Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’esercito americano entra in una nuova fase nelle operazioni di aiuto a Gaza

L’esercito americano entra in una nuova fase nelle operazioni di aiuto a Gaza

Gli Stati Uniti hanno una storia di utilizzo delle proprie forze armate per fornire cibo, acqua e altri aiuti umanitari ai civili durante guerre o disastri naturali. Le pareti del Pentagono sono decorate con fotografie di tali operazioni ad Haiti, in Liberia, in Indonesia e in innumerevoli altri paesi.

Ma è raro che gli Stati Uniti tentino di fornire tali servizi alle persone bombardate, con il tacito sostegno americano.

La decisione del presidente Biden di ordinare alle forze armate statunitensi di costruire un bacino galleggiante al largo della Striscia di Gaza che consentirebbe la consegna degli aiuti via mare pone i militari statunitensi in una nuova fase nella storia degli aiuti umanitari. Lo stesso esercito che invia le armi e le bombe che Israele usa a Gaza sta ora inviando cibo e acqua nella zona assediata.

L’idea del bacino galleggiante è arrivata una settimana dopo che Biden aveva concesso lanci di aiuti umanitari a Gaza, che gli esperti di soccorso hanno criticato come insufficienti. Gli esperti sostengono che anche un bacino galleggiante non farà abbastanza per alleviare le sofferenze della regione, dove i residenti sono sull’orlo della fame.

Tuttavia, hanno detto gli alti funzionari di Biden, gli Stati Uniti continueranno a fornire a Israele le munizioni che usa a Gaza, cercando allo stesso tempo di fornire aiuti umanitari ai palestinesi bombardati lì.

Quindi il Pentagono sta facendo entrambe le cose.

Per decenni, il Corpo degli Ingegneri dell'Esercito, utilizzando ingegneri da combattimento, ha costruito moli galleggianti affinché le truppe potessero attraversare fiumi, scaricare rifornimenti e condurre altre operazioni militari. Il Maggiore Generale Patrick S. ha detto: Ryder, portavoce del Pentagono, ha detto venerdì che la 7a brigata di trasporto dell'esercito (Expeditionary), della base congiunta Langley-Eustis, vicino a Norfolk, in Virginia, sarà una delle principali unità militari coinvolte nell'operazione. Costruzione del bacino galleggiante per Gaza.

L'esercito americano ha dichiarato domenica che la nave dell'esercito, il generale Frank S. Bison, era salpato da una base vicino a Norfolk, in Virginia, il giorno prima, trasportando attrezzature per costruire un bacino galleggiante e un molo sulla costa di Gaza.

READ  Sondaggio: Il crollo del sostegno russo alla guerra in Ucraina

Il generale Ryder ha detto che il molo sarà costruito e assemblato accanto alla nave militare al largo della costa di Gaza. Funzionari del Ministero della Difesa hanno affermato che la nave avrà bisogno di sorveglianza armata, soprattutto perché si trova all'interno della costa, aggiungendo che stanno lavorando su come garantirne la protezione.

Tipicamente in queste operazioni, una grande nave viene allestita al largo della posizione desiderata e una “struttura di scarico roll-off” – un grande bacino galleggiante – viene allestita accanto alla nave per servirla, ha detto un funzionario dell'esercito americano. Come area di attesa. Le merci spinte o depositate sulla banchina vengono caricate su imbarcazioni marittime più piccole e trasportate verso una banchina temporanea o un ponte ormeggiato sulla spiaggia.

Il ponte temporaneo a due corsie, lungo 1.800 piedi, fu costruito da ingegneri dell'esercito, circondato da rimorchiatori e portato, o “pugnalato”, a riva. Il carico a bordo di piccole imbarcazioni navali poteva quindi essere trasportato sul ponte e sulla spiaggia.

Il generale Ryder venerdì ha insistito sul fatto che i militari avrebbero potuto costruire il ponte e piantarlo nella spiaggia senza mettere stivali – o pinne – americani sul terreno di Gaza. Ha detto che ci vorranno fino a 60 giorni e circa 1.000 soldati americani per spostare la nave dalla costa orientale e costruire il molo e il ponte.

Un funzionario del Ministero della Difesa ha detto che una volta che la nave avrà raggiunto la riva, ci vorranno dai sette ai dieci giorni per montare il pontile galleggiante e il ponte.

Ha aggiunto: “Ciò fa parte di una spinta totale da parte degli Stati Uniti a concentrarsi non solo sul lavoro per aprire ed espandere le strade sul territorio, che è ovviamente il modo ideale per portare aiuti a Gaza, ma anche effettuando lanci aerei. ” Ha detto Ryder.

READ  Duro colpo per Boris Johnson con le dimissioni di importanti ministri del governo del Regno Unito, Rishi Sunak e Sajid Javid

Ha detto che il bacino galleggiante consentirà la consegna di “più di due milioni di pasti al giorno”. La popolazione della Striscia di Gaza è di circa 2,3 milioni di persone.

Il generale Ryder ha ammesso che i lanci aerei e i pontili galleggianti non sarebbero efficaci quanto l’invio di aiuti via terra, cosa che Israele ha impedito. “Vogliamo vedere un aumento significativo della quantità di aiuti che attraversano i territori”, ha detto il generale Ryder. “Ci rendiamo conto che questo è il modo più fattibile per fornire aiuti”.

Ma ha aggiunto: “Non aspetteremo”.

I funzionari hanno affermato che gli Stati Uniti lavoreranno con i partner regionali e gli alleati europei per costruire, finanziare e mantenere il corridoio, sottolineando che l'idea del progetto è nata a Cipro.

Giovedì Sigrid Kaag, coordinatrice degli aiuti umanitari e della ricostruzione delle Nazioni Unite a Gaza, ha accolto con favore l’annuncio di Biden. Ma nella sua conversazione con i giornalisti dopo il briefing al Consiglio di Sicurezza ha aggiunto: “Allo stesso tempo, posso solo ripetere: l’aria e il mare non sono un sostituto della terra, e nessuno dice il contrario”.

Gli sforzi umanitari di Biden a Gaza finora “potrebbero far sentire sollevate alcune persone negli Stati Uniti”, ha detto in un'intervista Robert Ford, ex ambasciatore americano in Siria. Ma ha aggiunto: “Questo è come mettere un cerotto molto piccolo su una ferita molto grande”.

I funzionari hanno detto che gli aiuti umanitari verrebbero probabilmente raccolti a Larnaca, Cipro, a circa 210 miglia nautiche da Gaza. Ciò consentirebbe ai funzionari israeliani di ispezionare prima le spedizioni.

Il funzionario ha detto che mentre il porto temporaneo sarà inizialmente gestito dai militari, Washington ritiene che alla fine verrà gestito a fini commerciali.

I funzionari non sono entrati nei dettagli su come gli aiuti consegnati via mare verranno trasportati dalla costa a Gaza. Ma l'aiuto sarà in parte distribuito dallo chef spagnolo José Andrésfondatore dell'organizzazione no-profit World Central Kitchen, che ha fornito più di 32 milioni di pasti a Gaza.

READ  "Non ci era permesso piangere": l'ostaggio israeliano rilasciato descrive l'"inferno" della detenzione a Gaza

Due diplomatici che hanno familiarità con i piani hanno detto che il porto sarà costruito sulla costa di Gaza, leggermente a nord del valico di Wadi Gaza, dove le forze israeliane hanno istituito un checkpoint principale.

Ma i problemi centrali restano irrisolti. I funzionari umanitari sostengono che consegnare i rifornimenti tramite camion è molto più efficiente e meno costoso che trasportarli agli abitanti di Gaza tramite barca. Ma i camion non sono ancora in grado di consegnare le merci a causa dei bombardamenti israeliani e degli intensi combattimenti di terra nel sud di Gaza.

Fornire aiuti via mare potrebbe non impedire il caos che ha accompagnato le consegne.

Funzionari sanitari hanno detto che più di 100 persone sono state uccise a Gaza il mese scorso quando civili affamati si sono precipitati contro un convoglio di camion umanitari, scatenando una fuga precipitosa e spingendo i soldati israeliani a sparare sulla folla.

L’esercito americano ha inviato aiuti aerei in Medio Oriente e nell’Asia meridionale durante precedenti conflitti, anche durante guerre in cui gli Stati Uniti erano direttamente coinvolti.

Nel 2014, il presidente Barack Obama ha ordinato agli aerei militari di consegnare cibo e acqua a decine di migliaia di yazidi intrappolati in una catena montuosa arida nel nord-ovest dell’Iraq. Gli yazidi, membri di una minoranza etnica e religiosa, stavano fuggendo dai militanti che minacciavano un genocidio.

Nel 2001, il presidente George W. Bush ordinò alle forze britanniche e americane che colpivano i talebani in Afghanistan di lanciare razioni giornaliere dall'aria sui civili intrappolati nelle aree remote del paese.