Giugno 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Lai Ching-te: il nuovo presidente di Taiwan chiede alla Cina di fermare le “intimidazioni” dopo aver prestato giuramento

Lai Ching-te: il nuovo presidente di Taiwan chiede alla Cina di fermare le “intimidazioni” dopo aver prestato giuramento


Taipei
CNN

Il presidente di Taiwan Lai Ching-tei ha invitato Pechino a fermare le sue intimidazioni nei confronti dell’isola democratica dopo aver prestato giuramento come presidente lunedì, segnando l’inizio di uno storico terzo mandato consecutivo per il Partito Democratico Progressista al potere, che ha sostenuto la democrazia. In uno scontro Anni di minacce crescenti Dalla tirannia Cina.

Lai, 64 anni, medico ed ex vicepresidente, è stato insediato insieme al nuovo vicepresidente Hsiao Pi-chim, che recentemente è stato il principale inviato di Taiwan negli Stati Uniti.

Pechino prova un aperto odio verso entrambi i leader e il loro partito a causa della loro difesa della sovranità di Taiwan. Il Partito comunista cinese al potere afferma che la democrazia autogovernata fa parte del suo territorio, anche se non l’ha mai controllato, e ha promesso di impadronirsi dell’isola con la forza, se necessario.

Lai ha utilizzato il suo discorso inaugurale di 30 minuti per trasmettere un messaggio di pace e dichiarare che “l’era gloriosa della democrazia a Taiwan è arrivata”, descrivendo l’isola come un “anello importante” in una “catena globale di democrazie”, sottolineando al contempo la determinazione nel difendere la propria sovranità.

“Il futuro della Repubblica Cinese di Taiwan sarà deciso dai suoi 23 milioni di abitanti. Il futuro che decidiamo non è solo il futuro della nostra nazione, ma il futuro del mondo”, ha detto Lai, usando il nome ufficiale di Taiwan.

Lai prende il posto del DPP Il suo predecessore, Tsai Ing-wen, che ha rafforzato lo status e il riconoscimento internazionale di Al Jazeera durante gli otto anni trascorsi in carica. Tsai, la prima donna presidente di Taiwan, non ha potuto ricandidarsi a causa dei limiti di mandato.

per ogni Ne è uscito vittorioso La Cina ha battuto i rivali all’opposizione Kuomintang e il Partito popolare di Taiwan nelle elezioni di gennaio, combattute su un mix di questioni di sostentamento e sulla spinosa questione di come comportarsi con il suo gigantesco stato monopartitico vicino, la Cina. Durante il regno del leader Xi Jinping, è diventato più potente e aggressivo.

READ  Russia, Sudafrica e un "ordine mondiale ridisegnato"

Gli elettori hanno poi ignorato gli avvertimenti di Pechino secondo cui la rielezione del DPP avrebbe aumentato il rischio di conflitto. Il Partito Democratico Progressista vede Taiwan come uno Stato sovrano di fatto che deve rafforzare le difese contro le minacce della Cina e approfondire le relazioni con i paesi democratici.

Nel suo discorso di insediamento, Lai ha invitato la Cina a “fermare le intimidazioni politiche e militari contro Taiwan, condividere la responsabilità globale con Taiwan nel mantenimento della pace e della stabilità nello Stretto di Taiwan e nella regione più ampia, e garantire la libertà del mondo da queste minacce”. Paura della guerra.”

Lai, un politico veterano dalla voce pacata, proviene da un’ala più estrema del Partito Democratico Progressista e un tempo era un schietto sostenitore dell’indipendenza di Taiwan, una linea rossa per Pechino.

Anche se da allora le sue opinioni si sono ammorbidite, la Cina non lo ha mai perdonato per i commenti che fece sei anni fa in cui si descriveva come un “lavoratore pratico per l’indipendenza di Taiwan”.

Lai ha ora affermato di preferire lo status quo, dichiarando che “Taiwan è già un paese indipendente e sovrano” quindi “non esiste alcun piano o necessità” di dichiarare l’indipendenza, in una posizione volutamente sottile che imita la posizione sposata dal dimissionario Tsai.

Interrogato lunedì sull’insediamento di Lai in una regolare conferenza stampa, un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha detto: “L’indipendenza di Taiwan è un vicolo cieco. Non importa quale pretesto o slogan si usi, promuovere l’indipendenza e la secessione di Taiwan è destinato al fallimento”.

All’inaugurazione di Lai hanno partecipato leader nazionali di una manciata di paesi con cui Taiwan intrattiene ancora relazioni diplomatiche formali, diversi ex funzionari statunitensi e legislatori di altri paesi, secondo il ministero degli Esteri di Taiwan.

In una dichiarazione, il segretario di Stato americano Antony Blinken si è congratulato con Lai e “con il popolo di Taiwan per aver dimostrato ancora una volta la forza del loro sistema democratico forte e resiliente”.

“Non vediamo l’ora di lavorare con il presidente Lai e con tutto lo spettro politico di Taiwan per promuovere i nostri interessi e valori condivisi, approfondire le nostre relazioni informali di lunga data e mantenere la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan”, ha affermato Blinken.

READ  Bolsonaro affronta nuovi rischi legali dopo la sua permanenza presso l'ambasciata ungherese

Sam Yeh/AFP/Getty Images

Gli artisti partecipano alla parata successiva all’insediamento del presidente taiwanese Lai Ching-tei e del vicepresidente Hsiao Bi-kim a Taipei il 20 maggio.

Lai entra in carica durante un periodo particolarmente controverso tra Taiwan e Cina, che negli ultimi anni ha intensificato la pressione diplomatica, economica e militare sulla nazione democratica autogovernata, con i leader di Taiwan che hanno stretto legami informali con Washington.

Nel suo discorso di insediamento, Lai ha affermato di sperare che la Cina “affronti la realtà dell’esistenza della Repubblica di Cina, rispetti le scelte del popolo di Taiwan” e “cooperi con il governo legittimo scelto dal popolo di Taiwan. ”

Ha chiesto la ripresa del turismo su base reciproca e l’iscrizione degli studenti universitari nelle istituzioni taiwanesi come passi per “cercare la pace e la prosperità reciproca”.

Ma il nuovo presidente ha anche messo in guardia dal nutrire illusioni, anche se Taiwan persegue “ideali di pace”.

“Finché la Cina si rifiuta di rinunciare all’uso della forza contro Taiwan, tutti noi a Taiwan dobbiamo capire che anche se accettiamo la posizione della Cina nella sua interezza e rinunciamo alla nostra sovranità, l’ambizione della Cina di annettere Taiwan non scomparirà semplicemente”, ha affermato Lai. disse.

Pechino ha cercato di ritrarre Lai come un istigatore del conflitto e ha ripetutamente descritto le elezioni di inizio anno come una scelta tra “pace e guerra”.

Lunedì, l’Ufficio cinese per gli affari di Taiwan ha fatto eco a quella retorica, criticando il “leader della regione di Taiwan” poiché “invia segnali pericolosi cercando l’indipendenza, provocazioni e minando la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan”.

Xi ha posizionato la “riunificazione” con Taiwan come una parte fondamentale del suo obiettivo di raggiungere il “ringiovanimento naturale” della Cina. Ma grazie alle sue tattiche energiche durante più di un decennio al potere, l’opinione pubblica di Taiwan si è decisamente allontanata dalla Cina. Meno del 10% ora sostiene l’unificazione immediata o definitiva meno del 3% Identificandosi principalmente come cinese.

READ  Boris Johnson abbandona la corsa per essere leader del Partito conservatore britannico e prossimo primo ministro

La maggioranza dei taiwanesi vuole mantenere lo status quo e non mostra alcun desiderio di essere governata da Pechino.

Pechino ha interrotto le comunicazioni ufficiali con Taipei da quando Tsai è entrato in carica. In contrasto con l’opposizione del Kuomintang, Tsai e il Partito Democratico Progressista si sono rifiutati di sostenere il cosiddetto “consenso del 1992” secondo cui sia Taiwan che la Cina continentale appartengono a “una Cina”, ma con interpretazioni diverse di cosa ciò significhi. Pechino considera l’accordo implicito una precondizione per il dialogo.

È improbabile che i contatti ufficiali tra Pechino e Taipei riprendano una volta che Lai entrerà in carica, poiché la Cina ha ripetutamente rimproverato la sua offerta di colloqui e lo ha condannato come un pericoloso separatista.

Lai è inoltre destinato ad affrontare sfide – e controlli – nel portare avanti la sua agenda per Taiwan in Parlamento durante il suo mandato.

A differenza del suo predecessore, Lai non avrà la maggioranza parlamentare nei prossimi quattro anni. Nelle elezioni di gennaio, il Partito Democratico Progressista al potere ha ottenuto solo 51 seggi su 113.

Queste sfide sono emerse venerdì scorso, quando i disaccordi tra i legislatori taiwanesi su nuovi e controversi progetti di riforma sono sfociati in una rissa in parlamento – uno spettacolo caotico che ha visto alcuni legislatori saltare i tavoli e trascinare i loro colleghi a terra, con alcuni membri essere inviato in ospedale.

Nel suo discorso, Lai ha affermato che “la mancanza di una maggioranza assoluta significa che i partiti di governo e di opposizione sono ora in grado di condividere le loro idee e che affronteremo le sfide che la nazione si trova ad affrontare come un’unica squadra”.

Ma ha anche chiesto la cooperazione affinché Taiwan possa “continuare su un percorso stabile”.