Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le azioni stanno affondando mentre la forte inflazione distrugge le speranze di un taglio dei tassi

Le azioni stanno affondando mentre la forte inflazione distrugge le speranze di un taglio dei tassi

Gli economisti valutano le loro opinioni dopo che i prezzi al consumo negli Stati Uniti sono aumentati più del previsto a marzo. Consenso generale? Non aspettatevi tagli dei tassi di interesse a breve.

Reagendo alla lettura, Seema Shah, capo stratega globale di Principle Asset Management, ha dichiarato: “La lettura cruciale dell'IPC di oggi probabilmente ha segnato il destino della riunione del FOMC di giugno, con un taglio ora improbabile”. “Ciò segna il terzo dato positivo consecutivo e significa che la narrativa deflazionistica in stallo non può più essere descritta come un inconveniente.

In effetti, anche se l’inflazione dovesse scendere il prossimo mese fino a raggiungere livelli più confortanti, è probabile che ora ci sia abbastanza atteggiamento accomodante all’interno della Fed da significare che anche il taglio di luglio potrebbe essere eccessivo – a quel punto, le elezioni americane inizieranno a intervenire. “Con la decisione della Fed presa”, ha aggiunto Shah.

Secondo i dati di Bloomberg, gli investitori ora si aspettano due tagli da 25 punti base quest’anno, in calo rispetto ai sei previsti all’inizio dell’anno.

L'indice dei prezzi al consumo (CPI) è aumentato dello 0,4% rispetto al mese precedente e del 3,5% rispetto all'anno precedente a marzo, in accelerazione rispetto all'aumento annuale dei prezzi del 3,2% di febbraio e superiore a quanto previsto dagli economisti.

Su base “core”, che esclude i costi più volatili di cibo e gas, i prezzi a marzo sono aumentati dello 0,4% rispetto al mese precedente e del 3,8% rispetto a un anno fa, il che è coerente con i dati di febbraio. Entrambe le misure sono risultate superiori alle aspettative degli economisti.

I dati più caldi potrebbero spingere più politici “in entrambi i campi a tagliare i tassi di interesse”, ha affermato Ryan Sweet, capo economista americano presso Oxford Economics.

READ  Opinione: il calo delle azioni Intel dimostra che Wall Street deve ancora imparare la lezione sull’hype sull’intelligenza artificiale

“La Fed ha la tendenza a tagliare i tassi di interesse quest’anno, ma la forza del mercato del lavoro e i recenti aumenti dell’inflazione danno alla banca centrale molto spazio per essere paziente”, ha detto Sweet. “Se la Fed non taglia i tassi di interesse a giugno, la finestra potrebbe chiudersi fino a settembre a causa della mancanza di dati rilasciati tra le riunioni di giugno e luglio che potrebbero modificare i calcoli della Fed”.

Secondo lui “sono in aumento le probabilità che la Federal Reserve tagli i tassi di interesse di meno di 75 punti base quest'anno”.

Ma Greg Daco, capo economista di EY, ha avvertito gli investitori di essere pazienti: “Penso che dobbiamo stare molto attenti all’idea che si tratti di un processo play-by-play”.

In un'intervista con Yahoo Finance, ha osservato: “Questo tipo di letture indicano ancora pressioni deflazionistiche. Si sta ancora muovendo nella giusta direzione e ci vorrà del tempo.”

Dopo la pubblicazione dei dati, i mercati scontavano una probabilità dell’80% che la Fed mantenesse i tassi di interesse stabili nella riunione di giugno. Secondo i dati FedWatch dell'Ecm. Questo è in aumento rispetto alla probabilità di circa il 40% del giorno prima.

Più della metà degli investitori scommette anche sul fatto che la banca centrale rimanga stabile durante la riunione di luglio, con i mercati che ora anticipano ampiamente che il primo taglio arriverà a settembre.

Leggi di più qui.