Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le autorità russe sostengono che la rete russa che “paga i politici europei” è stata smantellata

Le autorità russe sostengono che la rete russa che “paga i politici europei” è stata smantellata

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Il primo ministro belga Alexander De Croo ha affermato che i membri del Parlamento europeo hanno ricevuto denaro dalla rete

Secondo le autorità di diversi paesi, una rete di “propaganda” sostenuta dalla Russia per diffondere storie anti-ucraine e pagare politici europei senza nome è stata smantellata.

Gli investigatori hanno affermato che avrebbe utilizzato il popolare sito web Voice of Europe come mezzo per pagare i politici.

La Repubblica Ceca e la Polonia hanno affermato che la rete mirava a influenzare le elezioni europee.

Voice of Europe non ha risposto alla richiesta di commento della BBC.

I media cechi, citando l'agenzia statale di intelligence BIS, hanno riferito che politici provenienti da Germania, Francia, Polonia, Belgio, Paesi Bassi e Ungheria hanno ricevuto denaro da Voice of Europe per influenzare le prossime elezioni per il Parlamento europeo.

Il quotidiano tedesco Der Spiegel ha affermato che il denaro è stato consegnato in contanti durante riunioni segrete a Praga o tramite scambi di criptovaluta.

La Repubblica Ceca sostiene che dietro questa rete si nasconde l'oligarca ucraino filo-russo Viktor Medvedchuk.

Medvedchuk fu catturato in Ucraina poco dopo l'invasione russa, ma fu successivamente trasferito in Russia con circa 50 prigionieri di guerra e 215 ucraini.

Le autorità ceche hanno anche nominato Artyom Marchevski, sostenendo che gestiva le operazioni quotidiane del sito. Le autorità ceche hanno imposto sanzioni a entrambi gli uomini.

L'agenzia di intelligence polacca ha dichiarato di aver condotto perquisizioni nelle regioni di Varsavia e Tychy e di aver sequestrato 48.500 euro (41.500 sterline) e 36.000 dollari (28.500 sterline).

La Banca dei Regolamenti Internazionali ha dichiarato in un comunicato: “Il denaro proveniente da Mosca è stato utilizzato per pagare gli stipendi di alcuni attori politici che diffondono la propaganda russa”.

Lei ha aggiunto che gli importi ammontano a “milioni” di corone ceche (decine di migliaia di sterline).

La BRI ha affermato che la presunta rete di propaganda “mira a svolgere attività contro l’integrità territoriale, la sovranità e l’indipendenza dell’Ucraina”.

La Banca dei Regolamenti Internazionali non ha menzionato i nomi dei politici presumibilmente coinvolti. Tuttavia, il primo ministro belga Alexander De Croo ha affermato che tra loro c'erano membri del Parlamento europeo.

“È emerso, ad esempio, che la Russia ha contattato i membri del Parlamento europeo, ma li ha anche pagati [them]”Per promuovere la propaganda russa qui”, ha detto De Croo ai parlamentari belgi.

Giovedì il sito web di Voice of Europe era offline. Una versione archiviata della sua home page mostrava diversi articoli che evidenziavano le divisioni interne ai paesi europei ed esprimevano dubbi sul sostegno all’Ucraina.

Tra questi: “Protesta a Praga: la voce del popolo contro la corruzione e il sostegno militare all'Ucraina e al governo” e “L'esercito ucraino deve far fronte a una crescente carenza di truppe tra le sfide attuali”.

Voice of Europe aveva più di 180.000 follower su Twitter/X. Il giornale non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

READ  Kylian Mbappe cerca di riorganizzare la gerarchia del calcio nella finale della Coppa del Mondo