Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Uomini armati rapiscono 15 bambini mentre dormivano in una scuola in Nigeria

Uomini armati rapiscono 15 bambini mentre dormivano in una scuola in Nigeria

notizie dal mondo

Sabato mattina uomini armati hanno fatto irruzione in un collegio nel nord-ovest della Nigeria e hanno preso 15 bambini mentre dormivano, ha detto la polizia all'Associated Press, circa 48 ore dopo che quasi 300 studenti erano stati presi in ostaggio nella regione colpita dal conflitto.

I rapimenti scolastici sono comuni nella regione settentrionale della Nigeria, soprattutto dopo il rapimento di oltre 200 studentesse da parte di estremisti islamici nel villaggio di Chibok, nello stato di Borno, nel 2014, che ha scioccato il mondo.

Da allora, le bande armate hanno preso di mira le scuole per effettuare rapimenti a scopo di riscatto, provocando il rapimento di almeno 1.400 persone.

La polizia ha detto che gli uomini armati dell'ultimo attacco hanno preso d'assalto il villaggio di Gidan Bakuso, nell'area del Consiglio di Gada, nello stato di Sokoto, intorno all'una di notte, ora locale.

Sabato mattina uomini armati hanno fatto irruzione in un collegio nel nord-ovest della Nigeria e hanno arrestato 15 bambini mentre dormivano, ha detto la polizia all'Associated Press. AP

Ahmed Rufai, portavoce della polizia di Sokoto, ha detto all'AP che sono andati alla scuola islamica dove hanno trattenuto i bambini dal loro ostello prima che arrivassero le forze di sicurezza.

Al-Rifai ha detto che anche una donna è stata rapita dal villaggio, aggiungendo che una squadra tattica della polizia è stata schierata per cercare gli studenti.

Ha sottolineato che la difficoltà di accesso alle strade della zona ha rappresentato una sfida per l’operazione di salvataggio, aggiungendo: “È un villaggio remoto e i veicoli non possono raggiungerlo; Loro (la squadra di polizia) hanno dovuto usare le motociclette per raggiungere il villaggio”.

L'attacco di sabato è stato il terzo rapimento di massa nel nord della Nigeria dalla fine della scorsa settimana, quando presunti estremisti avevano rapito più di 200 persone, la maggior parte delle quali donne e bambini, nello stato di Borno.

READ  Il cancro di Re Carlo fu scoperto presto. Il principe Harry vola a casa

Giovedì sono stati presi in ostaggio anche 287 studenti di una scuola primaria e secondaria governativa nello stato di Kaduna.

I rapimenti scolastici sono comuni nella regione settentrionale della Nigeria, soprattutto dopo il rapimento di oltre 200 studentesse da parte di estremisti islamici nel villaggio di Chibok, nello stato di Borno, nel 2014, che ha scioccato il mondo. AP
Da allora, le bande armate hanno preso di mira le scuole per effettuare rapimenti a scopo di riscatto, provocando il rapimento di almeno 1.400 persone. AP

Gli attacchi evidenziano ancora una volta la crisi di sicurezza che affligge il paese più popoloso dell'Africa. I rapimenti a scopo di riscatto sono diventati redditizi nella regione settentrionale della Nigeria, dove operano dozzine di bande armate.

Nessun gruppo ha rivendicato la responsabilità di nessuno dei rapimenti.

Mentre gli estremisti islamici che stanno conducendo un'insurrezione nel nord-est della Nigeria sono sospettati di aver compiuto il rapimento nello stato di Borno, la gente del posto ha attribuito i rapimenti nelle scuole ai pastori che erano in conflitto con le comunità ospitanti prima di imbracciare le armi.

Nel frattempo, il vicepresidente nigeriano Kashim Shettima ha incontrato sabato le autorità e alcuni genitori degli studenti rapiti nello stato di Kaduna e ha assicurato loro degli sforzi compiuti dalle forze di sicurezza per trovare e salvare i bambini.

Carica altro…




https://nypost.com/2024/03/09/world-news/gunmen-kidnap-15-children-when-they-slept-in-nigeria-school-abduction/?utm_source=url_sitebuttons&utm_medium=site%20buttons&utm_campaign=site 20% bottoni

Copia l'URL di condivisione