Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Russia blocca il rinnovo del comitato Onu che monitora le sanzioni contro la Corea del Nord  Notizie delle Nazioni Unite

La Russia blocca il rinnovo del comitato Onu che monitora le sanzioni contro la Corea del Nord Notizie delle Nazioni Unite

Le sanzioni imposte dal 2006 rimarranno in vigore, ma il mandato del comitato di esperti scadrà il 30 aprile.

La Russia ha usato il suo potere di veto contro la risoluzione delle Nazioni Unite per rinnovare la formazione di un gruppo di esperti delle Nazioni Unite per monitorare il rispetto delle sanzioni internazionali da parte della Corea del Nord.

La mossa russa fa seguito alle accuse di Stati Uniti, Corea del Sud e altri paesi secondo cui Pyongyang sta fornendo a Mosca armi da utilizzare nella guerra in Ucraina.

Il gruppo, che da quasi 20 anni monitora il rispetto delle sanzioni ONU imposte sulle armi nucleari e sui programmi missilistici balistici della Corea del Nord, ha dichiarato nel suo ultimo aggiornamento di questo mese che sta indagando sui rapporti di trasferimenti di armi.

“È quasi come distruggere una telecamera di sorveglianza per evitare di essere colti in flagrante”, ha detto l'ambasciatore della Corea del Sud all'ONU, Jungkook Hwang, a proposito del veto della Russia.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, sui social media dopo il veto, ha descritto la mossa come un “ammissione di colpa”.

Giovedì la Cina si è astenuta dal voto, mentre i restanti 13 Stati membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite hanno votato a favore della risoluzione.

“Le azioni della Russia oggi hanno minato cinicamente la pace e la sicurezza internazionale, tutto al fine di portare avanti l'accordo corrotto che Mosca ha stretto con la Repubblica popolare democratica di Corea”, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller, riferendosi al Nord con il suo nome ufficiale, Repubblica popolare democratica. della Corea.

READ  Blu e bianco, una nuova speranza, l'Unione, si presenterà come una lista comune nella votazione di novembre

Il Comitato presenta i suoi rapporti due volte l'anno al Consiglio di Sicurezza e raccomanda misure per migliorare l'attuazione delle sanzioni imposte per la prima volta nel 2006 e gradualmente rafforzate. Il suo mandato scade alla fine di aprile.

Il veto “dimostra ulteriormente l'inefficacia del Consiglio di sicurezza dell'ONU nel trattare con la Corea del Nord, e dimostra crudamente la riluttanza di alcuni membri permanenti a rispettare i propri obblighi”, ha affermato Leif-Eric Isley, professore di studi internazionali alla Ewha Women's University di Seoul. .

Durante i negoziati sulla bozza del testo, Russia e Cina hanno spinto, senza successo, affinché venisse inclusa una condizione che richiedesse il rinnovo annuale del regime delle sanzioni. Negli ultimi anni ha invitato entrambi i paesi ad allentare le sanzioni.

L'ambasciatore russo presso le Nazioni Unite, Vasily Nebenzia, ha dichiarato al Consiglio prima del voto che i paesi occidentali stanno cercando di “soffocare” la Corea del Nord e che le sanzioni hanno iniziato a perdere la loro “rilevanza” e si sono “distaccate dalla realtà” nel prevenire la diffusione. delle armi nucleari nel paese. .

Ha accusato il comitato di esperti di “diventare sempre più un giocattolo nelle mani degli approcci occidentali, ristampando informazioni distorte e analizzando titoli di giornali e foto di scarsa qualità”. Pertanto, ha detto, “ammette fondamentalmente la sua incapacità di raggiungere valutazioni sobrie sullo stato del regime delle sanzioni”.

L’ultimo rapporto del comitato è stato pubblicato all’inizio di questo mese e afferma che la Corea del Nord “ha continuato a violare” le sanzioni, compreso il lancio di missili balistici e la violazione dei limiti di importazione di petrolio. Oltre alle presunte spedizioni di armi alla Russia, il comitato ha affermato che sta anche indagando su dozzine di sospetti attacchi informatici da parte della Corea del Nord che hanno fruttato 3 miliardi di dollari dai suoi programmi di armi.

READ  L'Arabia Saudita considera di accettare yuan invece di dollari nelle vendite di petrolio cinese

Il vice ambasciatore americano all'ONU, Robert Wood, ha descritto il lavoro del comitato come necessario e ha accusato la Russia di cercare di mettere a tacere le sue “indagini obiettive e indipendenti” perché “ha iniziato l'anno scorso a denunciare flagranti violazioni russe delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell'ONU”.

Ha avvertito che un veto russo incoraggerebbe la Corea del Nord a continuare a mettere in pericolo la sicurezza globale attraverso lo sviluppo di “missili balistici a lungo raggio e gli sforzi per eludere le sanzioni”.

Mosca ha respinto le accuse di acquistare armi da Pyongyang, che ha continuato a sviluppare nuove armi nonostante le sanzioni, e ha condotto numerosi test negli ultimi mesi, inclusa la settimana scorsa quando ha testato un motore a combustibile solido per un “nuovo tipo a medio raggio”. .” Un missile ipersonico.”

Prima del voto, gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno lanciato una task force volta a impedire alla Corea del Nord di acquistare petrolio illegalmente. In base alle sanzioni delle Nazioni Unite, Pyongyang si limita a importare quattro milioni di barili di petrolio greggio e 500.000 barili di prodotti raffinati all’anno.

L'ambasciatrice britannica all'ONU Barbara Woodward ha dichiarato: “Il comitato, attraverso il suo lavoro per denunciare il mancato rispetto delle sanzioni, è stato un fastidio per la Russia”. “Ma vorrei essere chiaro con la Russia: il regime di sanzioni rimane in vigore e il Regno Unito resta impegnato a chiedere conto alla Corea del Nord del suo rispetto”.

Ad agosto, la Russia ha usato il suo veto per porre fine al mandato di un gruppo di esperti delle Nazioni Unite in Mali, che accusavano i mercenari Wagner legati a Mosca di coinvolgimento in diffuse violazioni.

READ  Gli ultimi aiuti Usa con armi arrivano in Ucraina