicali, biglietteria, sponsorizzazioni, pubblicità e gestione degli artisti – e con un potere significativo in molti aspetti del business, il Dipartimento di Giustizia Afferma di poter limitare effettivamente la propria concorrenza.

In caso di successo, la causa potrebbe rimodellare il panorama degli eventi dal vivo – e i prezzi che i fan pagano per vedere i loro artisti preferiti – in tutto il paese.

I procuratori generali statali e distrettuali che hanno aderito alla causa includono diversi stati che ospitano importanti sedi di eventi dal vivo, tra cui New York, California, Colorado, Florida e Texas.

In una lunga dichiarazione fornita a NPR giovedì, Live Nation ha scritto in parte: “La causa del DOJ non risolverà i problemi che preoccupano i fan riguardo ai prezzi dei biglietti, alle commissioni di servizio e all’accesso agli spettacoli on-demand. Definire Ticketmaster un monopolio sarebbe un vincere.” Nelle pubbliche relazioni a breve termine del Dipartimento di Giustizia, ma perderebbe in tribunale perché ignora gli aspetti economici di base dell’intrattenimento dal vivo, come il fatto che la maggior parte delle commissioni di servizio va ai locali, e che la concorrenza ha costantemente eroso la quota di mercato di Ticketmaster e margine di profitto.

READ  Santos fa causa a Jimmy Kimmel per averlo indotto a realizzare video per deriderlo

Nell’ambito della causa, il Dipartimento di Giustizia e gli Stati sostengono che Live Nation e Ticketmaster si sono impegnati in diverse forme di condotta anticoncorrenziale, comprese ritorsioni contro altre società di promozione e luoghi che collaboravano con i loro concorrenti; escludere i concorrenti attraverso contratti esclusivi di biglietti a lungo termine; limitare l’accesso dei musicisti ai luoghi degli eventi dal vivo; e acquisizioni strategiche di società più piccole e indipendenti che Live Nation presumibilmente considerava una minaccia al suo dominio.

All’inizio di questo mese, nel tentativo di aumentare la trasparenza per i consumatori, la Camera dei Rappresentanti ha approvato il Ticketing Act, che obbligherebbe Live Nation e altri venditori di biglietti a includere tutti i costi e le commissioni nel prezzo di un biglietto per un evento dal vivo. Il disegno di legge, presentato al Senato da Ted Cruz del Texas, ha ricevuto il sostegno di centinaia di musicisti di spicco, tra cui Billie Eilish, Dave Matthews e Nile Rodgers, che hanno scritto in una dichiarazione congiunta: “Ci riuniamo per dire che l’attuale sistema è rotto: I venditori predatori e le piattaforme secondarie adottano pratiche ingannevoli di vendita dei biglietti per gonfiare i prezzi dei biglietti e privare i fan dell’opportunità di vedere i loro artisti preferiti a un prezzo equo.

Secondo la documentazione di giovedì, Live Nation Entertainment attualmente possiede o controlla più di 250 sedi di concerti in tutto il Nord America, controllando circa il 60% delle promozioni di concerti nelle principali sedi di concerti negli Stati Uniti. La società gestisce inoltre direttamente più di 400 spettacoli musicali.

“Da un potere così ampio deriva l’influenza”, hanno affermato il Dipartimento di Giustizia e gli Stati nella causa. Live Nation e la sua controllata Ticketmaster hanno utilizzato questo potere e questa influenza per inserirsi al centro e ai margini di quasi ogni aspetto dell’ecosistema della musica dal vivo.

READ  Caroline Manzo ha fatto causa a Bravo per molestie sessuali nei confronti di Brandi Glanville

“È ora di sciogliere Live Nation-Ticketmaster”, ha dichiarato il procuratore generale Merrick Garland in una nota.

In passato, e ancora nella sua dichiarazione alla NPR di giovedì, Live Nation ha sostenuto che i musicisti – e non la propria compagnia – alla fine stabiliscono il prezzo dei biglietti. Dan Wall, vicepresidente esecutivo per gli affari aziendali e normativi di Live Nation, ha affermato che la causa “ignora tutto ciò che è effettivamente responsabile dell’aumento vertiginoso dei prezzi dei biglietti, dall’aumento dei costi di produzione alla popolarità degli artisti, allo scalping 24 ore su 24, 7 giorni su 7, sui biglietti online.” rivela la disponibilità del pubblico a pagare. Molto più che [what] Costo dei biglietti base.

“Non sorprende che Live Nation punti il ​​dito contro gli artisti”, ha detto giovedì mattina un alto funzionario del Dipartimento di Giustizia. “In un settore in cui gli artisti sono stati storicamente sottoposti a pressioni per ricevere un compenso per il loro lavoro creativo, è importante che gli artisti siano adeguatamente ricompensati”.

“Per noi, questa è solo una bandiera rossa”, ha continuato il funzionario, riferendosi alla precedente argomentazione avanzata da Live Nation. “Come è impostato il sistema? In che modo il controllo di Live Nation a tutti i livelli del sistema consente un’operazione che è in parte distorta dal potere di Live Nation?”

Il Dipartimento di Giustizia sta spingendo per “alleggerimenti strutturali”, ovvero chiedendo a un tribunale federale di sciogliere la società combinata Live Nation-Ticketmaster, la cui fusione è stata approvata dallo stesso Dipartimento di Giustizia nel 2010. I funzionari del Dipartimento di Giustizia ora sostengono che dopo la fusione , Live Nation ha creato un soffocamento nel settore degli eventi dal vivo.

READ  Le ceneri dell'icona di "Star Trek" Nichelle Nichols volano nello spazio, il figlio di Kyle descrive la missione dell'Enterprise come "un grande onore"

Il caso di giovedì è l’ultima causa intentata dall’amministrazione Biden contro le principali aziende accusate di abuso di potere monopolistico. Il Dipartimento di Giustizia e la Federal Trade Commission hanno intentato una causa contro Apple, Google e Amazon. Hanno bloccato con successo la fusione degli editori Penguin Random House, Simon & Schuster e JetBlue Airways con Spirit Airlines. Hanno anche rivelato la partnership tra JetBlue e American Airlines.

Ma l’anno scorso, i funzionari federali hanno perso il tentativo di bloccare la fusione tra Microsoft e il colosso dei videogiochi Activision Blizzard; AMadre di Facebook morta Con la società di realtà virtuale Unlimited; e la compagnia assicurativa UnitedHealth Group con la società tecnologica Change Healthcare.

L’annuncio della causa antitrust federale contro Live Nation è solo il primo passo in quello che quasi certamente sarà un lungo processo contenzioso, quindi gli appassionati di musica probabilmente non dovranno affrontare prezzi dei biglietti più bassi in tempi brevi.

Con ulteriori segnalazioni di Alina Selyukh.